Cambia la prospettiva Home Raccomandata

06 Mar, 2011

Il PD teme il referendum sul Sant’Anna

Inserito da: PpF In: Sanità

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

La reazione del Partito Democratico al referendum autogestito sul Sant’Anna, è davvero incoraggiante. Se infatti si agita al primo colpo, significa che l’iniziativa politica di Progetto per Ferrara è fondata e temuta. Prigioniero dei suoi errori (scelta di Cona, vent’anni per costruirlo, 500 milioni spesi male) il Pd persevera nella loro difesa, imponendo alla città una scelta ancor più grave: la chiusura del Sant’Anna. Al tempo stesso pretende che la popolazione non venga consultata. Le argomentazioni addotte da chi ci governa da 60 anni sono davvero puerili. Il segno insomma del degrado di una classe politica, che in decenni ha toccato il fondo per capacità amministrativa, onestà intellettuale, tutela degli interessi della collettività ed autonomia dalle gerarchie di partito.

 Il capogruppo del Pd Simone Merli ha dichiarato che “Quella di Tavolazzi è pura demagogia politica, non ha neppure la dignità di essere chiamata referendum”. E facile replicargli con il suggerimento di alzare lo sguardo oltre il pollaio. A Vicenza il suo partito non si è ritirato dalla battaglia contro la base militare Dal Molin, dopo la bocciatura del Consiglio di Stato, ossequiando le formali regole democratiche oggi evocate da Merli, cui fa da controcanto Zamorani. Al contrario il sindaco Variati del Pd ha convocato un referendum “autogestito”, finanziato con soldi pubblici, per dar voce ai cittadini. Chiavari è un altro caso in cui il Pd ha consultato la popolazione in merito ad un parcheggio, utilizzando lo stesso strumento. Altri esempi sono disponibili a mazzetti da dieci. Dunque il Pd rivela la solita pochezza di argomenti e la lucidità del pugile suonato in attesa del gong.

 Il comunicato dell’Italia dei Valori, invece, appare un pezzo d’avanspettacolo. A parte l’annuncio comico del contro referendum, colpisce la disinformazione di un partito sedicente di sinistra, che da spina nel fianco del Pd, grazie ad un paio di poltrone si è trasformato in suo “attendente”. L’Idv sostiene che “Un doppio pronto soccorso nel raggio di pochi chilometri è un’eresia; insostenibile economicamente, un vero e proprio dispendio inutile di risorse pubbliche che verrebbero sottratte a servizi sanitari essenziali ed irrinunciabili. Ma non solo, un pronto soccorso di fatto privo delle necessarie strumentazioni e professionalità per diagnostica e trattamenti complessi sarebbe un motivo di pericolo per i cittadini perchè finirebbe per sviarli dalle sedi di soccorso appropriate”. L’Idv non fa nemmeno la fatica di studiare la rete ospedaliera di Modena, prima di prendere posizioni pubbliche.

 Nella città cugina, è stato costruito nel 2005 un nuovo ospedale (Baggiovara) a 7 Km dal centro. L’equivalente di Cona. Il Policlinico in città non è stato chiuso, bensì ristrutturato. E l’anno scorso la regione ha investito 15 milioni di euro per consegnare ai cittadini modenesi il miglior pronto soccorso della regione, in pieno centro. Ma si sa, la stoffa degli amministratori modenesi e la loro capacità di farsi valere a Bologna, è tutt’altro che la subalternità dei politicanti ferraresi, che scambiano carriere personali con i diritti dei cittadini.

 Progetto per Ferrara il 16 e 17 aprile chiederà ai ferraresi se vogliono mantenere in città l’ospedale Sant’anna ed il suo pronto soccorso, adeguatamente riprogettati in modo integrato con Cona. Strilli e anatemi di chi teme il referendum non impediranno che essi dicano la loro.

Valentino Tavolazzi

Consigliere comunale Progetto per Ferrara

Movimento 5 Stelle

 

 Articoli  pubblicati Domenica 6 Marzo 2011 sulla stampa locale

La reazione del Palazzo alla consultazione autogestita 

La Nuova Ferrara                   Il Resto del Carlino

 

 

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese