Cambia la prospettiva Home Raccomandata

21 Feb, 2013

Il Non Voto utile

Inserito da: PpF In: Iniziative e organizzazione|Politica|Rete e informazione

facebook technorati okno segnalo
Share

La presente nota contiene valutazioni personali.

Non esprime in alcun modo dichiarazioni di voto ufficiali della lista Civica Progetto per Ferrara, a cui appartengo.

La lista mi ha solo concesso la pubblicazione su questo sito.

Valerio Tavolazzi

________________________________

IL NON VOTO UTILE

 Premessa 1: mi scuso per la lunghezza del testo, ma un’analisi degna di questo nome ha bisogno del giusto tempo e della giusta quantità di caratteri.

Premessa 2: fino a qualche mese fa ero ancora convinto, nonostante tutto, che avrei votato per il M5S. L’avrei fatto per quegli attivisti che ho imparato a conoscere in diversi anni, persone per lo più oneste e per bene che desiderano davvero fare qualcosa per il loro Paese.

La delusione era forte, indubbiamente, ma ero ancora molto emotivamente e positivamente coinvolto, legato ai messaggi forti di rottura con il passato, di speranza per la società civile. Avrei messo da parte la delusione per votare un soggetto politico che, mi sembrava, potesse ancora rappresentarmi. Nonostante tutto.

Passano i mesi, passa la delusione e con essa il positivo coinvolgimento. Arriva un distacco naturale. Io lo forzo un pò, allontanandomi dalla vita politica, dal chiasso degli urlatori, mi prendo del tempo per me. La vista cambia. Da lontano vedo meno particolari, ma il campo si allarga e comprendo dinamiche che da dentro difficilmente riuscivo ad esaminare in modo distaccato.

Nel frattempo, nuovi eventi accadono e nuove informazioni devono essere interpretate.

M5S è una organizzazione politica. Il suo “prodotto” sono, appunto, le linee politiche che propone (programmi, azioni nelle istituzioni etc..). Si definisce politica “la scienza e l’arte di governare, cioè la teoria e la pratica che hanno per oggetto la costituzione, l’organizzazione, l’amministrazione dello stato e la direzione della vita pubblica“. E’ una bella sfida.

Nell’analisi e nello studio delle organizzazioni si usano diverse tecniche. Una di queste è chiamata “4 M“. Le “M” stanno per risorse umane, attrezzature, metodi (procedure) e materiali (in inglese si traducono in Men-Machines-Methods-Materials). In sintesi, la tecnica evidenzia le 4 leve su cui porre il focus per gestire una organizzazione, al fine di raggiungere gli obiettivi che si è proposta (gli output, i prodotti che desidera realizzare), per capirne i limiti e proporre soluzioni per migliorarla.

Prendendo in considerazione queste leve, ho notato diversi aspetti, che condivido per una libera discussione ed uno scambio reciproco con la rete.

 

Risorse umane

Tema delicato e che mi tocca da vicino. Nel M5S le risorse umane che “producono” politiche sono, a diversi livelli, Beppe Grillo e il suo Staff, gli attivisti e gli elettori non attivi (questi ultimi, con il solo voto, mettono in condizioni gli eletti di portare le politiche all’interno delle istituzioni). Una struttura molto semplice, ma pur sempre una struttura.

Per molto tempo lo Staff fu considerato (anche perchè così diceva Beppe) il gruppo di persone che si occupa tecnicamente del Blog. Beppe si definiva il megafono del Movimento. La base (attivisti / iscritti al movimento) accettò tali ruoli partecipando, con liste civiche, a elezioni amministrative (comunali o regionali).

Nel tempo, i ruoli, sia di Grillo che dello Staff, risultarono diversi. Nel tempo spiccò la figura di Casaleggio. Nessuno della base (iscritti al Movimento) è stato mai interpellato per questo cambio radicale di ruoli. Beppe è passato da “megafono“, a “garante” (delle regole da lui stesso imposte), a “capo politico“. Gli appartenenti allo Staff (Casaleggio in primis), da tecnici informatici si sono trasformati in “cofondatori“, in coloro che definiscono le strategie delle politiche e delle regole del Movimento.

Gli attivisti, nonostante l’incoerenza rispetto ai valori di trasparenza (dello staff non si sa nulla) e alle scelte dal basso, comunicate a tutti i banchetti, hanno abbassato la testa. La fine (anche questa volta senza interpellare la base) di quei pochi che hanno provato ad alzarla, è nota. Nell’immobilismo quasi totale della base, che ha mostrato qualche risentimento, ma ha memoria breve e dimentica in fretta.

Persone che accettano di essere gestite da Staff sconosciuti e scendono a compromessi rispetto ai valori professati per paura di perdere l’uso di un patacchino, cosa faranno, sotto la pressione di ben altre forze, una volta elette?

Mi auguro abbiano più forza e coerenza di quella che hanno dimostrato da attivisti. Ma ho poca fiducia nei cambiamenti delle persone in tempi rapidi.

 

Nel Novembre 2011, la lista civica a cui appartengo ha promosso un evento che ebbe un discreto successo all’interno del M5S (inteso come base) e non solo. L’abbiamo chiamato Democracy Day. Condusse l’evento Paolo Michelotto, uno fra i massimi esperti dell’argomento nel nostro paese. Volevamo intraprendere un percorso, dal basso (noi eravamo semplici cittadini attivi), per iniziare ad analizzare tecniche di Democrazia Diretta, una delle bandiere del M5S. Solo analizzarle e sperimentarle.

Diverse volte Beppe ci ha telefonato per raccomandarci di non farlo, senza dirci mai perchè. Senza un perchè, ovviamente, siamo andati avanti. Dopo pochi mesi ha deciso che non eravamo più parte del Movimento.

Se Grillo e Casaleggio invece di essere interessati, contrastano iniziative di Democrazia Diretta dal basso, a cosa sono davvero interessati?

 

Riguardando i video di quella giornata, vedo tanti attivisti ed eletti contenti di essere parte di una comunità che si metteva in gioco per prendere in mano le redini del proprio destino. Gli stessi che hanno taciuto e accettato tutte le spulsioni e le regole calate dall’alto, gli stessi che oggi attaccano i manifesti elettorali di un Movimento, per ora, gestito dalla Casaleggio Associati Srl, con la collaborazione di Beppe Grillo.

 

Ho vissuto da vicino la battaglia da movimentista contro i partiti, in particolare della mia zona (il PD). Se non votavi loro, significava che volevi far vincere la destra.

Ora, gli attivisti del M5S, mi dicono che se non voto loro è perchè voglio far vincere la casta.

Cos’è cambiato rispetto al materiale umano che si riscontra negli attivisti di partito, che ci credono davvero e lo fanno per passione?

E non venitemi a dire che sono tutti uguali.

 

 

Attrezzature

L’unico mezzo concesso per l’elaborazione di politiche nazionali è il forum del Movimento. Così è stato stabilito (non dalla base). Così è da quasi 4 anni. Il problema rimane. Essendo un forum (e basta) non consente di integrare e modificare il programma nazionale, di condividere documenti, di fare sintesi con metodi democratici. E’ stato promesso e richiesto dalla base tantissime volte, ma non è mai arrivato. Nemmeno in tempo per le politiche. Perchè? Non si sa. Nessuna risposta. Solo promesse.

I server ed i software sono gestiti dallo Staff, che nessuno conosce (è ormai certo la gestione è in qualche modo riconducibile alla Casaleggio Associati Srl). Vi è quindi un accentramento del canale decisionale e comunicativo (il blog di Grillo, questo sì, ufficialmente in mano alla Casaleggio Associati srl).

Nulla che abbia a che fare con qualcosa nato dal basso e scelto dalla base. Nulla che abbia a che fare con la trasparenza.

In sostanza i voti delle Parlamentarie sono oscurati, così come i risultati. Un cittadino non può entrare nel palazzo del M5S. Non può fare il fiato sul collo che fa agli altri. Impossibile inoltre per il cittadino verificare errori o mala fede. Entrambe caratteristiche frequenti dell’essere umano.

 

 

Metodi

I metodi di elaborazione delle politiche ed in merito alle regole che il M5S adotta sono calati dall’alto.

La Carta di Firenze non si sa chi l’abbia scritta (presumibilmente lo Staff).

Le regole per creare una lista non si sa chi le abbia scritte (presumibilmente lo Staff).

Il Non Statuto non si sa chi l’abbia scritto (presumibilmente lo Staff).

Il Programma elettorale non si sa chi l’abbia scritto (presumibilmente lo Staff).

Il Codice di Comportamento del Parlamentari non si sa chi l’abbia scritto (presumibilmente lo Staff).

I comunicati politici, che contengono anche numerose regole non contemplate negli altri documenti, dovrebbero essere stati scritti da Beppe (ma nessuno lo ha mai saputo). Di certo non li ha scritti il Movimento.

Nulla che abbia a che fare con qualcosa nato dal basso e scelto dalla base. Nulla che abbia a che fare con la trasparenza.

Quando abbiamo pensato di attivarci con iniziative dal basso, per promuovere tecniche di democrazia diretta, pensavamo anche di aiutare il M5S a coprire questo vuoto che è stato sempre presente. Questo distacco fra lo Staff e la base, questa mancanza di democrazia, questa mancanza di trasparenza. Ci è stato fatto capire che l’aiuto non interessava.

L’importante è arrivare in parlamento, “come” è secondario.

Alla classica critica che il controllo dello Staff sulle liste comunali e regionali non esiste, replico che non è praticamente possibile. Lo Staff non ha le risorse per poterlo fare.

E se un giorno le avesse?

 

Una nota sui prossimi parlamentari. Per partecipare alle “primarie” hanno dovuto firmare un Codice di Comportamento. Nel documento (calato dall’alto) ed accettato, viene chiarito che “la concreta destinazione delle risorse del gruppo parlamentare ad una struttura di comunicazione a supporto delle attività di Camera e Senato su designazione di Beppe Grillo deve costituire oggetto di specifica previsione nello Statuto di cui lo stesso gruppo parlamentare dovrà dotarsi per il suo funzionamento.” Inoltre, “la costituzione di due “gruppi di comunicazione”, uno per la Camera e uno per il Senato, sarà definita da Beppe Grillo in termini di organizzazione, strumenti e di scelta dei membri, al duplice fine di garantire una gestione professionale e coordinata di detta attività di comunicazione, nonchè di evitare una dispersione delle risorse per ciò disponibili.”

Nonostante ripetute richieste di chiarimento da parte della rete e dei media tradizionali sul significato di quanto sopra, nè Grillo nè Casaleggio hanno mai dato risposta. Lo scopriremo solo vivendo. O Casaleggio ci invierà un link.

Un’ulteriore domanda. Se sono i cittadini a fare le politiche del M5S, perchè agli incontri con le categorie sociali ci vanno Beppe Grillo e Casaleggio (a porte chiuse) e non i candidati?

 

 

Materiali

In questo caso sono rappresentati dalle idee, dai valori dell’intelligenza collettiva (promossa da Beppe in diverse occasioni), che elaborati attraverso metodi democratici, dovrebbero essere trasformati in politiche compiute (programmi).

Le idee, i valori possono nascere ovunque, da chiunque. Ma il filtro è il Blog di Grillo (leggasi Casaleggio Associati Srl con la collaborazione di Beppe). Così, una politica (che nasce da una idea, un valore) è buona o meno se sta bene al Blog di Grillo. Cosa pensa la base è ininfluente.

 

 

Ora veniamo al titolo. Perchè il Non Voto Utile?

Tolto il M5S, non me la sento di votare nessun altra formazione. Questa volta non mi rimane che il Non Voto.

Lo stesso Grillo lo propose, solo 5 anni fa. Allora (non se la prenda Celentano) tutta la massa di tifosi urlanti era d’accordo a non andare al voto. Perchè? << L’impossibilità per gli elettori di scegliere i candidati cambia la natura del Parlamento perché trasforma tutti gli eletti, anziché in rappresentanti del popolo in rappresentanti dei partiti o dei capi politici che li hanno selezionati, comprimendo il principio costituzionale della rappresentatività e della libertà dei parlamentari, che devono esercitare le loro funzioni senza vincolo di mandato.>>

In questo senso, sia le parlamentarie del M5S che le primarie dei parlamentari del PD (indotte dalle prime) sono un tentativo di sopperire a questa mancanza.

Le parlamentarie del M5S, tuttavia, non sono state una vera e propria espressione della volontà popolare, al massimo una espressione di un oligarchia del mondo del M5S (Movimento allora stimato tra il 10 e il 15 % degli aventi diritto, che ha fatto votare poche decine di migliaia di iscritti, e non di cittadini qualsiasi).

 

Una vera e propria fregatura per chi credeva nell’articolo 4 del Non Statuto (“riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi”).

 

Le condizioni che mi trovavano d’accordo nel 2008 al Non Voto, non sono cambiate. C’è il Movimento, ma, al netto di quello che ho detto fino ad ora, non so più se sia sufficiente per farmi cambiare idea. Se un giorno sarà mai quello che dice di essere, avrà il mio voto.

 

Non sono nato per abbassare la testa, siano dirigenti di partito, o Società di Marketing travestiti da collaboratori. Sono stanco di partiti o movimenti che utilizzano la menzogna per ottenere consenso, che non accettano il confronto ed il dialogo con chi ha idee che non corrispondono a quelle dei gruppi di potere, che calano le regole dall’alto.

 

A chi mi dice che le piazze sono piene, dico che è sempre stato un indicatore di quantità, non di qualità. Questo vale per Grillo, come per tutti gli altri che riempivano le piazze fino a ieri.

Se poi sul palco c’è il più grande comico degli ultimi decenni, ecco che questo vale ancora di più. Nel 2007, venne a Ferrara, a sostenere una iniziativa di comitati ambientalisti che avevano promosso un referendum contro la triplicazione di un inceneritore e l’apertura di una Turbogas. Il Movimento non esisteva. La piazza, in un sabato qualsiasi, lontano dalle elezioni, piano piano quasi si riempì.

 

 

Aggiungo articoli sul Non Voto e link di persone (giornalisti e blogger) che, come me, stanno seriamente valutando di non andare a votare.

 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/19/delegittimiamoli-non-voto-al-51/505272/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/19/super-poliziotti-o-capi-popolo-no-grazie-non-voto/505584/

http://ilnichilista.com/2013/02/18/io-mi-astengo/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/20/elezioni-2013-vola-partito-dellastensione-italiano-su-tre-verso-non-voto/505315/

http://www.ilpost.it/2013/01/28/battista-astensionisti/

http://www.linkiesta.it/astensione-non-voto

http://www.ravennaedintorni.it/ravenna-notizie/36100/ravenna-pac-sceglie-la-lotta-boicottiamole-elezioni-con-il-non-voto-verbalizzato.html

http://www.informarexresistere.fr/2013/02/14/essere-cittadina-non-e-solo-votare/#axzz2LT3URFmk

http://www.scenaripolitici.com/2013/02/sondaggio-swg-indagine-allinterno-del-non-voto.html

http://lapennadallarete.wordpress.com/2013/01/31/le-ragioni-del-non-voto/

  • Jimmy

    Eppure oggi c’è una occasione di votare un governo di sinistra, perchè sprecarla? Non tornerà tanto presto… vota SEL

  • Valerio Tavolazzi,

    molto interessante la tua analisi lucida e schietta.
    Condivido la diagnosi ma non la cura.

    Io credo che il M5S sia l’unica forza politica in grado di scardinare la partitocrazia marcia e corrotta che tiene gli Italiani sotto giogo.
    E, dato che le Rivoluzioni si sa come iniziano (manco sempre veramente) ma NON si sa mai come finiscono, ho deciso di votare il M5S tappandomi il naso ma NON certamente la bocca.

    INVITO chi fosse interessato a discutere di politica italiana in una piazza LIBERA ed INDIPENDENTE ad unirsi al CIRCOLO 2.0 ITALIANI all’ESTERO; un circolo culturale a-partitico che aspira al Progresso Democratico tramite:

    1) La massima Libertá Dialettica (MAI alcun pensiero verrá censurato).

    2) Il potenziamento degli strumenti di Democrazia Diretta giá previsti dalla Costituzione Italiana (Art. 50, 56, 58, 71, 75 & 138) che gli impostori che hanno usurpato il Parlamento continuano ad ignorare e castrare.

    3) L’introduzione dei nuovi Strumenti di Democrazia Diretta promossi dalla Proposta di Legge di Iniziativa Popolare “QUORUM ZERO & PIÚ DEMOCRAZIA”

    Ad maiora !!!

    Gino Camillo
    CIRCOLO 2.0 ITALIANI all’ESTERO
    (Circolo Culturale Indipendente ed A-partitico, e Piazza Italiana @Londra & onLine)
    http://www.facebook.com/groups/Circolo2.0/

  • ValerioTavolazzi

    Grazie Gino, verrò a trovarvi.

  • Serenellagarroni

    complimenti per un analisi approfondita e sincera! Ho seguito con molto interesse lo sviluppo delle tue argomentazioni. Io voterò, il mio sarà un voto perso, ma voterò per l’unica persone che ho sempre stimato nella mia vita: Emma Bonino. Se non altro avrò la consolazione di essere coerente con le mie idee di sempre.

  • ValerioTavolazzi

    Grazie e buon voto

  • Ciao Valerio, condivido  la tua analisi,ma vorrei farti notare che ci sono forze dentro al movimento che se dopo le elezioni non si verrà ad una soluzione sul portale da adottare per far partecipare veramente la base, allora sì capirà che sono i vertici che non vogliono questo ( più volte sia io, che RICCARDO  GUERRERA, CHE FEDERICO PISTONO e tanti altri abbiamo proposto e premuto ); poi devo dirti ONESTAMENTE CHE NON MI ASPETTAVO quello che è stato detto a piazza S.Giovanni da BEPEP GRILLO IERI SERA: ha proposto le mie stesse proposte , UGUALI, stento ancora a crederci e oltretutto erano differenti da quelle fatte da “papabili” senatori del LAZIO2 classici lecchini, queste sì demagogiche ,perciò questa volta la scelta cadrà o sul M5S O SU RC ; una cosa è sicura: se dopo il voto non viene adottato un portale per la democrazia diretta e partepativa della base , allora sì che è finita veramente , NB SENZA CALCOLARE CHE ALCUNE PROPOSTE sia del M5S CHE DI RC potrebbero essere portate avanti insieme al PD, saluti

  • ValerioTavolazzi

    Ho poca fiducia nel cambiamento da dentro, fino a che Beppe e Casaleggio vogliono tirare le fila lo faranno. Solo se cambieranno loro e molleranno la presa si potrà attuare. Comunque spero tanto tu abbia ragione.

  • Francamente non ho mai compreso questa polemica sterile nei confronti dell’M5S e della sua gestione. Grillo non ha fatto altro che aprire il “suo” movimento e piano piano (un massimo sistema ha dei tempi e degli step di sviluppo ben definiti) ha coinvolto nel suo progetto sempre più persone. Sempre piano piano (forse per tutela dell’intero movimento; così è previsto dalle “regole”, anche non scritte, che governano i massimi sistemi) ha rilasciato maggiore potere decisionale. Grillo, si occupa più che altro di difendere e proteggere il movimento dall’esterno, dalle vecchie guardie e volpi della politica Italiana. Mano a mano che M5S crescerà e si consoliderà potrà essere “dato in mano” alle persone diventando poi un sistema “stabile”. Bisogna considerare che M5S, tenuto conto del numero di anni, è un “sistema” ancora in fase di “start-up”. Ora, al di la delle polemiche, io credo che lei (Tavolazzi) abbia poi fatto la scelta giusta e matura nel fondare (credo) una propria lista, movimento, partito o “piattaforma”; così ci si può rendere conto di quanto si poi difficile far “rispettare” anche agli altri il programma, i metodi e i codici etici. Del resto, M5S, fino a poco tempo fa non poteva ancora essere considerato un partito, bensì un movimento. Credo che Grillo, fino ad ora (e ancora per un pò), abbia avuto tutto il diritto di decidere (anche forzando). In realtà il cambio che Grillo ha voluto apportare allo politica è più di “sistemi” (oltre che di programma). M5S sarà a regime e se ne comprenderà la sua vera natura non appena le persone (i cittadini) avranno meglio compreso che cosa sia un modello “equabile” o “di Nash”. Non è un caso poi che M5S stai per uscire con una nuova piattaforma digitale che consenta un maggior livello di interazione tra gli utenti. 

  • martof811

    Grillo ha disatteso tutte queste pomesse….
    http://youtu.be/2ff5_7bp8zA

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese