Cambia la prospettiva Home Raccomandata

16 Dic, 2010

Il tempo di accesso all’ospedale può essere vitale

Inserito da: PpF In: Sanità

facebook technorati okno segnalo

di Valentino Tavolazzi

Reputiamo gravi e poco responsabili le affermazioni lette sui quotidiani nei giorni scorsi, attribuite ai vertici delle due aziende sanitarie ferraresi: «La riorganizzazione del 118 non dipenderà dal trasferimento dell’ospedale a Cona. Questo perché la cosa più importante è garantire che l’ambulanza arrivi sul posto del soccorso nel minore tempo possibile, non quanto c’impiega poi per raggiungere l’ospedale». Dichiarazione immediatamente contraddetta da: «L’ambulanza tra il Sant’Anna e Cisterna del Follo verrà spostata tra Barco e Pontelagoscuro». Domanda. Se lo spostamento dell’ospedale a Cona è indifferente per l’organizzazione del 118, perché mai verrebbero spostate le ambulanze da corso Giovecca a Pontelagoscuro? Se i tempi di arrivo a Pontelagoscuro sono andati bene fino ad ora, perché portando l’ospedale a Cona si debbono spostare anche le ambulanze oggi nei pressi del Sant’Anna?

La verità è che per molte emergenze (infarto, ictus, emorragia) il tempo di arrivo all’ospedale è vitale. Lo ha pubblicamente dichiarato il direttore dell’azienda sanitaria locale Paolo Saltari: «Per le urgenze servono certezze: massimo venti minuti dopo l’infarto per raggiungere la sala emodinamica, non oltre perché altrimenti c’è perdita di tessuto cardiaco e la mortalità aumenta del 10%». E’ evidente che se la sala emodinamica verrà trasferita a Cona, si allungherà il tempo necessario per raggiungerla da Pontelagoscuro, Barco, Francolino, Porotto, Cassana e tutto il centro storico, anche posizionando un’ambulanza in ogni località.  Saltari, a scanso di equivoci, aveva anche aggiunto: «Per cuore, cervello e grandi traumi il minuto fa la differenza».  E’ assai curioso che oggi il direttore del Sant’Anna Gabriele Rinaldi dichiari «Per infarti e ictus la sala operatoria può arrivare dopo un’ora e mezza, per le emorragie celebrali entro due ore». Delle due l’una: o la scienza medica è soggettiva, oppure i due direttori farebbero bene a mettersi d’accordo prima di parlare.

Anche sul tipo di ambulanze e sugli equipaggi si fa molta confusione. Due soli soccorritori autisti, equipaggio assai frequente a Ferrara, non possono garantire un servizio assistenziale d’emergenza all’altezza della situazione. Le norme sul fabbisogno del personale medico, infermieristico e tecnico del servizio di emergenza sanitaria territoriale, sono del tutto carenti. Per pianificare una adeguata qualificazione del soccorso di base (emergency life support) occorre colmare al più presto tale carenza.

Indicazioni ufficiali sul sistema emergenza le ha date nel 2007 il Ministero della salute con gli studi, prodotti in collaborazione con regioni italiane, denominati “I 15 Mattoni del Servizio Sanitario Nazionale”. Il Mattone 11- Pronto Soccorso e Sistema 118 – definisce strumenti e metodologie, condivisi dai sistemi sanitari regionali, per dimensionare le strutture, valutare i costi dell’emergenza e quant’altro. Per progettare correttamente il sistema di emergenza il Ministero ha individuato i criteri. Vediamone alcuni.

1.  L’area servita, se urbana o extraurbana, stabilendo che per i codici più urgenti i tempi di arrivo dei mezzi di soccorso siano ≤ 8 minuti in area urbana e ≤ 20 minuti in area extraurbana.

2.  La densità demografica, una maggiore densità di popolazione comporta un maggiore fabbisogno assistenziale.

3.  La presenza di aree ad alto rischio, agglomerati industriali, raffinerie o di qualunque altra area identificabile come “a rischio”, che può condizionare sensibilmente il fabbisogno assistenziale del territorio. Particolare valenza assume in tal senso il potenziale rischio chimico, nell’eventualità del verificarsi di vere e proprie maxiemergenze.

4.  La distribuzione per età della popolazione: sappiamo che in città quasi un abitante su tre ha più di 65 anni.

5.  L’esistenza o meno di un ospedale o un pronto soccorso nel territorio interessato.

Come si fa a sostenere che chiudere il Sant’Anna non influisca sul modello di emergenza?

Anche  le caratteristiche dei quattro livelli in cui si articola la risposta all’emergenza – urgenza, sono individuati dalle linee guida ministeriali (n. 1/1996), ossia: Punti di Primo Intervento, Pronto Soccorso Ospedaliero, Dipartimento di Emergenza, Urgenza ed Accettazione di primo livello, Dipartimento di Emergenza, Urgenza ed Accettazione di secondo livello. Non sta scritto da nessuna parte che il pronto soccorso di Cona debba costituire l’unica offerta per l’emergenza in città.

Lasciare il centro storico ed i quartieri limitrofi senza ospedale e pronto soccorso è per noi una scelta irresponsabile, mai compiuta prima d’ora in altri capoluoghi emiliani. Lo è altrettanto giustificarla, minimizzando il disastro incombente, con argomentazioni pseudo tecniche, che appaiono più propaganda subalterna alla politica, che effettiva competenza professionale messa a disposizione dei cittadini.

Valentino Tavolazzi

Consigliere comunale Progetto per ferrara

Movimento 5 Stelle

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese