Cambia la prospettiva Home Raccomandata

12 Ott, 2009

Idrovia, grandi opere invece di manutenzione

Inserito da: PpF In: Urbanistica

facebook technorati okno segnalo

Pubblicata da estense.com

Intervento di Legambiente Ferrara

00017583-constrain-800x600“Ecco l’idrovia!”, esordisce la presidente della Provincia nell’annunciare il primo bando di gara d’appalto per 32 milioni di euro su 145 stanziati per la creazione di un’opera ventennale che costerà almeno dieci volte di più a volerla realizzare davvero tutta. Ecco l’idrovia, mentre la darsena cittadina langue e un attracco inutilizzato giace da ormai anni in totale sprezzo dei natanti e in stato di semiabbandono, dentro la faraonica conca di Pontelagoscuro.

Ma entriamo nel merito della “strada d’acqua che collegherà Ferrara al mare” , per la quale già un ex presidente della Provincia, dal nome molto più evocativo, aveva tentato di essere ricordato.

Con delibera del 9 dicembre 2008, la Giunta regionale licenzia la “procedura di Via relativa al progetto di adeguamento dell’idrovia ferrarese al traffico idroviario di classe V europea”, “tramite interventi consistenti sostanzialmente in scavi di risezionamento del canale e adeguamento dei manufatti di attraversamento”, praticamente tutti i ponti! Ora la vicenda del ponte di San Pietro a Comacchio dovrebbe già da sola far desistere dal malcostume di strombazzare opere innovative, quando non si riesce nemmeno a garantire la manutenzione dell’esistente! Malcostume italianamente diffuso, per cui si progettano ponti sullo stretto di Messina e non si riesce a proteggere un paese dalla sua montagna!.

Che il finanziamento dell’idrovia sia in realtà un sistema per fare le piste ciclabili è già stato tacitamente ammesso sia da Dall’Acqua che da Zappaterra, che in mezzo ci venga anche qualche piazzola d’approdo di piccoli natanti, sparsi lungo il corso del Volano può anche essere, ma ciò che preoccupa è l’avvio di un programma di costruzione del nuovo ponte Valle Lepri, e l’allargamento del tratto terminale del porto canale di Portogaribaldi. Bandi sui quali è facile aspettarsi lo scatenamento di interessi “cementiferi” locali e non solo.

Se le opere sono fatte non nell’intento per il quale nascono (navigazione di V categoria) ma per altri scopi (navigazione da diporto e “riqualificazione” Porto Garibaldi), è evidente che si apre lo spazio per ogni genere di intervento speculatorio al limite della legalità. In effetti tornando alla delibera di Via, chi voglia appassionarsi alla lettura coglierà immediatamente l’inadeguatezza dei finanziamenti stanziati rispetto alla mole di prescrizioni redatte per realizzare, anche a volerla, la famosa strada d’acqua. Citiamone una di carattere generale:1C, prescrizioni in merito al quadro di riferimento programmatico: punto 6: “In considerazione della valenza archeologica diffusa su gran parte delle aree interessate (..) con particolare concentrazione nel tratto Ostellato/Comacchio, l’esecuzione di tali manufatti (vasche di contenimento della terra di risulta delle attività di scavo incluse) e tutti gli interventi (comprese le risagomature delle sponde) da intraprendere in concomitanza con le aree ritenute a rischio archeologico, dovranno essere preceduti da saggi di scavo di accertamento preventivo, anche di tipo subacqueo.” Al punto 7 (..) “qualora fossero accertate situazioni archeologiche di particolare interesse (valutate dalla Soprintendenza e non dal capocantiere. ndr), potrà verificarsi la necessità di predisporre varianti al progetto o prevedere diverse ubicazioni degli interventi proposti”.

Vogliamo aggiungere a titolo di esempio, che il ponte di San Giorgio e quello di Final di Rero, per motivi di valenza storica, dovranno rispettare “il mantenimento delle attuali prospettive visuali senza innalzamenti delle quote di impalcato del ponte”, così come dovrà “essere mantenuto l’asse visivo diretto da via Bologna su Porta Paola (..)” nella cui curva le navi di V categoria si incagliano perfino nella simulazione al computer! “Grazie alla Provincia per essere i primi”, dice la sindaca di Comacchio, luogo sommerso da vertenze giudiziarie per case costruite sulla spiaggia e per pinete che i cittadini non vogliono abbattere.

Ma vediamo cosa succede in riferimento al quadro ambientale rispetto al quale la delibera prescrive, che “dovranno essere eseguiti monitoraggi pre e post intervento attraverso il posizionamento di piezometri in corrispondenza di Porto Garibaldi, dell’abitato di Comacchio e di Valle Lepri, lungo il percorso dell’Idrovia e su entrambi i lati” e al punto 2: “ in sede di progetto esecutivo dovrà essere applicata idonea modellistica inerente gli interscambi tra acqua dolce e marina per effetto dei movimenti di marea nell’area del porto canale e nelle retrostanti valli Fattibello, Spatola e Capre ecc.” Inoltre al punto 5: “dovrà essere rispettato il programma di campionamento delle terre da scavo e dei fanghi di dragaggio presentato e aggiornato dalla documentazione integrativa datata giugno 2008, comunicando con congruo anticipo il calendario degli interventi e dei campionamenti agli enti titolati in materia e/o preposti al controllo”.

A pag. 96 della delibera, circa il lotto in questione, si legge ancora che in fase di progettazione esecutiva saranno elaborati un approfondimento sull’interazione fra idrologia superficiale e sotterranea, in base al quale verrà definito un piano di monitoraggio in accordo col Parco del Delta e uno studio per determinare il range di accettabilità della variazione del tenore salino delle Valli. Invece delle roboanti dichiarazioni e dei modellini computerizzati, ci renda noto la Provincia lo stato dell’arte in merito alla predisposizione di queste misure di prescrizione.

E se perfino l’assessore regionale ai trasporti è costretto a dire che “intanto si parte”, anche se i soldi non ci sono per fare tutto – nell’Italia delle opere incompiute o inutilizzate – si spieghi alla cittadinanza quali saranno gli “indubbi vantaggi” che ne potranno conseguire dal punto di vista commerciale, quando nonostante le ripetute richieste, non si è ancora visto una piano di fattibilità economica dell’opera.

Legambiente Ferrara

estense.com

  • giova

    Non avete un recapito telefonico: già stasera vorrei venire a Comacchio.

  • giova

    Io sono NEL PANICO. Il progetto vuole allargare il porto canale, stringendo per conseguenza il piazzale davanti al polo scolastico, tanto da neanche farci più girare i pullman degli studenti.
    Ma i progettisti si rendono conto della forza dell’acqua spostata dai “navigli” di V^ classe, una specie di TSUNAMI che batterà le sponde sia nord che sud facendo anche riversare acqua sulle rive urbanizzate?
    L’esperienza del Canale dei Petroli a Porto Marghera è stata costosissima e nefasta, quella di Magnavacca lo sarà ancora di più, ma senza il ritorno industriale della sviluppo chimico veneto.
    L’allargamento del Portocanale subirà quindi un restringimento sotto il Ponte della Romea, il classico imbuto…..La dinamica dei fluidi non deve essere un passatempo per politici in carriera, che spendono i soldi degli altri. Neppure si rendono conto del loro giuoco pericoloso, tanto infarciti sono di retorica da palco elettorale!

  • Carla

    Ho scritto anch’io alla Zappaterra, che senso ha allargare il canale in certi punti se poi permangono, subito a monte e a valle, delle strettoie irrisolvibili?
    Io mi preoccupo per le dune, che verranno ulteriormente ristrette … quando capiranno che dire che una specie è protetta, come lo sono le orchidee che sulle povere dune rimaste ancora vivono, significa appunto che “vanno difese”?
    Naturalmente, non c’è ancora risposta, una mail è troppo banale…

  • Carla

    A parte il fatto che on line ci sono solo le simulazioni fotografiche di come dovrebbe essere dopo, ma senza traccia degli effetti-cantiere: nessun atto ufficiale disponibile.

  • giova

    Già due anni fa i Vigili di Comacchio giravano sulle dune con i loro, anzi nostri, mezzi lunari da sabbia …per giacare a Guardie e Ladri con i vu’ cumprà …e persino gli abbioccati villeggianti si chiedevano perchè proprio di là i Funzionari Comunali accedevano alla battigia……

  • angelo storari

    avrei bisogno con una certa urgenza di contattare o essere contattato dall’organizzazione o da un referente della raccolta firme petizione per la pineta.

  • giova

    c’è il sito “parrocchiasanpaolopinete” o qualcosa del genere, telefonami…, ma non ora…

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese