Cambia la prospettiva Home Raccomandata

06 Giu, 2011

Il Pd ed i loro alleati dovrebbero replicare a questi fatti

Inserito da: PpF In: Politica|Servizi pubblici

facebook technorati okno segnalo

di Valentino Tavolazzi

Il  segretario Pd Paolo Calvano, che, in nome del nuovo che avanza, non risponde ai fatti contestati dal M5S in merito ai due referendum dell’acqua, preferendo, come da standard del suo partito, attaccare con informazioni false, chi muove critiche fondate. Se il giovane Calvano, prima di scrivere, avesse consultato il contratto da anni nel nostro sito http://www.progettoperferrara.org/wp-content/uploads/2009/01/contratto-tavolazzi-comune.pdf, avrebbe constatato che nel 2000 il sindaco Sateriale aveva incaricato il city manager con un compenso lordo di 205 mila euro (non 250 mila). L’equivalente di quanto percepisce un consigliere regionale come Tagliani ( dal 2005 al 2009), Montanari ( 2005-2015) o la Montani (2010-2011), quest’ultima in modo illegittimo. Uno stipendio in linea anche con quanto pagato all’attuale segretario/direttore generale del Comune.

 

La vicenda è nota ai più, ma l’intervento di Calvano, emulo del suo predecessore Mauro Cavallini, mi obbliga a ristabilire la verità. Mi licenziai nel 2000 da amministratore delegato di due società del gruppo CMC di Ravenna, con una retribuzione superiore a quella offertomi da Sateriale (vedi dichiarazione dei redditi http://www.progettoperferrara.org/wp-content/uploads/2009/03/reddito-99020.pdf), per contribuire all’ammodernamento della macchina comunale, in un momento in cui il sindaco stava per lasciare il Comune. Dopo pochi mesi la prevedibile reazione di dirigenti ed assessori, indusse Sateriale a tradire gli elettori e a togliermi le deleghe. Mentre il vice sindaco Tagliani, da me ostacolato nella svendita di Agea e nella concessione di contratti di servizio a favore dell’azienda (poi incorporata da Hera), ne approfittò per liberarsi dell’ingombro. Insieme decisero di revocare anzi tempo l’incarico, senza giusta causa, facendo pagare ai cittadini l’indennizzo contrattualmente previsto. Nessuno coinvolse la Corte dei conti per ottenere dai due la restituzione al Comune delle somme sprecate, prima con l’assunzione non convinta, poi con la revoca anticipata e onerosa.

 

Calvano ha dichiarato: “non annovero nel mio curriculum incarichi pubblici per 250.000 euro all’anno”. Delle due l’una: o non è mai stato interessato a tali incarichi, pur avendone i requisiti, oppure non dispone di questi ultimi per aspirarvi. In entrambi i casi non si tratta di un merito degno di vanto. Al contrario constato che gli stipendi percepiti dal segretario del Pd da sempre arrivano dalla politica, prima come sindaco, poi come segretario del Pd, grazie anche ai rimborsi elettorali che tutti noi paghiamo ed ai quali il M5S ha invece rinunciato.

 

Riguardo alla coerenza in materia di acqua pubblica, vorrei ricordare pochi fatti. Nel 2009 il Comitato per l’acqua pubblica organizzò un evento, allo scopo di impegnare i candidati sindaci a garantire la gestione pubblica dell’acqua. Io presi pubblicamente l’impegno, Tagliani no. Presso la commissione statuto giace da mesi una proposta Ppf per vincolare il Comune alla gestione pubblica dell’acqua, il Pd ha votato contro. Sei dei 13 fondatori del comitato per il ‘no’ “Acqua libera tutti”, che vuole mantenere il decreto Ronchi sulla privatizzazione della risorsa idrica, sono iscritti al Pd. Luigi Antonio Madeo, membro dell’ assemblea nazionale, Fabio Santoro, esponente dei democratici napoletani, Giacomo d’Arrigo rappresentante del Pd e responsabile di Anci Giovani, Massimiliano Dolce, presidente del consiglio comunale del Comune di Palestrina, Antonio Iannamorelli, consigliere comunale Pd a Sulmona (Aquila), Giusy Gallotto, dirigente del Pd di Salerno, già collaboratrice del ministro agli affari regionali Lanzillotta nel governo Prodi.

 

Calvano, il Pd ed i loro alleati dovrebbero replicare a questi fatti, invece di diffondere informazioni false sugli avversari politici.

 

Valentino Tavolazzi

Consigliere comunale Progetto per Ferrara

Movimento 5 Stelle

 

  • giulio

    tavolazzi parla sempre di quello che vogliono fare gli altri, ma lui che cavolo vuole fare o fa per la città?? ve lo dico io: un bel niente!!

  • Bocca della verità

    Caro giulio, mi sembra che lei sia piuttosto distante dalla realtà. Se vuole davvero saper che cosa vogliamo fare per la città, prima di tutto legga il nostro programma elettorale. Poi passi alle centinaia di interventi di Tavolazzi ed altri attivisti di Ppf sulla stampa. Poi legga tutte le mozioni, risoluzioni emendamenti presentati dal nostro consigliere, materiale che in qualità e quantità supera quello di tutti gli altri gruppi messi insieme. Poi venga alle nostre riunioni settimanali, aperte ai cittadini che hanno fiducia nel M5S e lo sostengono, dove si fa politica vera, disinteressata, pulita e dal basso. Finalmente potrà affermare che secondo lei Tavolazzi, Ppf e M5S non hanno proposte per la città. Se tuttavia giungesse a tale conclusione, delle due l’una: o non é in grado di capire ciò che legge oppure é in mala fede.

  • Leonardo

    @Giulio. In alto a sx alla voce categorie ci sono alcuni link dove potrà documentarsi,( emendamento, risoluzione ) noterà che molte proposte bocciate da Calvano e soci solo per pregiudizio, sono state riprese dallo stesso Calvano e soci un anno dopo, con un semplice copia incolla facendole proprie.

  • ZORRO

    Ma dai Giulio! E’ mai possibile che ogni volta che ti svegli devi dire sciocchezze? Su, torna a nanna!

  • giulio

    Il M5S se continua a ferrara con il riciclato della cooperazione tavolazzi non arriverà mai da nessuna parte

  • Pierferdinando Bersani

    Gli unici riciclati qua sono quelli che si chiamano come me (ex DC e PCI e nuovi PD) e che si passano poltrone da 60 anni sulle spalle dei cittadini… come lei Giulio. Beata ignoranza..

  • giulio

    a essere ex pci o dc non ci vedo nulla di male, sono percorsi politici. Mi vengono i brividi invece guardando chi si ricicla a sessant’ anni in un movimento che dice di essere giovane e di ricambio generazionale. non vedo sillogismi.

  • Ermenegildo

    Eh,eh,eh….. come rode a Giulio il fatto che in provincia il M5* abbia attecchito in ben cinque comuni, unico caso nazionale, il bello deve ancora arrivare, altri comuni si stanno muovendo per prepararsi alla prossima competizione amministrativa. Il M5* cresce di consensi e andrà lontano, mentre il PD menoL ferrarese lotizzato da ex democristiani campioni di riciclaggio perde e continuerà a perdere consensi.

  • Pierferdinando Bersani

    Che schifo…”percorsi politici”.. è svendita di poltrone, altro che percorsi politici..andate a lavorare!! anzi vi ci mandiamo noi… si anche te Giuglio!! finalmente!!

  • giulio

    @Ermenegildo
    ricordo al signor ermenegildo che in provincia di ferrara il PD ha vinto 7 comuni su 7 all’ ultima tornata elettorale di pochi giorni fa..come declino mi sembra molto lento. Ma capisco che le vostre tesi sono tutte campate in aria, fuori dal mondo. Anche cento è passato al PD, non succedeva da vent’ anni.
    @Pierferdinando Bersani
    l’ unica poltrona che non viene mai svenduta è quella dove sta seduto tutto il giorno in casa sua davanti al computer senza combinare un bel niente e criticando di continuo gli altri.

  • Pierferdinando Bersani

    Io sig. Giulio rispondo a lei, a far niente siamo in due solo che lei è pagato dai cittadini

  • Pierferdinando Bersani

    Si vergogni!

  • Ermenegildo

    @Giulio
    Eh,eh,eh….come si riempie la bocca con i sette “comuni vinti” dove pur calando il numero dei voti riuscite a governare rappresentando un 30% degli aventi diritto al voto con una legge che vi siete fatta su misura come un vestito fatto da un sarto, una vergogna per la democrazia, poi sa, i comuni si vincono e si perdono mi risulta che solo un anno fa avete perso Comacchio dove se non sbaglio governavate da 60 anni, ma io a differenza di lei, ritengo che l’alternanza al governo dei comuni possa effettivamente liberare i cittadini dal parassitismo della Casta, dal malgoverno, dalla prassi clientelare e dei previlegi, dagli sprechi, dalle lobby affaristiche, insomma una linfa per la democrazia.

  • Ermenegildo

    @Giulio
    Visto che lei di poltrone ne se sa una più del diavolo, avendo letto nel post che la Montani ha avuto una poltrona come consigliere regionale, poltrona profumatamente pagata, tra l’altro una di quelle del pacchetto angoli degli affari e svendite, senza passare per il consenso degli elettori, i soldi incassati vengono restituiti alle casse pubbliche?

  • enrico

    Mi rivolgo a me stesso, Giulio o Enrico, sempre io sono. Penso che abbia ragione Pierfè, dovrei proprio vergognarmi!. Ma ne sono capace?

  • giulio

    @enrico fai addirittura ridere meno del tuo dio beppe grillo, la differenza è che lui i comizi li fa pagare caro

  • Lino

    @giulio E che dire dei scadenti comici della Casta che nemmeno li fanno i comizi pur essendo pagati caro da pantalone. Lì c’è da piangere dalla tristezza.

  • Ermenegildo

    @giulio

    Eh,eh,eh……..come mai giulietto svincola, non sta sul pezzo e non risponde nel merito? Mi ricorda tanto il dio bersanetor che prima con il suo PD ha svenduto le aziende pubbliche compreso quelle dell’acqua, ora dopo una folgorazione divina, sale sul carro dei referendari che ha contrastato fino a ieri, ma questo non si chiama opportunismo?

  • giulio

    @ermenegildo
    non le sembra strano che voi che siete contro la casta difendete con tanto calore le aziende pubbliche che gestiscono i servizi le quali sono da sempre ricettacolo di politici trombati e parentame di polici? come mai difendete la casta? avete cambiato idea? certo non mi stupirei dal momento che il trasformismo grillesco è ormai a conoscenza di tutti.

  • Pierferdinando Bersani

    Vede Giulio, i soldi che la casta ruba sono quelli dei rimborsi elettorali, vietati per legge con il referendum sull’abolizione dei finanziamenti ai partiti. Sono quelli derivanti da bonus e stipendi e pensioni (dopo una legislatura) di parlamentari, senatori, consiglieri regionali, sedie di partito etc. etc. questo dovrebbe combattere. Se deve rimanere dell’extra dal servizio di gestione dell’acqua, che è di tutti, è bene che rimanga nelle tasche già smilze del pubblico (che è di tutti), piuttosto che finisca nelle tasche di privati con i dividendi. Le sembra strano lo so, ma voi siete abituati oggi a rubare anche tramite le multiutility e in un qualche modo bisogna fermarvi. E se lo dico io (che vengo dal mostro nato dall’incrocio amorfo fra democristiani e comunisti)?

  • Ermenegildo

    @giulio

    Eh,eh,eh……….caro giulietto a voi non ve ne frega niente della gestione pubblica o privata dei servizi, a voi interessa solo creare società poltronificio che a seconda della convenienza per il popolino le chiamate aziende private o aziende pubbliche, ma nella realtà queste servono solo per continuare a collocare i trombati e i paraculati della politica che non riuscite più a fare nel pubblico per i limiti imposti alle assunzioni che comunque qualche volta riuscite pure a saltarli con consulenze ad hoc, date per esempio a ex Sindaci. Rispetto al trasformismo? beh… me lo lasci dire siete dei maestri.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese