Cambia la prospettiva Home Raccomandata

26 Giu, 2010

La sindrome di Gorbaciov

Inserito da: PpF In: Politica|Servizi pubblici

facebook technorati okno segnalo
Share

di Angelo Storari

Da wikipedia:

“Glasnost … significa letteralmente “pubblicità” nel senso di “dominio pubblico”; tradotta più spesso con “trasparenza”….. utilizzata da Mikhail Gorbačëv, a partire dal 1986, per identificare una nuova attitudine … a discuterne liberamente “in modo trasparente” e criticamente”. Risulta stupefacente il gianismo diffuso della nostra classe politica dominante. In passato attingeva a man bassa, se gli tornava utile,  a un diverso modello sociale antitetico al capitalismo.

Oggi, cancellate con un colpo di spugna le radici di una pur nobile tradizione politica, invece di attuare una vera “perestroika”,  questa si abbarbica ostinatamente ad una linea politica  Maginot da basso impero.  Forse in cuor loro temono che il virus della trasparenza provochi la caduta del castello di carta che hanno costruito?

Leggendo in queste ore delle vicende giudiziarie e delle intercettazioni su  Area, vorrei rammentare che  Progetto per Ferarra/ Movimento 5 Stelle  parlava già prima e durante la campagna elettorale del 2009,  di alcune questioni che ora come allora balzano agli occhi . In tempi non sospetti parlando di gestione dei rifiuti nel nostro territorio chiedevamo pubblicamente conto della gestione della discarica, usata in maniera distorta per accogliere rifiuti speciali, così come chiedevamo cosa andasse a fare Area negli Emirati, in Senegal o in Costa D’Avorio.

Al di là dei rilievi penali, ciò che risulta sconcertante dalle intercettazioni e dai dialoghi è l’atteggiamento mentale, l’operare in totale dispregio dei cittadini, delle loro vite, delle loro tasse, gestendo fondi pubblici e aziende o enti come una cosa totalmente loro di cui potevano disporre impunemente. 

Vediamo poi una reazione confusa e scomposta della presidente della Provincia, dei vertici del partito e di amministratori o ex amministratori. Sul vostro quotidiano non è il giornalista autore del pezzo a definire la provincia, intesa come territorio, vero o meno che sia, una “delle più corrotte d’Italia”, bensì uno degli indagati.  Certamente Zappaterra oltre che preoccuparsi della sua immagine, dovrebbe preoccuparsi delle sue responsabilità amministrative che ella stessa tra l’altro  cita. Della Provincia in quanto ente chiamato a redigere il piano provinciale dei rifiuti e avendo istituito l’OPR, della presidentessa della Provincia, in quanto tale carica comporta la presidenza di Ato. Inoltre i semplici cittadini come me vorrebbero che rispondesse in merito alle responsabilità politiche della vicenda.

Lamenta di venir intercettata e che si pubblichi una sua conversazione scherzosa con Volpi. Ma Volpi, intercettato ed indagato, da chi era stato messo ad amministrare Area? I Sindaci soci di Area, tutti uomini di partito, avevano o no il compito di vigilare sull’operato di Volpi ed altri personaggi? Ed infine Zappaterra ricopriva o no sino ad alcuni mesi or sono, la carica attualmente occupata da Calvano? 

Ci stupisce l’atteggiamento  dei vertici del PD su questa vicenda, l’immobilismo  silente di Calvano e dei vari ammistratori ed uomini  del partito, prima, e ora il tardivo appello alla  trasparenza. E’ tardi oggi per le grida manzoniane, dovevano  essere fatte in tempi non sospetti.

Certo, capiamo che la trasparenza, per un sistema basato sull’opacità, sia distruttiva. Su Area, se un sindaco dei Comuni soci, un dirigente, qualcuno , anche una sola persona, nelle stanze del potere, anziché considerare le aziende pubbliche (tendenza che ci sembra assai diffusa) una sorta di propaggine clientelare utile per dispensare favori e lavoro (senza concorso) da fabbrica del consenso, avesse preteso trasparenza, se una sola persona avesse alzato la mano facendo domande, come facciamo e avevamo fatto noi, sui  bilanci e atti di spesa, non saremmo qui. Come minimo politicamente tutti costoro dovrebbero rispondere di un’ottusa cecità. Se il principale partito d’opposizione (fino ad oggi, in termini numerici), il PDL,  avesse fatto della trasparenza il suo cavallo di battaglia, una guerra senza quartiere come sta facendo ora in tutta la regione il M5* e PPF nella nostra città, a Ferrara piuttosto che a Copparo o  Cento, non saremmo arrivati a tanto. La magistratura arriva sempre tardi, quando la politica si è persa e ha perso da tempo. La magistratura arriva metaforicamente tardi, segnando la sconfitta della politica.

I vertici politici delle neo amministrazioni , che in campagna elettorale avevano piu volte speso parole su un nuovo corso di trasparenza, proseguono con un atteggiamento ondivago. Predicano trasparenza ma razzolano quel che gli conviene. Quando sono in difficoltà,  anzichè replicare sul merito delle questioni passano  all’attacco personale,  dribblando abilmente le nostre domande nei pubblici  dibattitti e nelle sedi istituzionali, su gestione dei rifiuti, l’incenerimento e rapporti con Hera, Area, CMV,  sul futuro di Cona e del Sant’Anna, sull’acqua pubblica, su Hera e tariffe, sul bilancio dei comuni  e l’allocazione delle risorse e molte altre cose che fanno la differenza nella qualità della vita dei cittadini.

Crediamo sia giunto il momento di dare una svolta e ci auguriamo che molti cittadini se ne rendano  conto. 

Per combattere un simulacro di democrazia, vuota di contenuti, ci sono due strategie percorribili. Una, l’usuale, è tentare di battere il giocatore al suo gioco, sostituendo una classe di mandarini con un’altra. L’altra è quella di mettere in atto una politica dal basso, di cambiamento reale, in cui le decisioni vengono realmente rimesse nelle mani della gente senza deleghe in bianco, una strategia anti-imperialista.  Il Movimento 5 stelle ER ha rinunciato a 800.000 euro di rimborsi elettorali, soldi che devono tornare ai cittadini. I consiglieri regionali si sono autoridotti le retribuzione da circa 9000 euro mensili a 2500. Ci auguriamo che i militanti, gli attivisti o i semplici elettori di altre forze politiche pretendano  lo stesso comportamento dai loro rappresentanti. E in base alle risposte ottenute ne traggano le debite conseguenze. Glasnost.

A noi scegliere.

 Angelo Storari

  • Enrico

    Ecco il nuovo piano industriale di AREA: riaprire la discarica esaurita, avviare il porta a porta, bruciare i rifuti in nuovi impianti…a me pare che abbiano le idee poco chiare. Tanto più se si tiene conto che c’è un PPGR da rispettare: che non prevede nuovi impianti e la chiusura della discarica nel 2011.

  • Enrico II

    Alla fine, nel conflitto tra AREA ed HERA, a quanto pare a perderci è il cittadino: discarica che non viene chiusa, nuovo impianto a biogas (tanto oramai è pura anarchia provinciale, ognuno fa ciò che vuole) ed Hera, che a quanto pare, i rifiuti mancanti all’inceneritore li andrà a prendere fuori provincia. Ottimo: il salvataggio di AREA ha come effetto l’aumento dei rifiuti importati e l’ennesima realizzazione di un elemento emissivo. Attendiamo solo l’inceneritore di Cento e il quadro sarà completo.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese