Cambia la prospettiva Home Raccomandata

01 Dic, 2009

La crisi morde Coopser rischiano 130 dipendenti

Inserito da: PpF In: Economia, sviluppo, lavoro

facebook technorati okno segnalo

Pubblicata da Il Resto del Carlino

di Luca Bolognini

159954030_foto_hSe la ripresa non dovesse arrivare, per 130 lavoratori di Coopser scatterà la cassa integrazione. Nonostante il profilo aziendale reciti che tra gli obiettivi della cooperativa ci sia la difesa «dell’occupazione dei soci migliorandone le condizioni economiche, professionali e sociali e promuovendo un ambiente solidale e collaborativo», la crisi potrebbe costringere i vertici a una scelta davvero drastica. «Per ora – precisa Stefano Mandrioli di Cisl – la situazione non è particolarmente allarmante. C’è stata una prima valutazione su quello che potrebbe succedere nel 2010».

A causa dello tsunami economico-finanziario partito dall’America nel 2008, molte aziende sono state costrette a eliminare le esternalizzazioni, impiegando i dipendenti interni in mansioni che prima venivano commissionate ad altre realtà. Per le ditte che forniscono servizi, come Coopser, questa strategia di sopravvivenza si è rivelata una vera e propria mazzata. «Per non mettere a casa i propri lavoratori – continua Mandrioli – le aziende tagliano i contratti in outsourcing, mettendo in difficoltà i dipendenti di altre società. Per quanto riguarda Coopser, se nel 2010 le cose dovessero continuare così, 130 lavoratori rischiano di finire in cassa integrazione».

 

AL MOMENTO questo è il peggiore scenario che è possibile ipotizzare se non dovesse cambiare nulla. «Con Yara è tutto ok. Mentre per quanto concerne Agritalia e Polimeri Europa regna parecchia incertezza. Il futuro – fa notare – non appare roseo. Ritengo che la crisi continueremo a sentirla per parecchio. Il settore dei servizi, tra l’altro, è uno dei più esposti: il calo della produzione dei cantieri di Mestre si riflette sul petrolchimico che a sua volta scarica la crisi sulle aziende esterne con cui ha dei contratti». NESSUNA DECISIONE è ancora stata presa e per il momento si naviga a vista. «Se per Coopeser dovessero scattare gli ammortizzatori sociali, sarebbero applicati a rotazione su ogni singolo cantiere. Per via delle competenze impiegate è impensabile che la cassa integrazione possa coinvolgere tutti contemporaneamente».

 

La crisi, che a Ferrara, ha morso più che in ogni altra città dell’Emilia-Romagna potrebbe così presto mietere un’altra vittima. I dati per quanto riguarda la provincia estense sono allarmanti. Il rapporto tra ore di cassa integrazione e numero di addetti è pari a 58 ore, quando in Italia è di 41 e in regione di 32. Il ricorso agli ammortizzatori sociali è aumentato del 680% tra il 2008 e il 2009 nel periodo compreso tra gennaio e ottobre. Per la Cooperativa di produzione servizi, come per molte altre aziende ferraresi, a essere decisivi saranno i prossimi mesi.

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese