Cambia la prospettiva Home Raccomandata

03 Mar, 2009

Giugno, la possibilità di un voto diverso

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

vota_antonioLa disamina del trend elettorale presentata dal sig. Roberto Gorgati nella lettera “ballottaggio sì, ma tra chi?” è arguta, ma dà ancora per scontata l’equivalenza fra votazioni politiche e amministrative, non tenendo conto delle differenziazioni fra i segnali d’insofferenza. E’ così sicuro che si replicherà l’anomalia di intendere le elezioni amministrative come versioni minori di quelle politiche?

Quando il mondo era diviso in due blocchi antitetici, e la nostra appartenenza ad uno dei due dipendeva esclusivamente dai risultati elettorali, si poteva votare senza neppure far la fatica di pensarci su, tanto, ci si prendeva sempre.

Oggi si può continuare a votare alle amministrative come prima, ma più bovinamente di prima perché, venendo meno la netta demarcazione di un tempo, le ambiguità sono diventate la norma.

Adesso sono in palio 1.800 giorni uno diverso dall’altro, da riempire d’attività svolte da persone competenti e intelligenti. I politici di professione hanno fermamente dimostrato di non esserne capaci neppure impiegando le controfigure. Le loro performance sono da riportare pari pari in sceneggiature tragicomiche, a partire dalla scemenza dell’ospedale di Cona, arrivando all’ultima scemenza dell’asilo di via Salice. Il massimo della loro creatività sta nell’aver indotto il bisogno di Liste Civiche! A queste resta il compito di assicurare la gente che faranno l’esatto contrario di quello che hanno combinato i politici. Se ne dorranno solo quelli della Casta e una certa aliquota di elettori convinti che i problemi cittadini siano semplicemente dovuti ai malvagi complotti del Berlusca. Poi ci sono anche gli iscritti ai partiti, e pure i pochi votanti alle primarie del PD che il sig. Gorgati sembra abbia dimenticato di considerare. Eppure, si tratta degli elettori attivi del maggior partito locale!

Ho il sospetto che, quest’anno, l’andare al mare o ai monti il giorno delle elezioni amministrative, perdendo la possibilità di votare finalmente un cambiamento in città, sia da mettere nel novero degli incidenti che di tanto in tanto capitano a tutti: scegliere le scarpe strette, parcheggiare in divieto di sosta, comprare un oggetto inutile, sparlare della suocera che non sai che ti è dietro le spalle….

Paolo Giardini

Progetto per Ferrara

Cambia la prospettiva

estense.com

  • Roberto Baldisserotto

    in questo momento sia le civiche che i politici non hanno
    presentato un piano certificato e dimostrabile sugli
    obbiettivi che intendono raggiungere ,
    abbiamo bisogno di concretezza.

    Se per assumere una persona la si mette alla prova per saggiare le sue reali capacità professionali ,

    a maggior ragione una carica pubblica deve esser
    ricoperta da uno staff competente e preparato
    che sappia bene come procedere nell’interesse
    di miliaia di cittadini ,
    contano nulla le riflessioni preelettorali ,

    cominciamo a parlare di governo , vale a dire in che modo si intende contenere il debito pubblico, e con
    quali risultati ,
    in che modo si intende sviluppare il benessere dei cittadini

    ci sono tante domande che attendono risposte concrete dai candidati , basta con le favole ,
    non credo che vedendo come è andata la ”gita” dell’amministrazione Sateriale gli elettori tornerebbero
    a votarlo .
    Ma il fatto che la maggioranza uscente non abbia dato
    risposte sufficienti ai bisogni dei cittadini non significa
    che per reazione ci si debba buttare nelle braccia della
    destra o delle civiche ,
    lo si può fare se arrivano delle proposte concrete.

    Ma al momento non ho letto programmi sufficienti , sia nelle civiche che dai partiti .C’è tempo a Giugno , mi auguro che arrivino dei piani concreti di sviluppo
    della città , senza dover spolpare il patrimonio pubblico
    posseduto dal comune .

  • valentino tavolazzi

    Nel programma di PpF ci sono eccome le proposte concrete. Vanno solamente lette.

    Magari, per averne di più dettagliate, potresti leggere quelle di Tagliani…….che non ci sono.

    Mi sembra caro roberto che tu stia facendo di tutte le erbe un fascio! Mi auguro che non continui a tenerti a distanza di sicurezza da una scelta politica, che prima o poi dovrai fare.

    E mi sembra iniltre che tu, non PpF, così facendo finisci per essere poco concreto.

    ciao
    valentino

  • Paolo Giardini

    Ringrazio Roberto Baldisserotto per i suoi commenti, è sempre un po’ malinconica una lettera provocatoria priva di risposte, che assomiglia tanto ad un allenamento in una palestra deserta.
    E dico subito che condivido il succo di una delle sue obiezioni: se gli uomini di partito hanno dimostrato con decenni di ininterrotto servizio di essere inetti, ciò non dimostra che gli uomini delle civiche siano automaticamente esonerati dall’essere inetti pure loro. Verissimo. Ma è anche vero che NON E’ OBBLIGATORIO CHE I CIVICI SIANO PER FORZA INETTI, fino a prova contraria! Mentre sappiamo, per prova provata, che quelli dei partiti invece sono ormai culturalmente modificati, in una deriva mentale che presenta analogie con le modificazioni genetiche. Non possiamo spiegare il perché siano diventati così, ma prendiamone atto.

    Non trovo invece pertinente con il contenuto della mia lettera la frase “buttare nelle braccia della destra e delle civiche”. La destra è parte integrante dei partiti, e non mi pare equivoca la mia posizione contraria ai partiti, quindi anche a quelli di destra. Le sciocchezze dell’amministrazione di sono potute fare perché l’opposizione era una parvenza di finzione, neppure un simulacro. E’ decisamente più determinante a minare la stabilità psicofisica della maggioranza un articolo di Lolli sul Carlino che 10 anni di sedute consigliari del centro-destra. Inoltre, volendo rimanere in un filino di logica, il buttarsi sulle civiche è impossibile. Al massimo ci si butta nelle braccia di UNA civica (sempre che i certificati elettorali siano tanti quanti sono gli elettori, si spera…). Ma caro Roberto, gliela vogliamo lasciare all’elettore almeno la fatica di scegliersi la civica che preferisce? In fin dei conti io suggerivo solo di lasciar perdere i partiti!

    Ritengo non sia da sottovalutare che il lettore Roberto Baldisserotto affermi che “al momento non ho letto programmi sufficienti”. Lo conosco come lettore attento, un vero segugio alla ricerca in rete di documenti tosti, e capace di districarsi abilmente nei meandri di leggi e regolamenti “pesanti”. E’ un campanello d’allarme, il suo, da non prendere assolutamente sottogamba. Spero che, coerentemente con le sue affermazioni, dia le dritte giuste per arrivare ad una maggior chiarezza alla civica di suo gradimento, che sia detto per chiarezza, non so qual è.
    Paolo

  • roberto baldisserotto

    e bè dovete perdonarmi , ma sono nello staff delle primarie dei ferraresi , non posso sbilanciarmi per o contro qualcuno ,
    conosco Valentino da diversi anni abbiamo lavorato
    insieme per il referendum anti inceneritore e turbogas
    eravamo insieme a Firenze e a Ferrara per costruire
    la causa contro la truffa ai cip6 ,

    ma le primarie dei ferraresi mi impogono il silenzio in merito alle preferenze elettorali ,
    ovviamente si possono intuire facilmente ,
    se ti faccio un referendum contro l’inceneritore e
    vado da Franceschini a chiedere conto del perchè
    ha licenziato col governo Prodi una finta legge per
    l’abolizione dei cip e dei certificati verdi agli inceneritori
    non ci vuole una cima a capire che cosa voterò
    alle comunali …
    se poi Valentino ci porta Connet a Ferrara …..

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese