Cambia la prospettiva Home Raccomandata

02 Mar, 2010

Il sistema economico ferrarese è “debole”

Inserito da: PpF In: Economia, sviluppo, lavoro|senza categoria

facebook technorati okno segnalo
Share

di Lanfranco Viola

Questa mattina (sabato 27/02) sono rimasto allibito nel leggere l’intervento (di mezza pagina) del Sindaco Tagliani, all’interno del vostro inserto sull’economia ferrarese.   Il sindaco ci racconta che il sistema economico ferrarese è “debole” [bella scoperta] e ce ne descrive lo stato comatoso poi spiega: “La strategia con cui la comunità ferrarese nel suo complesso disegna il percorso di uscita dal tunnel della crisi non può che avere che due filoni distinti, ma assolutamente complementari [meno male] da un lato la massima attenzione ad attenuare l’impatto della crisi [vorrei vedere il contrario] e dall’altro il posizionamento su un sentiero di crescita e sviluppo strutturalmente più elevato e diverso” [ SIC!].

 Partendo da questa affermazione  non le scrivo solo per far notare la “fumosità” di tali affermazioni, ma per evidenziare che in tutto l’intervento non viene mai pronunciata la parola “turismo” nemmeno fosse una bestemmia e non uno dei settori su cui più facilmente il “Pubblico” potrebbe intervenire per iniziare a risollevare l’economia della città in tempi brevi; dell’ordine di qualche mese.

Turismo significa, oltre all’ospitalità, anche ristorazione, tecnologie, servizi alla persona, consumo di prodotti artigianali dell’enogastronomia locale, manutenzioni, sport e tempo libero, shopping, trasporti, taxi ecc. ecc.

Dopo molti anni, in cui questo settore è stato completamente e colpevolmente trascurato dalle precedenti amministrazioni locali (di ogni ordine e grado), il cambio della guardia in Comune aveva fatto nascere una tenue speranza che qualcuno volesse iniziare ad occuparsene sul serio. Non basterà nel 2010 al turismo di Ferrara Città d’Arte aver recuperato la mostra di Primavera che si inaugura domani al Palazzo dei Diamanti.

Questa mostra è stata concettualmente progettata come la fotocopia di molte altre in passato e come quelle non è stata promossa e pubblicizzata adeguatamente e quindi mi è facile prevedere che i risultati saranno inferiori alle aspettative.  Fino ad  oggi le istituzioni cittadine preposte, poco o nulla hanno fatto e poco o nulla stanno facendo in modo adeguato per comunicare l’esistenza della mostra di Maeght, come quasi nulla fanno e quasi nulla hanno fatto per comunicare la stessa esistenza di Ferrara Città d’Arte. La verità della mia affermazione è dimostrata dal numero risibile dei visitatori dei suoi principali monumenti ad iniziare dal Castello nel quale  (dopo la pregevole opera di recupero di qualche anno fa), i visitatori sono progressivamente diminuiti invece di aumentare. E non mi si venga a dire che è colpa della crisi: per rendersene conto basterebbe (con un po’ di umiltà) confrontarsi con la mostra presente a Rimini al Castello Sigismondo  dal titolo “da Rembrant a Gaguin a Picasso” per capire che il difetto sta nel non aver capito che oggi bisogna non solo fare (e possibilmente fare bene), ma anche comunicare in modo adeguato. Il silenzio di tutti ad iniziare da “Sindacati di Categoria” è la riprova di una totale e diffusa mancanza di progettualità.

Cordiali saluti.

P.S. Questa è la lettera che chiedo di pubblicare per sollecitare un minimo di dibattito sul tema, mentre per  sua conoscenza (augurandomi che sia di suo interesse) le invio l’ultima mia comunicazione alla Segreteria del Ministro al Turismo Brambilla, altro luogo dove domina l’incompetenza nel gestire i nuovi strumenti quale internet e che ho inserito nel sito dell’Hotel Ripagrande sotto la voce “Turismo” al seguente link  http://www.ferrarahotelripagrande.it/ita/descrizione_turismo.asp?id=163 in quanto, dopo più di un anno, sono deluso dal livello degli interventi sul sito www.ferraraforum.com il quale dalle “istituzioni” viene utilizzato solo come una bacheca virtuale in cui affiggere alcuni annunci su quanto [non] succede a Ferrara e Provincia . 

A Ferrara abbiamo un campo da Golf 18 buche proprio nel Parco Urbano: chi lo promuove?

http://www.federgolf.it/index.php?id=693&no_cache=1&tx_ttnews[tt_news]=12968&cHash=862faf87da

Link 1: “ Caro Ministro Brambilla” http://www.ferrarahotelripagrande.it/ita/descrizione_turismo.asp?id=163

Link 3: “ Perchè non anche in inglese?” http://www.ferrarahotelripagrande.it/ita/descrizione_turismo.asp?id=147

Link 3:”La nuova epoca della web economy” http://www.ferrarahotelripagrande.it/ita/descrizione_turismo.asp?id=142

 Arch. Lanfranco Viola

  • matteo

    Invocare la parola turismo equivale mettere a bilancio una spesa. Facendo un ragionamento semplice, se aumenta il numero di persone che girano per la città, aumenta la quantità di “rifiuto” da raccogliere e smaltire, non solo, però questo punto potrebbe essere già critico. Provo ad approfondire con un ragionamento (che può essere sbagliato e smentito). A Fe, in centro, non mi sembra di notare con ragionevole frequenza cassonetti per la differenziata, quindi senza differenziata si getta negli “appositi cestini”. Aumentando il numero di visitatori incrementerebbe la raccolta, sia essa differenziata sia indifferenziata. Questo è un costo in entrambe le ipotesi. Poichè il costo sarebbe preventivo e penso gravi per buona parte sul comune, sarebbe un costo a bilancio. Inoltre Hera non può smaltire oltre una certa quantità di “rifiuto” nel suo forno, quindi andrebbe stoccata in discarica in attesa della cremazione. Invoco nuovamente la parola turismo, mi sovviene un’altra idea su come generare costo, ovvero l’aumento di sicurezza necessaria in giro per la città che equivale a rimodulare l’organico della polizia soprattutto locale. Invoco nuovamente turismo e per l’ultima “osservazione”. Chi entra come turista, si aspetterebbe una bella città ed in ordine e a Ferrara di degrado, soprattutto architettonico, ne vedo.. Quindi in sunto turismo è costo, un costo ora come ora è un’incertezza perchè non è come le azioni Hera, che forse daranno un dividendo.. O come un derivato.. che se ne può calcolare il buco.. Turismo è un investimento a lungo termine e la fumosità dei discorsi del sindaco, non possono che rendere cieca la vista di uno splendido orizzonte.

  • giova

    Il turista reagisce e influisce sul luogo che visita: a dargli standard di civiltà – di cui beneficia l’intera popolazione della città- impara ad apprezzarla e a valorizzarla. A lasciare che giovani sbronzi , pure turisti, vomitino e imbrattino dove si aggirano, non c’è salvezza. Vale di più il ” controllo sociale ” praticato da tutti noi, nel dare esempio di comportamenti educati, nel chiamare la Polizia quando serve, nel presidiare i luoghi che più amiamo che lasciare che il turismo sia una variabile di cui valutiamo più i costi che i benefici.
    Circa HERA e rifiuti, ricordiamo come in Cina per le Olimpiadi il governo sia intervenuto a sanzionare sputi e mozziconi di sigaretta…..un po’ di MAO farebbe molto bene anche ai Ferraresi…

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese