Cambia la prospettiva Home Raccomandata

13 Giu, 2012

Beppe su di me non dice la verità

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo

 

di Valentino Tavolazzi

Nell’intervista di Marco Travaglio a Beppe Grillo pubblicata su Il Fatto Quotidiano e su ilfattoquotidiano.it del 13.06.12, vengo chiamato in causa.

Anche io non voglio parlare male di Beppe, siamo amici da tanti anni (aiutò molto le battaglie ambientaliste nella mia città, contro inceneritore e turbogas, cui ho contribuito quale esponente di Medicina Democratica) e gli sono riconoscente per il cambiamento che sta producendo nel nostro paese, tuttavia vi chiedo cortesemente di pubblicare questa mia replica ad alcune non – verità da lui dette sulla mia persona.

E’ vero: nel 2009, quando Progetto per Ferrara decise di farsi certificare dal Blog di Grillo come lista civica a Cinque Stelle, il MoVimento non era ancora nato. Ma questo vale per molte altre liste che ancora oggi fanno parte del movimento. Inoltre Beppe avrà sicuramente dimenticato di aver concesso l’uso del simbolo alla lista MoVimento 5 Stelle Emilia Romagna per le elezioni del 2010, alle quali io ed altri tre appartenenti a Progetto per Ferrara eravamo candidati. Glielo ricordo volentieri.

Cosa vuol dire aver la “testa a forma di partito”? Beppe afferma che faccio politica da troppo tempo. In realtà è facile constatare dal mio curriculum vitae, da sempre pubblicato sul nostro sito, che ho iniziato a fare politica alla fine del 2008, proprio fondando la lista civica poi certificata da Beppe, a parte una parentesi di pochi mesi negli anni ‘70 come consigliere di circoscrizione per il PCI. Con questi parametri di espulsione quanti rimarrebbe dentro il Movimento?

Non ho mai fatto riunioni in cui io abbia parlato di “organismi interni, cariche e strutture verticali”. Al contrario ho promosso giornate sulla Democrazia Diretta, che proprio Beppe ha contrastato, con me al telefono, mai pubblicamente. Quella Democrazia Diretta che ora lui promuove tutti i giorni sui media.

La mia non-iscrizione al MoVimento 5 Stelle è certamente la sua amnesia più grande. Basta intervistare gli eletti ed attivisti dell’Emilia Romagna. Emergerebbero decine di riunioni cui ho partecipato per la campagna elettorale regionale del 2010 (candidato del movimento 5 Stelle Giovanni Favia); centinaia di mail con lo staff di Grillo come eletto del movimento 5 Stelle; partecipazioni alle riunioni nazionali per gli eletti, convocate da Casaleggio a Milano. A due di esse mi è stato chiesto di relazionare sul ruolo del consigliere comunale, sui bilanci e sull’acqua pubblica.

Se qualcuno ha diviso il Movimento non sono stato io, bensì chi ha scritto i post della nostra espulsione. Noi di PpF, come molti altri, abbiamo sempre cercato di dare attuazione al Non Statuto, con particolare attenzione alla democrazia interna. Ma Beppe non ha voluto seguirci, al contrario ci ha sempre osteggiato. Non so perché. Forse non gli interessa dare l’esempio.

Anche sul rapporto con Pizzarotti non dice la verità: con lui e non solo hanno parlato sia Beppe che Casaleggio, minacciando che si sarebbero tirati indietro dal MoVimento, qualora Federico avesse nominato me Direttore Generale a Parma.

Ora faccio io una domanda a Beppe.

Anche se fosse vero quello che dice di me, perché ha espulso tutti i ragazzi della lista PpF e tutti quelli della Lista di Cento?

Beppe ha chiaramente preso un abbaglio, non so chi lo abbia consigliato. Potrebbe bastare un “ho sbagliato, mi dispiace”, sbagliare è umano, ma, mi ha confermato sempre al telefono, non lo farà mai per evitare una “figura di merda” [cit.].

Colgo l’occasione per rilanciare la disponibilità delle liste di Ferrara e Cento, da sempre offerta, ad un confronto con Grillo e Casaleggio in un’assemblea del Movimento 5 Stelle.

In ogni caso, con o senza il suo simbolo, noi continueremo a lavorare per il Movimento.

 

 

Valentino Tavolazzi

Progetto per Ferrara

  • Ilbertiarreda

    Vale,io ti credo…vediamo se mi butteranno fuori dai coglioni per questa affermazione.L’articolo sul Fatto è pieno di vuoti riempiti da parole che non certificano nulla…300 persone prese casualmente con lostrumento della rete da portare in parlamento ?? Ma che mi facciano il piacere,si fa fatica a tirare avanti nei comuni,con mille cose da imparare e poco tempo a disposizione perchè per far politica serve una grande passione ma serve anche avere un lavoro per mangiare…Vedo nel prossimo futuro,tanti illusi e milioni di delusi,forse Beppe non si aspettava un successone cosi,ma senza un minimo di organizzazione possiamo solo andare a troie verso sera,o fare la nostra onesta parte nei nostri comuni…Non montiamoci la testa.
    Daniele Berti neo consigliere per il M5S

  • Matteo Marchetto

    Tavolazzi sei furbo ma quello che mente sei tu 
    http://www.progettoperferrara.org/wp-content/uploads/2009/01/statuto2.pdf
    Mi sembra di leggere qualcosa che va contro il non-statuto del M5S nei punti FONDI PUBBLICI, STRUTTURA VERTICALE, CONTRIBUTO OBBLIGATORIO e via discorrendo. Prima spiega questo alle persone del Ppf

  • ennesimo

    Perchè invece gli attuali 900 parlamentari sono scelti con criterio? Ma fammi il piacere tu!
    Nella vita bisogna anche non avere paura di mettersi in gioco. Governare un paese è una grossa responsabilità ma non è un incarico inarrivabile. E ti faccio presente che, come in tutte le organizzazioni, a lavorare di più sono quelli ai piani più bassi della piramide. In sostanza, a mandare avanti l’Italia sono 60 milioni di italiani, non 945 (o quanti siano per l’esattezza nelle camere).

  • ValerioTavolazzi

    Caro Matteo posto che lo Statuto è dell’associazione e non della lista civica, hai letto la data dello Statuto? Forse sei tu il furbo. Beppe lo conosceva dal giorno in cui ci ha certificato. E come noi molte altre liste hanno uno statuto. Le manderà via tutte?? Perchè noi? Cento per esempio non aveva lo statuto, ma li ha espulsi lo stesso.

  • Matteo Marchetto

    Io credo che il problema non sia avere una lista ma quello che è contenuto al suo interno. Riguardo alla data è quella di quando lo avete messo li voi mica io :D..cmq se fossi nei panni dei ragazzi espulsi aprirei una discussione in merito sulla piattaforma 
    http://www.movimentocinquestelle.it/
    Saluti!

  • Roberto Zambelli

    Mi pare che si dica la verità a singhiozzo e questo non fa onore a nessuno

  • PpF
  • Ghost99

    Non vedo l’ora di sapere da Casaleggio che tipo di ortaggi ha piantato nel suo orto ad Ivrea….ah Beppe, nn hai risposto alla domanda sul simbolo, da vero politico sai glissare, ma poi ti si legge. PS: dici un sacco di inesattezze nell’articolo, l’hai scrityto tu o CHI PER TE?!!

  • Ile

    Accidenti, erano mesi che chiedevo in giro cosa vi foste detti “voi” eletti sull’acqua pubblica a Milano. Oramai tocchiamo l’anno e 7 giorni , nel giorno dell’anniversario del referendum riesco a venire a conoscenza del link delle slide ! Fantastico.
    Ma a quell’epoca il fatto di fare le cose riservate non dava scandalo e le domande come queste rimanevano inevase ……( e sono rimaste inevase, emergono per altri motivi )

  • Paolo

    Gran brutto fatto quello delle espulsioni senza motivazione e senza possibilità di difesa. Nemmeno la peggiore Lega Nord sapeva fare altrettanto. Grillo accusa Tavolazzi di portare il metodo partitocratico all’interno del movimento e fa’ credere agli illusi che si possa imbastire le politica solo sul web senza confronto diretto. Io direi piuttosto che Grillo sta’ eliminando le teste pensanti per tenere politici succubi da condizionare dall’esterno. Vedremo se a Parma accetteranno questa logica o agiranno con la propria testa e con la propria capacita’ di critica. Stiamo ad aspettare gli sviluppi della situazione per valutare se andare a votare o rimanere a casa per protesta. In ogni caso ricordo che i pirati tedeschi si sono accorti che il web ha dei grossi limiti di trasparenza e le decisioni le prendono ora solo in assemblea guardandosi in faccia….

  • Marinellasaitta

    Dani , non sono d’accordo con te io non vedo in fututro tanti illusi e milioni di delusi, vedo solo una società diversa culturalmente diversa con la voglia di partecipare, sentendosi coinvolta in una politica che non può essere solo per pochi. E poi mi chiedo perchè abbiamo bisogno sempre che tutto sia organizzato catalogato, questo non è prerogativa di successo, tutto cambia e spesso cambia velocemente, il movimento è quello  che ti dà la possibilità di plasmarti ai continui cambiamenti. Sicuramente non è semplici ma di certo non impossibile , basta crederci. 

  • ValerioTavolazzi

    Tutto è organizzazione, anche la non organizzazione. In effetti anche il MoVimento è organizzato e ha delle regole (il Non Statuto), a modo suo certo, molto liquido (a parole), molto semplicemente, ma lo è. E questa organizzazione ha premesso l’espulsione, senza chiari motivi, di diverse liste. E senza sentire il parere della base. Allora la vera domanda è: ci piace questa organizzazione del MoVimento? 

  • ValerioTavolazzi

    Hai ragione Ile, ma, a dirla tutta, la scelta di indire riunioni solo per eletti, segrete, in cui non si poteva nemmeno riprendere, la scelta di aprire un forum privato solo per eletti dove mettere i file degli incontri segreti, non sono state scelte da noi della base, ci sono state imposte. Così come hanno provato ad imporci 4 responsabili e ci siamo ribellati. E nonostante il periodo intenso (in 3 anni abbiamo avuto 3 campagne elettorali) l’abbiamo sempre fatto presente, magari a bassa voce, perchè volevamo fare poco chiasso e permettere a tutti di valutare la cosa insieme, come Gruppo, senza fare strappi o danni. E ci siamo spinti così avanti (D-Day) che ci hanno sbattuto fuori, quindi eventualmente, vallo a dire a chi sta zitto dall’inizio e non ha ancora detto niente sulle regole interne del MoVimento, per non contraddire quanto imposto dall’alto dallo Staff.

  • ValerioTavolazzi

    Tipo questa? http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/03/lettera-a-grillo—caso-tavolazzi-e-lista-ppf.html ciao

  • Guido Guidotti

    L’oro si prova col fuoco. Caro Valentino, tutta la mia solidarietà. Hai dimostrato ora più di prima, di essere una persona di valore. Prima o poi Grillo te lo riconoscerà. Portare la croce quando non si hanno colpe è dura. Ma dopo la notte solitamente arriva l’alba…

  • Matteo Marchetto

    Eheh pagina rimossa mica sono fessi! Cmq le dico: anche se ha sbagliato Grillo e non lei, cosa che non mi sembra così lampante, come ha detto lei lui non lo ammetterà mai per non farsi vedere debole(che poi che male ci sia a dire ho sbagliato non si sa) quindi cosa vogliamo discutere a fare è la sua opinione contra quella di Grillo…la questione è lui non racconta tutta la verità ma neanche lei signor Tavolazzi visto che non ha ancora risposto riguardo alla questione di organizzazione verticale del suo statuto (ancora in vigore per quanto scritto nel 2008), cui le accennavo prima. Comunque non serve che lo faccia tanto peggio di quello che abbiamo ora è dura ciao 😀

  • ValerioTavolazzi
  • ValerioTavolazzi

    a volte Casaleggio mi fa i dispetti e mi cambia l’url dei link, quel simpaticone 🙂

  • Andrea

    Caro Tavolazzi,

    Lei dice di continuare a lavorare per il Movimento, ma è un concetto sbagliato se afferma di aver compreso lo spirito del m5s. Caro Valentino, al più lei lavora per i cittadini, questo sia che porti il simbolo o meno. 
    Per aiutare i cittadini nel riallacciare il loro rapporto con le istituzioni, lei non ha bisogno del simbolo di Grillo.
    Servirsene per pubblicità è opportunismo secondo me.

    A prescindere che lei abbia torto o ragione, utilizzare quel simbolo nonostante l’espulsione (mi riferisco alla bandiera del m5s che ogni tanto indossa), è un gesto di sfida e danneggia la credibilità del movimento.
    Oggi Grillo e Casaleggio sono per molte persone degli  spektre che tramano contro il mondo per impossessarsene. Tutto ciò in associazione con la JP Morgan come scrisse Montanari nel suo famoso pdf.. hahaha. 
    Niente di più falso! 

    Ho letto lo statuto di Progetto per Ferrara e seppur con elementi condivisibili, il resto non è per niente l’idea di non-struttura che si intende nel m5s.

    Un saluto!

  • Andrea

    ma da quando una lista civica ha bisogno di un’associazione con consiglio direttivo per essere eletta e selezionata???
    Perchè una lista è collegata ad una associazione con consiglio direttivo di 19 membri?

    Se questo statuto è del 2008 ed è stato revisionato a settembre del 2008. Com’è possibile che si parli del movimento 5 stelle che è nato con la carta di Firenze nel 2009? 

  • Valeria

    Buongiorno Andrea,
    posso ancora sperare che il Movimento siano i cittadini dove uno vale uno?  Se si, lavorare per il Movimento non ritiene che dovrebbe essere del tutto sinonimo di lavorare per i cittadini? Se questo è il movimento, non vedo contraddizione. 
    Aiutare i cittadini a RIallacciare i rapporti con le istituzioni? Non dovevano entrare come un virus?  Rammento questo proprio perchè non ho mai condiviso l’utilizzo del concetto di virus, che presenta numerosi risvolti negativi per l’ospite, al posto di quello di infettività virale che è invece sinonimo di capacità di rapida propagazione nella società. Gli unici virus vantaggiosi sono quelli modificati geneticamente e, francamente, ne vedo ben pochi in giro. Inoltre un virus, se non uccide l’ospite, provoca nell’ospite stesso una reazione immunitaria con conseguente immunizzazione. 
    Per quanto riguarda Tavolazzi, se lei vivesse a Ferrara, o in Emilia, saprebbe che è per ciò che fa, e per come si comporta, che è apprezzato e non per l’uso di un simbolo. A quel simbolo, al limite, ha portato un valore aggiunto. Non crede che sia un concetto da vecchi partiti quello di utilizzare un simbolo per farsi pubblicità? Mi stupisce che uno del Movimento possa pensarlo. Il simbolo in fin dei conti non è nulla di importante, è ciò che ci sta dentro che gli conferisce un valore seppur, appunto, simbolico. E per quel che ci sta dentro bisogna lavorare e combattere: per i cittadini.
    Per quanto riguarda la credibilità del movimento non crede che sia colui che afferma in continuazione cose facilmente dimostrabili come non vere a lederla? 
    Un’ultima cosa, secondo lei Grillo e Casaleggio come mi risponderebbero se chiedessi come la mettono con il mio voto, dato a una lista civica certificata da Beppe Grillo nel 2009,  che oggi dichiarano non certificabile in base alle stesse caratteristiche per le quali l’hanno dichiarata certificabile?  Hanno sbagliato allora, stanno sbagliando ora o sono talmente cambiati da non poter più confermare le scelte fatte anni fa? 
    Un saluto.

  • ValerioTavolazzi

    Chiedilo a loro e buttali fuori: 
    http://www.destinazioneforli.com/info/ 
    tendi al ridicolo

  • ValerioTavolazzi
  • ValerioTavolazzi
  • ValerioTavolazzi
  • ValerioTavolazzi
  • ValerioTavolazzi

    Dopo di che, se avessi un sguardo un pò più attento, invece di sparare a zero, ti accorgeresti che la carta di firenze compare nelle modifiche dello statuto del 25/06/2010, ma si sa, se si è prevenuti si guarda quello che si vuole.

  • ValerioTavolazzi

    Dai Andrea, di a Casaleggio di buttare fuori tutte le liste che avevano fatto uno statuto, fai il tuo dovere.

  • daniele

    Ma se uno e’ tanto bravo e democratico, mentre dall’altra parte ci sono dei cattivoni che fanno delle espulsioni a caso e non capiscono i vosti alti principi, perche’ non fate la vostra lista e il vostro movimento, invece di chiedere in ginocchio di essere ammessi?
    Risposta facile: perche’ non prendereste voti e state sfruttando la popolarita’ del m5s e Grillo per fare un po’ di rumore. Non e’ di questo che la gente ha bisogno, ma di persone che si dedichino con impegno a fare il proprio dovere (anche fosse di semplice consigliere comunale) senza pensare a come diventare parlamentare o direttore generale di un altro comune. 

  • Ti sei chiesto se la gente ha bisogno della popolarità del m5s “sfruttando” chi si dedica con impegno a fare il proprio dovere?
    Sì, perchè non basta saper fare il comico e sensibilizzare la platea per “meritarsi” (A tutti gli effetti) la popolarità in politica.
    Perchè credo che tale popolarità sia a volte troppo facile da conquistare senza “l’impegno a fare il proprio dovere” di cui parli e a volte troppo difficile da conquistare con il solo “l’impegno a fare il proprio dovere” di piccoli gruppi di persone (e lo stesso vale per le piccole liste/movimenti che partono da zero).

  • Francesco

    A me sembra che nessuno chiede di essere riammesso,
    chiedono solo di conoscere l’articolo violato del “non statuto”, cosa
    a cui nessuno ha risposto se non con menzogne su menzogne. Per quanto riguarda
    l’impegno profuso a livello locale basta scorrere questo sito per verificare il
    lavoro fatto con proposte di emendamenti, risoluzioni, mozioni, interpellanze,
    referendum autogestiti, battaglie sociali, ecc, se non lo vedi debbo pensare
    che sei in mala fede.

  • AlessandroPisan

    Prima lo cacciano da direttore generale del Comune di Ferrara e ora da Parma… il mondo è proprio un cattivone…. senza contare il numero di aziende che l’hanno allontanato…. proprio uno sfortunato…..

  • Codadirospo

    Ecco……. ci mancava il solito commento del codardo con in corto i pochi neuroni funzionanti che ancora gli rimangono, sa solo sputare falsità da una bocca piena di biava puzzolente.

  • Marco Robiati

    L’importante è, anche se è difficile da fare, continuare ad andare avanti come se non fosse successo niente, perchè dimostra che quello che è stato promesso è vero

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese