Cambia la prospettiva Home Raccomandata

17 Giu, 2010

Il Pd lancia l’offensiva politica per «indorare» la pillola di Cona

Inserito da: PpF In: Sanità

facebook technorati okno segnalo
Share

Da Il Resto del Carlino di Stefano Lolli

Nella saletta, una trentina di persone. Quasi tutti esponenti del Pd, a iniziare dal segretario cittadino Simone Merli all’ex segretario dei Ds Mauro Cavallini; c’è anche l’assessore alla Sanità Chiara Sapigni, e vari consiglieri comunali. Un paio di ‘osservatori’ (Pdl e lista civica), persone comuni non più di due o tre. MA IN FONDO non conta; l’obiettivo della prima iniziativa pubblica promossa dal Partito Democratico sull’ospedale di Cona, ha il valore della sperimentazione politica. Cresce infatti la preoccupazione non solo della gente, ma anche nel maggior partito di governo locale per le possibili ricadute della vicenda ospedale.

Ecco allora affidato a due esperti (i consiglieri comunali, nonchè medici al S. Anna, Francesco Portaluppi e Maria Adelina Ricciardelli) il compito di ‘informare’ la gente. PECCATO che la gente non ci sia. «Purtroppo stasera gioca il Brasile…», si giustifica Simone Mori, segretario del Circolo Pd di Pontelagoscuro, dove va in scena il primo atto della serie d’iniziative. Che a Portaluppi del mondiale non interessi nulla, si capisce presto; più che di un incontro col pubblico (che non c’è), la sua è una conferenza. Il responsabile del centro ipertensione del S. Anna – forse scelto perchè anche nel Pd serpeggia il nervosismo – sciorina diapositive, informazioni, considerazioni. E qualche bacchettata all’opposizione: «Il S. Anna non si poteva ristrutturare nè allargare, in fondo Ceausescu è stato fortunato, poteva abbattere le case circostanti per edificare il suo palazzo», prova a scherzare. POI LA MOSSA ad effetto: mostra le foto del S. Anna d’inizio Novecento, con le camerate da venti letti e le suore pietose fra i malati in quarantena; la situazione in fondo è cambiata di poco, dice Portaluppi, «nessuno oggi può avere il coraggio di chiamare il S. Anna un ‘ospedale civile’: climatizzazione inadeguata, un bagno per 15 malati, sale operatorie sparse per il complesso, l’anello non ristrutturabile anche per i vincoli della Soprintendenza. La diagnostica è frammentata – incalza -, le attrezzature sono incomplete». Vien da chiedersi perchè, stando così le cose, Portaluppi e la Ricciardelli lavorino al Sant’Anna ormai da vent’anni senza aver mai presentato un esposto ai Nas o un’interrogazione al sindaco; ma il loro compito, ora, è di… formare il consenso. DI SPIEGARE, con tanto di logo verde e freccia bianca su cui spiccano le parole ‘efficienza’, ‘sicurezza’ e ‘qualità’, che ospedale migliore significa solo ed esclusivamente Cona. Anzi, «S. Anna a Cona». Nella strategia di comunicazione politica del Pd bisogna iniziare a chiamare S. Anna il nuovo ospedale, Cona evoca già il rischio elettorale prima ancora di quello sanitario. Ed allora, malgrado qualche bisticcio lessicale che confonde i pochi cittadini – che infatti prendono la porta -, per tutta la serata i ‘consiglieri-sanitari’ ripetono la formula. Infarcita di termini inglesi: non si parla più di ospedale vecchio o nuovo, ma di hub & spoke. Cona sarà più confortevole per i degenti? Merito dell’evidence-based design. PORTALUPPI si impegna anche a smantellare le fondamenta delle critiche: «Ampliare il S. Anna recuperando l’ex caserma Pozzuolo del Friuli era impossibile per una ragione di spazi, in Cisterna del Follo ci sono 25 mila mq, meno di un terzo rispetto alle esigenze di espansione». E per il futuro, perchè contestare la realizzazione di case o negozi? «E’ successo anche all’Umberto I di Mestre tanto lodato – dice il medico-consigliere -: per favorire la realizzazione del nuovo ospedale in piena campagna, a 5 km dal centro, si stanno costruendo 429 appartamenti e 6 mila mq di aree commerciali». POI UN’ALTRA raffica di numeri, funzionali a spiegare che quella di Cona è la miglior ubicazione possibile (ma tra i grandi tabù della serata, resta la scelta originaria della localizzazione su cui ora ai consiglieri Pd è vietato esprimere giudizi): «Almeno 25 mila abitanti sono più vicini a Cona che al S. Anna, almeno il doppio degli incidenti avviene in una posizione più vicina o più facilmente raggiungibile da Cona che non all’attuale ospedale», dice Portaluppi. Che dopo un’ora e mezza cede, cavallerescamente, la parola alla Ricciardelli. La responsabile del 118 va dritta al punto: «E’ solo l’urgenza il problema della sanità ferrarese?». Non c’è la minima idea di quanto impiegheranno, le ambulanze, a raggiungere Cona; ma per la Ricciardelli «il concetto di velocità è relativo». Sono infatti «cruciali i tempi di arrivo delle ambulanze, non quelli del ritorno in ospedale». Si punta sulla qualificazione tecnologica e del personale, sull’evoluzione della sanità. IN TUTTA la serata, non si parlerà mai dei disagi dei pazienti e dei familiari (nè dell’esigenza, invocata dallo stesso sindaco Tagliani, di attuare una riorganizzazione anche ‘culturale’ dell’apparato medico dell’ospedale); nè una parola sul ritardo dei collegamenti, l’aumento dei costi, personali e per la collettività. Si procede per dogmi e visioni idilliache: «I portoni del Sant’Anna non chiuderanno…», dice la Ricciardelli parlando della ‘Casa della Salute’, ovvero la ristrutturazione che prevede in corso Giovecca ambulatori, medici di medicina generale presenti 12 ore al giorno e la guardia medica di notte. Proibito parlare di pronto soccorso: «Separare le strutture dell’emergenza dalle degenze – chiude la Ricciardelli – è inefficiente e pericoloso».

  • giova

    CHIEDIAMO che tutti i nostri anziani da ricoverare a Cona siano valutati come “gravi” ai sensi della Legge 104/ 1992 , in modo che i parenti lavoratori dipendenti possano andare ad assisterli e a prestare le cure che già ora vediamo lesinate .

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese