Cambia la prospettiva Home Raccomandata

09 Giu, 2014

Dim approvata a Roma la carta d’intenti

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

da estense.com

domocrazia-in-movimento-matteoderricoE’ una sorta di rivincita su quello che Valentino Tavolazzi definisce il “fascismo liquido”. Dopo l’espulsione dal Movimento 5 Stelle da parte di Grillo, il primo della serie, ora il leader di Progetto per Ferrara si rilancia a livello nazionale attraverso il progetto di Democrazia in Movimento (Dim), che proprio ieri a Roma ha posto le basi per occupare – questi gli intenti dell’assemblea nazionale – lo spazio vuoto lasciato proprio dal M5S. Lo ha fatto approvando una carta d’intenti e fissando la data della successiva assemblea, il prossimo 14 settembre, di tutti gli aderenti al progetto.

Un progetto che ha fra i suoi scopi quello di realizzare una rete tra tutti i gruppi, i singoli e i movimenti sparsi nella Penisola, provenienti dal Movimento 5 Stelle o che non vi hanno mai aderito perché contrari all’idea “autoritaria e verticistica” imposta da Grillo e Casaleggio. E ieri Dim, di cui Tavolazzi è uno dei fondatori, ha gettato le basi costitutive di quel processo di democrazia partecipata che Grillo avrebbe disatteso e tradito. “E’ stato votato un documento politico – riferisce Tavolazzi al termine dell’assemblea – che è sostanzialmente una carta d’intenti dei soggetti partecipanti, che si impegnano a costruire questa nuova entità nazionale su basi di democrazia partecipata”.

Fra i partecipanti all’assemblea, una settantina di persone, anche un altro espulso eccellente dal Movimento 5 Stelle, Gi0vanni Favia, oltre al senatore Francesco Campanella (pure lui espulso da Grillo) e ad Antonio Ingroia, portavoce del progetto politico Azione Civile, che ha espresso grande interesse per Democrazia in Movimento dicendosi disposto a collaborare. Numerosi, poi, i movimenti italiani rappresentati e le liste civiche già certificate certificate Dim, fra le quali Progetto per Ferrara.

Fra i punti approvati nella carta d’intenti (alla quale si è arrivati attraversouna sintesi dei documenti proposti, compreso quello presentato da Tavolazzi), oltre all’intenzione di occupare lo “spazio enorme” lasciato nel Paese dalla situazione politica per un movimento ispirato alla democrazia partecipata, figura l’idea che “nessuna  elaborazione  verticistica  può ottenere  il risultato  della  condivisione  di regole, strumenti  e  obiettivi  politici, se  non  vi  è  una partecipazione attiva dei cittadini e dei territori”, da realizzare a livello locale e nazionale attraverso “tavoili di discussione aperti”. L’obiettivo centrale di Democrazia in Movimento è quello di “spostare il baricentro delle decisioni pubbliche dai vertici  dei  partiti,  dei  poteri  corporativi,  dei  centri  di  potere  economico  finanziario,  ai cittadini”, un risultato che si intende perseguire “con l’ingresso nelle istituzioni  a tutti i livelli dei rappresentanti dei cittadini, individuati ed incaricati di perseguire i programmi politici decisi con metodi di democrazia partecipata”.

L’assemblea ha quindi deciso di costituire un gruppo tecnico organizzativo incaricato temporaneamente  “di organizzare  le  relazioni  tra  gli  aderenti  e  un  forum  di  discussione,  oltre  a  favorire l’approfondimento di temi di programma, da sottoporre di volta in volta al voto degli aderenti, in assemblee fisiche convocate ad hoc o in piattaforma di voto online temporaneamente dedicata”.

“Il Movimento 5 Stelle – commenta Tavolazzi – ha deluso tantissime persone in seguito al fallimento del processo partecipativo, che in parte ha realizzato ma tradendo lo scopo principale, quello cioé di agevolare la partecipazione dal basso. A questi delusi ora vogliamo dare una speranza. Oggi a Roma (ieri, ndr)  si è realizzato qualcosa di molto consistente. Non so se alla fine si concretizzerà, ma questo primo risultato è positivo”.

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese