Cambia la prospettiva Home Raccomandata

09 Apr, 2010

Il PD priva la città del Pronto Soccorso

Inserito da: PpF In: Ambiente e salute

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

E’ confermato: al Sant’Anna non rimarrà alcun servizio di emergenza, né si pronto soccorso di stabilizzazione. Lo hanno dichiarato ieri in commissione consigliare il direttore generale dell’azienda ospedaliera Riccardo Baldi ed il direttore sanitario Davide Fabbri. Quando Cona aprirà (non esiste una data certa, ma non nel 2010), in città verranno meno l’assistenza notturna, per qualsiasi necessità, le prestazioni oggi erogate al Sant’Anna in day hospital, le radioterapie e le chemioterapie oggi effettuate in giornata senza ricovero. Anche le dialisi saranno ridotte (una parte, per i pazienti più critici, sarà trasferita a Cona). In città non ci saranno più TAC, PET ed altre strumentazioni diagnostiche sofisticate. Gli strateghi sanitari del Pd costringeranno gli anziani a spostarsi ogni giorno a Cona per chemioterapia o radioterapia, oggi prestate in day hospital al Sant’Anna. Dovrà recarsi a Cona anche chi, dopo le 20, avrà bisogno di assistenza per una storta, per una piccola ferità, per un principio di colica renale, per una scottatura. I portoni del Sant’Anna, la notte, saranno sprangati. Tutto questo, nell’incertezza sulla disponibilità di mezzi di trasporto, 24 ore su 24, tra il centro cittadino e Cona.

Scelte irresponsabili, burocratiche, fatte da una maggioranza di centro sinistra, che dovrebbe essere attenta ai bisogni dei cittadini più svantaggiati e che invece costringe i residenti in città a recarsi a Cona per necessità assistenziali banali. Senza contare i disagi per i familiari dei pazienti ricoverati nel futuro nuovo ospedale.

Anche la chiusura del pronto soccorso del Sant’Anna sarà devastante. Una decisione presa in assenza di un piano per l’emergenza che soddisfi l’obbiettivo di migliorare il servizio ai cittadini. Chiunque comprende il rischio associato al trasporto in ambulanza, per esempio da Pontelagoscuro, Porotto, Cassana, Corso Isonzo, di un paziente colpito da una patologia acuta e urgente, magari dell’apparato cardiocircolatorio, quando dieci, quindici minuti fanno la differenza. Chi sostiene che il trasporto a Cona sia più sicuro ed efficace che al Sant’Anna, medico o no che sia, consigliere comunale o no, se dotato di comune buon senso, si limita a difendere scelte sbagliate compiute dal suo partito. Quale sarà la probabilità dell’aumento di decessi a causa dell’aumento dei tempi di trasporto dei pazienti in condizioni di emergenza?

Ieri in commissione la giunta ed i vertici dell’azienda si sono presentati ancora senza alcun documento che illustri il progetto sanitario complessivo ed il sistema di emergenza. Si spaccia per programmazione un metodo che in vent’anni non è stato in grado di dare ai ferraresi un nuovo ospedale, né di ristrutturare quello esistente. Progetto per Ferrara, durante il consiglio straordinario su Cona, ha proposto una risoluzione chiara al riguardo, che ovviamente Pd, Idv ed alleati hanno bocciato. Essa impegna il sindaco e la giunta ad ultimare nel più breve tempo possibile il nuovo ospedale di Cona, ai più alti livelli di eccellenza, sia riguardo alle prestazioni sanitarie e di servizio, che per quanto attiene alle modalità di accesso (infrastrutture di trasporto adeguate, frequenze dei mezzi pubblici idonee, parcheggi gratuiti). A mantenere l’attuale ospedale Sant’Anna operativo ad elevati livelli di qualità per l’erogazione delle seguenti prestazioni sanitarie: emergenza (completa delle unità necessarie), day hospital, visite ambulatoriali, diagnostica, chirurgia ambulatoriale, terapie intensive e non (chemioterapia, radioterapia, dialisi, altre), ogni altra prestazioni sanitaria che non richieda ricovero. A chiedere alla Regione di garantire gli investimenti necessari all’adeguamento del Sant’Anna per gli scopi sopra esposti e di destinare parte delle strutture di Cona, eventualmente sovra dimensionate, ad altre funzioni (per esempio universitarie). Ad utilizzare le volumetrie residue nell’area Sant’Anna per funzioni esclusivamente di pubblico servizio.

Valentino Tavolazzi

Consigliere comunale Ppf

  • giova

    Verbalizzare, Ing. Tavolazzi, faccia verbalizzare sempre e dovunque le nostre richieste, perchè dopo in primo mese di “diaspora” dei malati in taxi nessuno potrà più bofonchiare come ora, e sarà evidente chi ha deciso e con quale compattezza di partiti. E i malati e le loro famiglie grideranno, spogliati dei pochi risparmi da utilizzare in trasporti e tempi.
    Con quale cinismo queste decisioni siano prese davvero meraviglia, ma sappiamo che è il portato della costrizione dei conti economici sbagliati da sempre, anzi neppure approssimati a milioni di euro. Il concetto di BUDGET è tuttora confuso con quello di BLUFF .

  • giova

    Anzi, di BL E UFF…

  • claudia

    Mi trovo completamente daccordo con le proposte riguardanti il pronto soccorso e il S. Anna in generale! se veramente volessero sbaraccare il pronto soccorso dovremmo fare come i cittadini di Comacchio….PRESIDIO sino all’ottenimento dei risultati. Per cui vorrei sostenervi e appoggiarvi fortemente, cercherò di essere più partecipe. Nel frattempo tenete duro!

  • giova

    Ritengo necessario che Az. Ospedaliera Univers. S.Anna elabori ( se non già disponibile) una statistica almeno per gli anni 2008-2009 della provenienza dei richiedenti prestazioni di pronto soccorso, con relativa età ed affezioni. Quindi sarà da commissionare ( gratis alla CCIAA, uff. Statistica, grazie fin da ora al dr. Pres. Roncarati) un’ elaborazione / proiezione per classi d’età, per i prossimi 5 anni . Gli esperti sanno meglio di me come articolare tale ricerca. Anche l’Università potrebbe contribuire. I risultati potrebbero orientare con razionalità la nostra Giunta forse con indicazioni molto diverse dalle decisioni assunte a fiuto.

  • giova

    E adesso che Errani non ha più da erogare al Comune di Comacchio 40 milioni di Euro, data la sconfitta del Sindaco uscente Cicognani, forse che vorrà erogarli per il Pronto Soccorso e servizi di day hospital nel Sant’ Anna???

  • lori

    Non potevano fare di meglio! Chi abita dalla parte opposta della città deve programmare l’urgenza!!
    Robe da matti, e poi si chiedono perchè perdono i voti!

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese