Cambia la prospettiva Home Raccomandata

28 Feb, 2009

Appello dei dipendenti della Felisatti

Inserito da: PpF In: Economia, sviluppo, lavoro

facebook technorati okno segnalo
Share

panoalta

Gentile Sig. Tavolazzi,

con la presente Le inviamo, in allegato, copia della lettera che stiamo divulgando sulle principali testate locali e nazionali per far conoscere la nostra drammatica realtà. Con l’occasione Le chiediamo gentilmente un  incontro per poterLe esporre di persona le problematiche che la ns. azienda sta attraversando, in virtù del fatto che il Suo programma elettorale prevede una particolare attenzione alla tutela dell’occupazione e della salvaguardia del patrimonio produttivo locale.

La ringraziamo ed attendiamo fiduciosi un Suo cortese riscontro per poterLa incontrare.

Cordiali saluti

Dipendenti Felisatti

Caro Direttore,

siamo i dipendenti della Felisatti Elettroutensili S.p.A in Liquidazione, ormai ex dipendenti, Le scriviamo questa nostra lettera in quanto a breve saremo tutti in cassa integrazione, poi in mobilità.

Tutto normale fin qui nel nostro territorio, ma la cosa più amara che ci accompagna è che questa

azienda non dovrebbe essere chiusa in quanto abbiamo dimostrato, negli ultimi mesi di lavoro, di

continuare a svolgere un’ottima attività commerciale con buoni risultati di vendita e ciò in controtendenza  con l’andamento attuale del mercato e  tutto questo da soli.

Inoltre abbiamo contribuito a segnalare ai nostri Liquidatori, alcuni potenziali acquirenti per l’assegnazione di un ramo di Azienda che riteniamo di comprovata credibilità ed affini alla nostra tipologia di prodotti di alta qualità.

Dopo otto mesi dall’inizio della procedura di liquidazione e nonostante i massimi sforzi per mantenere la posizione sul mercato non si è giunti a nessun risultato concreto.

A questo punto sospettiamo che la Proprietà (CCC, COOP ESTENSE, COOP COSTRUZIONI, COOP-IM, COOPFOND, C.M.R., COOPERARE E SVILUPPO) non abbia nessuna intenzione di cedere il ramo d’Azienda, nonostante un autentico interesse di alcuni partner rivolto al nostro patrimonio di persone e conoscenze, e questo ci porta inevitabilmente a dedurre che la Proprietà ci abbia acquisito con la premeditata intenzione di chiudere per realizzare una mera speculazione edilizia. Se ciò dovesse rivelarsi anche solo parzialmente vero, si tratterebbe di un fatto gravissimo, in antitesi con i principi della cooperazione.

Vorremmo ricordare ai Suoi lettori il nostro travagliato percorso iniziato circa sei anni fa, trascinati

nel vortice del crack  Coopcostruttori. Già allora l’azienda stranamente fu ceduta ad un gruppo di cooperative, ignorando volontariamente imprese del settore che avrebbero potuto portare questa azienda ad ottimi livelli. Al contrario, riteniamo che il pool di cooperative sia responsabile di aver palesemente trascurato ed ignorato alcune opportunità oggettive volte al mantenimento dell’attività (per la seconda volta dal 2003), in nome di una politica economico-sociale poco attenta alle esigenze di una realtà locale viva e che chiede solo di poter continuare a lavorare.

Chiediamo, una volta per tutte, chiare spiegazioni alla Proprietà, alla Lega delle Cooperative (nella persona del Sig. Mirko Dondi, ex Presidente della Felisatti), agli Assessori Modonesi e Carrara ed alle Associazioni Sindacali.

Ancora una volta affrontiamo una situazione paradossale in quanto riceviamo ordini consistenti sia dall’Italia che dall’Estero e quindi ci chiediamo perché, in un momento di recessione generale globale come questo, si debba ignorare o peggio chiudere volutamente un’Azienda con un marchio storico di prestigio che potrebbe offrire ancora occupazione, salvaguardando, nello stesso tempo, un patrimonio economico-sociale che costituisce una ricchezza del nostro territorio.

Infine ci chiediamo dove siano finiti i 25 posti di lavoro promessi nel Giugno del 2008, in occasione dell’accordo siglato tra le parti sociali e la proprietà, di cui 5 parevano essere già individuati. Ad oggi ancora nessuna notizia, temiamo che non siano stati fatti tutti gli sforzi possibili.

Questa lettera verrà inoltre inviata anche ai nostri candidati Sindaci, i quali, nei loro programmi elettorali, citano la tutela dell’occupazione tra i primi obiettivi da realizzare. Perché non attivarsi per mantenere quelli già esistenti?

Chiediamo quindi un incontro con i candidati Sindaci per aiutarci a sensibilizzare la Proprietà e la Lega delle Cooperative affinché si possa cambiare idea sul futuro della Felisatti e, se non bastasse, chiederemo un incontro con il segretario nazionale del PD, dott. Dario Franceschini.


I Dipendenti della FELISATTI Elettroutensili SpA in Liquidazione

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese