Cambia la prospettiva Home Raccomandata

30 Ott, 2009

Hera, ‘ora siamo tagliati fuori’

Inserito da: PpF In: Servizi pubblici

facebook technorati okno segnalo
Share

Lettera pubblicata da Estense.com

di Roberto Baldisserotto

free_speechMi spiace dover occupare altro spazio di Estense.com e chieder ai lettori della testata di occuparsi nuovamente delle reti gas, bisogna chiudere il circolo perverso di disinformazione creato ad arte attorno all’operazione di cessione della quota azionaria possetuta dal comune a favore di Hera. Chi non vuol sapere non legga, non siamo tenuti ad esser informati, possiamo anche girarci dall’altra parte, ma poi non ci si lamenti al bar se il teleriscaldamento costa se i servizi costano e sopratutto non potremo rivolgerci al sindaco ma a un amministratore delegato. In consiglio comunale ne i sindaci, ne i consiglieri di maggioranza e di opposizione hanno voluto o potuto esporre tutte le ragioni che hanno spinto allo scambio tra Hera e comune.

In consiglio comunale si è detto (consiglieri PD) che la rete è obsoleta, non vale nulla, che il comune non ha i capitali per rinnovarla.

Sembra quasi che Hera ci faccia un favore a prendersi quei vecchi tubi

arrugginiti, da qua il sottoscritto appare (a detta di alcuni) un

irresponsabile, per cui vorrei replicare non con parole mie ma con la valutazione di merito prodotta dal CDA di Hera stesso.

In ballo cosa c’è? Ci sono Agea Reti srl.

Quali sono i vantaggi di hera nel possedere il controllo azionario di Agea Reti?

1) Affrontare meglio le prossime gare

2) Migliorare il conto economico e il flusso di cassa del gruppo

(eliminando i canoni)

3) Maggiore capitalizzazione del gruppo reso più solido da queste

entrate patrimoniali

4) Vengono eliminati i rischi di contenzioso dalla negoziazione sui

canoni nei quali poteva metter piede l’Autorità per l’energia e il

gas.

Chi ha valutato le reti gas comunali? Una agenzia di consulenza del comune proprietario?

NO! La valutazione delle reti comunali fiorisce dall’incontro tra il managament di Hera il management del comune e da una relazione prodotta da American Appraisal Italia S.r.l che nessuno sa dirci da chi è stata pagata per prudurre questa relazione.

American Appraisal Italia S.r.l è una società esperta e affidabile, però è molto ma molto strano che ci si poggi su una sola stima patrimoniale per valutare quello che il comune conferisce a Hera.

I lavori di American Appraisal Italia S.r.l son stati messi a disposizione del perito del tribunale di Bologna che ha trasformato in cifre, circa 14 milioni di euro per Agea reti.

Ma il bello deve ancora venire, Hera pagherà l’operazione stampando delle azioni valutate 1,75 euro (il metodo della quotazione di mercato), mentre nello statuto di Hera si prevede che i patrimoni generati da hera stessa vengano tradotti in azioni non usando il metodo del valore di mercato ma il valore statutario di 1 euro , per cui se dividete 14 milioni per 1 fa 14 milioni di azioni se

dividete per 1,75 fa 8 milioni, utilizzando il metodo statutario il comune di Ferrara incasserebbe 6 milioni di azioni in più rispetto

gli 8 milioni del metodo di mercato; stiamo parlando di 480.000 euro

in dividendi che non vedremo mai.

Comunque i consiglieri di maggioranza del comune hanno votato tutti tranne IDV (astenuta) favorevoli all’operazione, alla lettura della relazione particolareggiata congiunta di PRC E PPF (contrari alla svendita) il sindaco è addirittura uscito dall’aula del Consiglio comunale.

Andando oltre la cessione di Agea in Hera c’è da fare questa valutazione da parte dei vertici nazionali del PD, è opportuno concentrare dei servizi essenziali nelle mani di pochi operatori? Apparte la possibilità di generare ‘cartelli’, se una grossa multiutility fa bancarotta, riusciremmo a gestire il problema?

E ancora, nel 2007 l’allora vicepresidente di Gazprom Medvedev disse che Hera era nella lista di osservazione del colosso russo intenzionato a sbarcare in Italia, nella strategia di Gazprom c’è l’obbiettivo di vendere direttamente il proprio gas, ed Hera sta proprio allargando queste reti a ridosso del 2012 quando i comuni dovranno perdere la maggioranza azionaria, e allora chi metterà le mani su Hera?

I servizi essenziali erano nostri, potevamo prendercela col sindaco, adesso siamo tagliati fuori!

 Roberto Baldisserotto

  • matteo

    La prima domanda che mi balena è: perchè il sindaco può vendere la risorsa pubblica a privati? Sarebbe interessante evidenziare ed inquadrare il caso sull’aspetto giuridico; quello morale posso affermare che ormai non esiste più.
    Stabilito ciò, che cosa può fare il cittadino per contrastare tali scelte? Non ci sono organi preposti a vigilare sulle azioni dei sindaci? Le delibere, sono impugnabili?
    Forse le reti Agea non saranno l’unico caso di vendita a privati. A memoria, mi sembra che il sindaco volesse pure vendere le farmacie comunali, ma non potendo ha ripiegato su altro.

  • Giuseppe

    Io credo che sarebbe stato meglio la vendita delle farmacie per esempio alla Coop come hanno fatto altre città Bologna,Modena ecc. con il vantaggio che avremmo incassato subito moneta sonante e non carta.
    La vendita invece di servizi primari come l’acqua e il gas è roba da incoscienti, il Comune doveva tenersi gli impianti e vendere la gestione dei servizi, mettendoli a gara al miglior offerente per salvaguardare gli interessi dei cittadini.
    Hera oggi opera in posizione di monopolio, i vantaggi proclamati dall’allora Sindaco e dall’attuale, che come vice di Sateriale è stato l’artefice della fusione dove sono?

  • paolo

    Caro Giuseppe, sono parole sante!
    Ma perché riservarle solo a noi pochi che sappiamo accedere al sito di Progeto di Ferrara?
    Il tuo commento, preso così com’è con solo l’aggiunta di un soggetto iniziale, inviato ai giornali stampati potrebbe (forse) per la sua brevità essere accolto nelle lettere, regalando ai giornalisti la sensazione di non essere sempre di parte, pur nella speranza che passi inosservato ai più.

    Gli indirizzi di posta sono i seguenti:
    cronaca.ferrara@ilcarlino.net
    lettere.fe@lanuovaferrara.it

    Coraggio!

  • paolo

    Ehm! Chiedo scusa, “Progeto di Ferrara” forse esiste solo nella testa di quell’infaticabile consigliere di maggioranza noto in medio oriente come Al Shumar. Intendevo scrivere, ovviamente, Progetto per Ferrara.

  • Nano

    Per onesta d’informazione faccio notare che parte dell’opposizione ha contrastato energicamente la svendita di Agea reti ma non solo, ( laboratorio acque,ecc.) presentando anche una corposa e motivata risoluzione che la maggioranza ( PDmenoL e alleati minori compreso IdV) hanno respinto.
    Aggiungo, che la Lista civica Progetto per Ferrara sono mesi che interviene con lettere documentate, tutte pubblicate puntualmente da Estense.com il giornale on line ferrarese, ma molte di queste sono stata cestinate dalla stampa locale, e allora chi fa disinformazione?

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese