Cambia la prospettiva Home Raccomandata

03 Nov, 2009

La “fantomatica” idrovia

Inserito da: PpF In: Urbanistica

facebook technorati okno segnalo
Share

di Giovanni Mari

cartello_pontePasseggiando al di la della stazione ferroviaria, mi sono imbattuto in questo cartello, che riguarda i lavori di costruzione di un nuovo ponte che dovrebbe mettere in comunicazione Via Maverna con la circonvallazione di via Arginone. Quando l’ho visto mi sono detto: “Allora è vero che si incominciano a spendere i soldi per realizzare la fantomatica ed inutile idrovia…. Il ponte,in effetti, stando al disegno rispecchia quelle che sono le inderogabili necessità di navigazione delle imbarcazioni portacontainer di classe V° ( oltre 100 mt. di lunghezza e almeno tre piani di conteiners, pescaggio circa 2,5 mt ).

 

Al passaggio, il ponte dovrà essere alzato per permettere il transito  dell’imbarcazione. Stando ai numeri previsti di tonnellaggio merci che si prevedono far passare da Ferrara, il ponte dovrebbe essere  quasi sempre alzato. Ma questi sono problemi che non ci riguardano per ora, intanto, pensiamo a come risolvere la questione del ponte di S.Giorgio!!! Si farà come per il ponte della ferrovia che nel 2000 per la piena del Po, è stato alzato di un “po’” per far passare l’acqua, a S.Giorgio dovremo o abbassare l’acqua o alzare il ponte di almeno 3-4 metri, oppure …… .

La provincia continua con la realizzazione delle promesse della campagna elettorale, ma la politica penso sia un’altra cosa.

Alcuni giorni fa il Consiglio Comunale ha approvato, perché in campagna elettorale era stato promesso dal candidato Sindaco Tagliani che avrebbe venduto le reti del Gas, e forte della sua maggioranza, ha perseguito questo risultato, e pur di farlo ha svenduto le reti, ha privato la città di un suo patrimonio, che i cittadini avevano pagato. In cambio un aumento della quota societaria in Hera di meno di mezzo punto (ora siamo al 2,7% , ovvero soci superminoritari).

Sono curioso di vedere come andrà a finire, non è sufficiente pensare alla crisi, dobbiamo anche preoccuparci di come i nostri amministratori stanno mantenendo le loro promesse….

Mari Giovanni  Progetto per Ferrara

Cambia la Prospettiva

  • La soluzione sta al Nord:

    Senza ruote attraverso le Alpi !

    Per la futura gestione della risorsa idrica nel bacino dell’Adige sarà utile di essere informato sul Progetto Tirol-Adria, composto dai progetti A-D:

    A:

    CENTRALI IDROELETTRICHE TIROL-ADRIA

    basati sulla deviazione dal bacino dell’Inn al bacino dell’Adige.

    Il punto cruciale del “Progetto Tirol-Adria” é lo sfruttamento delle risorse d’acqua dalle Alpi Ötztal e Stubai per il funzionamento dell’impianto idroelettrico più efficiente in Europa. La restituzione avviene nell’Adige presso Merano in Alto Adige, dove per il fondovalle basso si offrono condizioni naturali molto favorevoli all’utilizzo della forza idraulica. Negli impianti di accumulo ad alta quota viene trattenuta l’acqua di fusione nei mesi estivi e acqua alta per raggiungere i seguenti scopi:

    1. un’efficiente produzione di energia elettrica. Questa rafforza la rete di collegamento europea e crea la base per l’utilizzo delle energie rinnovabili per esempio dell’instabile eolico e solare;

    2. un’efficiente protezione contro l’acqua alta per le località urbane nelle valli alpine e sui fiumi Inn, Danubio ed Adige;

    3. un miglioramento dell’alimentazione idrica delle zone agricole lungo l’Adige e nella Padana;

    4. l’apertura del fiume Adige per la navigazione fluviale creando così i presupposti per una nuova arteria transalpina la „Donau-Tirol-Adria-Passage”, il progetto B, la idrovia dal Po al Danubio attraverso il canale transalpino dall’Adige all’Inn.

    Per il progetto idroviario mi riferisco agli articoli „Navi sul Po, la grande pianura sogna“ o ”Navigazione vie interne, il gioco vale la candela?” o “Tremonti lancia l’autostrada del mare” o “Cabotaggio in Italia” o „Parigi sposta le merci sui fiumi“ o „Il porto a Milano, un sogno „ripescato“ che confermano l’attualità del Progetto Tirol-Adria. Gli argomenti del Politecnico di Milano riportati nel libro “Logistica fluvio-marittima in Europa” per il collegamento fluviale Trieste – Bratisalva, valgono ancora di più per il collegamento della rete italiana direttamente alla rete di navigazione interna dell’Europa sull’asse diretta e centrale attraverso l’Inn, il Canale Transalpino (da costruire al posto del BBT), l’Adige, il Lago di Garda, il Mincio ed il Po, con le città capisaldi Passau sul Danubio e Venezia.

    Sarebbe proprio l’Italia che dovrebbe sviluppare una nuova logistica. L’Italia, circondata dal mare, con fiumi e canali esistenti o non terminati (Venezia-Padova), che portano il mare nel retroterra, ha i presupposti per trasformarsi e di spostare il traffico merci sulle idrovie e sulle autostrade del mare, già dotate di infrastrutture portuali.

    L’introduzione della linea ferroviaria Berlino-Palermo con la galleria del Brennero (BBT) nell’elenco dei TEN avvenne ancora prima della nascita dell’idea progettuale, della cosidetta Idrovia Danubio-Tirol-Adria, che è talmente innovativa e di grande importanza per lo sviluppo in Europa. Rivoluzionerà il trasporto dei beni! Da accentuare è anche la sua autofinanziabilità proprio in questo perido di crisi. Ho chiesto al Ministero delle Infrastrutture di esaminarlo urgentemente e di prenderlo in considerazione prima ancora di decidere definitivamente sulla costruzione della galleria di base del Brennero – BBT.

    Invito a visitare il sito http://www.tirol-adria.com anche per scaricare dalla prefazione l’appello ed altra documentazione illustrativa o dalla stampe gli articoli “Dall’Adriatico al Danubio: in nave sotto le Alpi” di Achille Rosa e “Il passaggio a NordEst” di Pierluigii Coppa

    Con il Vostro aiuto questa visione grandiosa potrebbe diventare realtà in pochi decenni come scrisse Achille Rosa.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese