Cambia la prospettiva Home Raccomandata

11 Mag, 2009

Lettera aperta ai Grilli Estensi

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

highres_3569310

Ieri sera (riferito a Sabato 09.05.09) avete  organizzato una serata a conclusione delle primarie.

Per mesi avevate volantinato e mantenuto un rapporto con i cittadini, producendo un manifesto etico ed un programma, poi sottoposti ai candidati a sindaco.

Alla fine è arrivata questa iniziativa, volutamente asettica e neutrale, anche nei confronti della nostra lista (l’unica certificata da Beppe Grillo), rivolta a tutti i candidati a sindaco.

Avete democraticamente scelto (credo)  di non favorire Progetto per Ferrara, che notoriamente e da prima che uscisse il vostro documento, ha recepito nel proprio programma quasi tutti i punti della vostra proposta, oltre naturalmente agli obiettivi della carta di Firenze (che mi pare non citata nell’organizzazione delle primarie e nell’evento finale) e ad altre scelte importanti riguardanti il nostro territorio www.progettoperferrara.org.

So bene che il meet up di Ferrara da tempo ha deciso di non impegnarsi direttamente con una lista civica, ma penso che tra questa scelta ed un improbabile ruolo di super partes, alla fine rivelatosi come spiegherò funzionale al palazzo, ci sia una bella differenza.

Ho sempre pensato che lo scopo delle primarie fosse aiutare i cittadini a scegliere.

Ieri sera avete ottenuto il risultato opposto.

I presenti non sono stati messi in condizione di fare una scelta consapevole.

E’ stato vanificato in parte il lavoro delle primarie, perché lo zibaldone creatosi ha  fatto di tutte le erbe un fascio, invece di valorizzare le formazioni politiche che si battono per il cambiamento.

Dietro a quel tavolo, al netto dei distinguo su alcuni punti della vostra proposta, siamo apparsi tutti uguali.

Abbiamo sentito Dragotto dire che ha fatto la battaglia per la Turbogas e Tagliani che non è un  politico di professione.

Nessuna possibilità di replica, nessun dibattito, nessuna domanda dal pubblico (e il tema della serata era “Democrazia Partecipata”) !

Oltretutto le regole del gioco non erano chiarite dall’inizio, né si sapeva quante volte si poteva intervenire.

Oggi ho pensato ai ragazzi (grillini encomiabili) che hanno passato mesi a volantinare per strada, per contribuire ad una battaglia di cambiamento.

Hanno speso tempo e risorse per combattere la casta e mettere il palazzo di fronte alle proprie responsabilità.

Che risultato hanno ottenuto?

Una sceneggiata filo istituzionale, una melassa indistinta di eguali, andata ad esclusivo vantaggio del palazzo, perchè quell’iniziativa, invece di assestare con un duro colpo alla casta, ha legittimato i candidati del Pd e del Pdl, responsabili in misura diversa del degrado politico, ambientale, sociale ed economico della nostra città, ed ha aiutato quei partiti ed i loro alleati a rifarsi una verginità con la vostra benedizione!

Accettando in tutto o in parte la vostra proposta, essi hanno potuto lavarsi pubblicamente la coscienza a buon mercato, grazie al fatto che i grilli estensi hanno voluto porsi al di sopra della battaglia politica, in una posizione neutrale poco credibile, fondata su di una pretesa funzione di raccordo tra popolazione e palazzo (e non di impegno politico contro la casta, dopo aver ascoltato i cittadini).

Ha prevalso la scelta di tipo “arbitrale” o peggio da maestrina che da i voti, piuttosto che l’impegno ad approfondire le contraddizioni per aprire le crepe nel palazzo.

Nessuna contestazione, ripeto, nessuna domanda ha potuto metterli in difficoltà!

E vengo ora alla gestione della serata.

Nei mesi scorsi avevo più volte segnalato a Teresa, Baldisserotto, Marcella, Silvia, il rischio di una iniziativa aperta a tutti e dai tempi così compressi.

Era pacifico che il poco spazio disponibile per la discussione tra candidati, avrebbe determinato l’impossibilità di approfondire, generando una melassa indistinta dei medesimi.

Penso che abbiate deciso democraticamente, e legittimamente, di procedere ugualmente con l’ipotesi da noi più volte criticata costruttivamente.

I fatti purtroppo si sono incaricati di convalidare quella nostra preoccupazione.

In effetti dopo due ore di conferenza (ribadisco che il solo intervento di Ginsborg, magari per trenta minuti, sarebbe stato sufficiente), con la certezza che il tempo rimasto a disposizione dei candidati sindaci sarebbe stato esiguo, ho scelto di dare per approvati i punti da voi proposti, per impiegare il mio tempo a rimarcare ciò che mancava e le differenze con il nostro programma.

Ho tentato di svincolarmi da un canovaccio stretto ed insidioso, dichiarando che Ppf è la lista certificata da grillo, che condividiamo tutti i punti, ma ne abbiamo altri (della carta di Firenze e più specifici della nostra realtà) da esporre. Mi sembrava palese che se dichiaro di essere d’accordo su tutti i punti, potessi usare il tempo a disposizione per segnalare ciò che nella proposta dei grilli non compare.

L’alternativa non osavo considerarla: sono d’accordo, quindi taccio e passo il microfono ad altri!

Ho ritenuto inoltre che dovesse essere pacifico il fatto che una nuova formazione come la nostra, avesse il diritto di fare anche una breve  illustrazione dei motivi per cui si è formata, da dove viene e dove vuole andare ( per questo ho parlato di battaglie ambientaliste, referendum, ecc……).

Ebbene sono stato interrotto una prima volta (appena ho accennato alle reti del gas, punto debole di Tagliani!) e poi un’altra un minuto dopo, da una moderatrice male (o ben?) addestrata.

Ho pensato immediatamente che da otto mesi siamo impegnati come PpF in un estenuante lavoro, con assemblee in tutti i quartieri della città, conferenze, banchetti.

Che abbiamo faticosamente elaborato un programma, ben scritto, che nessuno ci ha criticato, stampato e diffuso a tutte le famiglie ferraresi per primi, mesi fa!

Che abbiamo realizzato uno dei siti web più belli e ricchi della politica locale. Che siamo giunti a pubblicare un giornale (la Testata) per divulgare le nostre idee, a dispetto dell’oscuramento operato da una parte della stampa locale, condizionata dal Palazzo. Che facciamo banchetti per la distribuzione tutte le settimane da mesi. Che in tutto questo abbiamo messo oltre al tempo, all’impegno fisico e psicologico, anche i nostri soldi!

E dopo tutto questo lavoro mi trovavo in una situazione in cui dovevo fare i conti anche con i bastoni tra le ruote messi dai grilli estensi!

Certo non mi aspettavo la “promozione di PpF” da parte vostra, ma almeno che mi lasciaste parlare senza interruzioni per il tempo concessomi!

Quanto sopra mi ha messo veramente a disagio e mi ha molto contrariato! A maggior ragione dopo avervi avvertito della possibilità che ciò potesse accadere.

Rispetto il vostro lavoro ed il vostro impegno. Sono certo che mi capite e che non vi sfugge quanto sia dura ed impegnativa la battaglia che stiamo conducendo.

Questa mia non costituisce richiesta di alcunché.

Ho voluto semplicemente spiegare, dal mio punto di vista, le conseguenze delle scelte che avete, credo democraticamente, compiuto.

Valentino Tavolazzi

Progetto per Ferrara

  • kikko grillo cri cri

    eheheh caro Tavolazzi, il carettere ferrarese forse genticamente modificato da decenni di fumi della montedison è una roba che solo se ci penso mi vien la pelle d’oca. Il ferrarese medio è in delirio, non gli fai capire le cose nemmeno se gliele spieghi in turco. Esso tende a voler diventare protagonista e non pensa al vero bene degli altri ma solo al piccolo e momentaneo tornaconto, anche solo per avere uno sguardo in più.
    In ‘sta zzità pìna d’ignurant ognùna bàla con so nòna.
    A Ferrara tutti hanno PAURA ma una gran PAURA a impegnarsi in prima persona. Loro non hanno fatto una lista civica, allora perché favorire la miglior lista civica disponibile che è la vostra. I ferraresi saranno sempre la causa della loro morte, lo sono sempre stati. Favoriscono qualcuno solo se “gli sta simpatico” non se è oggettivamente valido. E per stare simpatico a un ferrarese te lo devi “ruffianare” gli devi leccare il didietro altrimenti nemmeno ti considera anzi, magari ti da anche contro. La stessa parola OGGETTIVITA’ non esiste a Ferrara.

  • roberto baldisserotto

    l’impianto delle primarie era proprio quello di chiedere ai ferraresi cosa volevano dai candidati ,
    sono emersi dei punti che come Ti è stato più volte spiegato i candidati che accolgono tutti o parte dei punti dovevano concentrarsi sul COME li avrebbero realizzati .,, , niente scontri niente contestazioni se vuoi organizzare delle contestazioni o delle serate congeniali
    ai tutoi desiderata te le organizzi da solo ,infatti tutti i altri candidati si son presentati disarmati senza supporter , credi che Tagliani o Dragotto non abbiano
    decine di sostenitori pronti allo scontro da portarsi dietro per intimorire gli avversari?
    Bene ha fatto la Bighinati a interromperti perchè
    non seguivi la scaletta che tutti gli altri candidati seguivano .
    Fra l’altro avrai notato che proprio in virtù dell’impostazione costruttiva , nessun candidato si è portato dietro i supporter tranne Te ,
    l’impuanto delle primarie è sempre stato costruttivo ,
    nonbasta dire che approvi un punto ,
    devi dimostrare di esser in grado di realizzare quel punto ,Hai perso un’occasione per dimostrare competenza e capacità .
    I candidati sindaco che riducono a approvare o contestare , fanno una cosa molto semplice per chiunque ,
    difficile è invece dire COME PROCEDONO PER REALIZZARE ANCHE SOLO UN PUNTO DEL MANIFESTO ETICO .

  • roberto baldisserotto

    fra l’altro il link di questa lettera contiene una espressione che suona come un insulto alle mie orecchie , respingo fermamente .

    fallimento ,

    http://www.progettoperferrara.org/il-fallimento-delle-primarie-lettera-aperta-ai-grilli-estensi-0511.html#more-2907

    fosse anche fallita serata , ma non lo è , si insulta
    il lavoro di due anni di primarie fatto a proprie spese
    da ragazzi e ragazze che hanno messo tempo e denaro .

  • Fazio

    Io ero presente alla serata, l’unica vera clac che ho visto presente in sala era la Casta ( funzionari di partito e sindacati, assessori,ecc.ecc.). La serata che doveva essere dedicata alla Democrazia Partecipata non ha dato la possibilità ai presenti di fare alcuna domanda ai candidati Sindacato, ho avuto l’impressione che era stato tutto pianificato per portare acqua alla Casta. Tutti i candidati hanno accettato i punti del manifesto etico ( altra cosa è la Carta di Firenze), nessuno ha spiegato come fare per realizzare i punti elaborati a doc a mio avviso , nessuno era un politico di mestiere ( una vera vergogna ) insomma una serata che non ha aiutato i ferraresi a capire.

  • Roberto Zambelli

    Baldisserotto,

    la parola fallimento è solo lontana parente di quello che penso io dell’altra sera:
    1) le primarie “dei cittadini” o meno di solito le fanno i partiti;
    2) 5 relatori, a parte il mio giudizio critico su alcuni di loro omologati dalla casta, sono davvero troppi anche per riempire tutta la serata, immaginiamo poi se dopo si debbono fare non uno ma teoricamente 11 tempi supplementari di 5 minuti;
    3) Il “fiato sul collo” è un’espressione che mi è sempre piaciuta ma per essere applicata richiede tutto tranne che i grillini estensi presentino un proprio programma elettorale perché questo, e non altro, è il vostro documento composto da aspirazioni etiche + altri 10 punti di programma criticabilissimi che sarebbero giustificabili solo se aveste presentato una vostra specifica lista;
    4) Il Cittadino, che avrebbe dovuto essere il vero protagonista, non ha avuto modo di esercitare il suo diritto di replica e il suo diritto di mettere pressione sui candidati e, perché no, anche su di voi;
    Non proseguo ma se questo per te corrisponde ad un successo e se, di conseguenza, non fai o non fate una bella analisi critica, cui non fai neppure cenno, non so cosa dirti se non cercare di farti ragionare sul fatto che forse hai perso ogni autorità di dare giudizi su chicchessia. Intendiamoci hai tutti i diritti di criticare chi ti pare, ma dopo l’altra sera ti manca e vi manca l’autorità e la credibilità per farlo in quanto il vostro “fiato sul collo” è purtroppo esalato nel nulla a dispetto dei tanti grilli estensi che ci credono e che, senza parzialità, credono nella possibilità di esercitare davvero una funzione di controllo sui politici. Ora non vi rimane che leccarvi le ferite e, se lo avrete fatto bene, probabilmente ritornerete, ed è quello che mi auguro, più forti di prima e degni dell’autorità che vi aveva contraddistinto fino alle vostre “Primarie dei Cittadini”.

    Cordialmente

    Roberto Zambelli

  • La Pecheronza

    Le attribuzioni secondo i punti di vista sono tante quanti sono quei punti, tutti opinabili.
    Si può parlare di fallimento o non fallimento con eguale libertà da vincoli. I fatti invece sono incontestabili, contano solo i risultati. E quali sono i risultati a conclusione della serata? Ne elenco alcuni:
    – Un distinto ed educatissimo signore di gran cervello maltrattato (e chi si è scusato con lui per aver concesso dei bla bla per mezz’ora a fronte del suo autolimitato quarto d’ora?).
    – Un pubblico chiamato ad ascoltare e nient’altro.
    – Una malinconica fila di primi cittadini in pectore costretti a fare i pesci lessi a comando come nel più stupido programma televisivo. Non è stato offesa solo la diversità di Tavolazzi, è stata calpestata la dignità di tutti i candidati sindaci, anche quelli eventualmente non consapevoli di averla, perchè, se non l’avete ancora capito, erano i cittadini seduti in sala i destinari dei vostri presunti intendimenti e regolamenti. E ha ben poca importanza che abbiate raccolto nei mesi precedenti dei commenti dalla cittadinanza, perche statisticamente hanno valore irrisorio.

    Si poteva parlare ore e ore, con profondità, su alcuni di quei punti. Con quale criterio (morale, logico intellettuale) avete deciso che bisognava rispondere solo nel modo da voi stabilito? Ne avevate uno solo: quello del padrone di casa. E a quello tutti si inchinano. Anch’io. Ma siccome fuori da casa vostra quel criterio non vale una cicca, d’ora in avanti mi guarderò bene dall’avvicinarmi ad un grillo estense neppure per scommessa.
    Quella serata conclusiva è fallimentare a tutti gli effetti, non tanto perché ha perduto un estimatore (potreste averne guadagnati, visto che il Grande Fratello impazza), quanto perché insulta davvero il lavoro di due anni, vanificati da tanta presunzione.

  • Io non c’ero, ma direi che se chi era li (gran parte persone legate già ai partiti) doveva uscire con le idee chiare l’obbiettivo non è stato centrato. E direi che alla fine è stata una conferenza con una sorta di Porta a porta stile vespa. Non penso che ci sarà un’altra occasione come questa tra cinque anni, non essendo stata giocata bene. e non penso sia nello spirito del grillismo, ovvero la contestazione radicale del sistema della politica, la democrazia dal basso, la formazione di liste di cittadini che si riprendono in mano la loro città. tagliani è riuscito a spacciarsi per un non prefessionista della politica! comunque, se è stato un successo, spiegatemi in che termini vedete la questione. dove sono finite le tematice del grillismo? Open source, connettività, decrescita, zero waste, fonti rinnovabili, e tutto quel che dice la carta di firenze? L’abbattimento della casta? Bisognava dare spazio ai cittadini, non ai relatori. Se è stato un successo in chiave autoreferenziale, trattasi di vittoria di Pirro.

  • PpF

    La parola “fallimento” nel link è stato errore mio, non voluto. Un copia incolla sbagliato. Scusate. L’ho tolto.

    Valerio Tavolazzi

  • borrelli

    Sto leggendo gli interventi che si susseguono e rimango sempre più amareggiato.
    Ho letto anche quello di Paolo Giardini “Candidati da rasoio di Occam” e mi è piaciuto molto.
    Chiedo a coloro che sono “più dentro” a queste questioni (Valentino, Storari…) di esplicitare in questa sede il loro parere sul perchè si sia sviluppata questa pantomima.
    Forse potrebbe portare più chiarezza.
    Ma forse potrebbe solo far inc… pardòn, arrabbiare di più i grillini estensi (amici di ieri…).

  • roberto baldisserotto

    Ai politici è stata data la possibilità di dimostrare sul piano operativo come intendono procedere per realizzare i punti ,

    il fatto che nessun politico, e ripeto nessuno, abbia saputo adempiere in quella sede a una esigenza
    così semplice da capire per l’elettore conferma
    che i politici hanno certificato e dimostrato di non
    esser all’altezza del compito per i quali vorrebbero
    la poltrona di sindaco .
    Troppo comodo criticare gli organizzatori ,
    anche Ginsborg rientrando in albergo commentava
    il primo giro di parola dei candidati negativamente ,
    se qualche candidato voleva distinguersi per concretezza e
    competenza ha perso un’occasione .

    .Ripeto per l’ennesima volta , e l’ho spiegato io direttamente a Valentino in modo molto chiaro e senza possibilità di fraintendimenti :

    i candidati dovevano spiegare come intendono realizzare i punti sottoscritti ,

    se poi questi paletti non stanno bene , nessuno è obbligato a partecipare .
    Quanto alle contestazioni e alle domande dal pubblico ,
    mi spiace che non vi sia stato il tempo per farle ,
    ad ogni modo tutti i candidati si possono incontrare quasi tutte le sere per cui potete interrogarli comunque , io lho fatto con Tagliani e la Zappaterra ,
    reti gas cispadana turbogas e inceneritore sono alcuni argomenti per i quali ci tengo portare allo scoperto i candidati , e interrogarli davanti ai loro
    supporter non mi intimidisce nemmeno un po ,
    anche perchè i politici sono tutti nostri dipendenti
    li manteniamo noi e dobbiamo esser esigenti , rispettosi certamente , ma esigenti .

  • PpF

    Grazie Roberto, immagino che ora si sarà la fila davanti ai punti di ascolto per chiedere ai candidati quello che si sarebbe potuto chiedere quella sera, tutti insieme, lì davanti. Una occasione così, in democrazia partecipata, non ritornerà tanto presto.
    Sai bene che la prestazione di 5 minuti su un palco non pregiudica niente. Avrei voluto vedere tante altre persone che sanno parlare molto bene.

    Valerio Tavolazzi

  • roberto baldisserotto

    Ricordo a Roberto Zambelli

    che potrebbe leggersi le primarie nel sito dei grilli ,

    postate da due anni , e presentate due anni fa in occasione dello spettacolo di Beppe , non è il nostro programma elettorale ,
    si sta violentando il lavoro fatto in piazza dai grilli estensi e questo non è accettabile .

    Alla persona che si firma pecheronza rispondo subito
    che partecipare a una serata di cui è noto il programma
    significa accettare le regole , non ti vanno bene ?
    Nessuno problema , non partecipi e punto ,,
    ma partecipare per poi sputare sulla serata e attaccare
    a tutto spiano è un comportamento che si commenta da solo .

  • Fazio

    Quel Baldisarotto lì ,oltre ad essere un fazioso è anche un presuntuoso, non so cosa abbia letto. Nessuno sta violendando e offendendo nessuno, anzi tutti gli interventi hanno elogiato il lavoro fatto dai Grilli estensi, le uniche offese sono uscite dalla sua bocca ( incapaci, incompetenti,ecc.). Qui si sta criticando l’ organizzazione di una serata che non ha portato il risultato che ci si apettava dalle primarie, è inutile aggrapparsi agli specchi per negare l’evidenza:
    1) I punti presentati sono stati elaborati in modo che tutti li potessero accettare ( fatti da un sarto su misura).
    2) Se i Grilli hanno impiegato due anni per elaborare i punti, come potevano i candidati in cinque minuti spiegare come li avrebbero realizzati.
    3) E’ stata una serara per dare visibilità più a qualcuno che spiegare ai cittadini le differenze tra i vari candidati.
    4) Meno interventi di apertura più spazio ai candidati sindaco, La serata non doveva dare visibilità ai Grilli ma doveva evindenziare la democrazia partecipata ( visibilità ai cittadini)
    5) Io come cittadino non ho capito cosa è uscito dalle primarie, me lo spiegherete.
    Per concludere credo che se una serata non ha funzionato, non bisogna farne un dramma, si può sempre recuperare.
    Carlo

    P.S. Non ho capito perchè in sala oltre la metà erano assessori provinciali e comunali, segretari e funzionari di partito, ma i Grilli non sono contro la Casta? Baldisarotto oltre a fare autocritica potrebbe chiarire questa imbarazzante situazione per me e non solo.

  • ma scusate, allora perchè nelle primarie non c’era un accenno alle reti gas e allo spegnimento dell’inceneritore?

  • valentino tavolazzi

    Intervengo solo per informare chi partecipa a questa discussione che il professor Ginsborg, in una conversazione di lunedì scorso, mi ha informato di aver suggerito agli organizzatori della serata di dare più spazio ai candidati a sindaco.

    Inoltre è rimasto sorpreso che gli interventi dei medesimi, già compressi dal programma, siano stati suddivisi in due tempi.

    Valentino Tavolazzi

  • Roberto Zambelli

    Baldisserotto,

    chiedo scusa perchè involontariamente ho criticato le “Primarie dei Cittadini” di Grillo di due anni fa. Credo però che non ci sarebbe voluto molto a capire che mi riferivo alle vostre “primarie” e in particolare a uno dei vostri documenti (in quanto ho scoperto solo ora che l’altra sera avete distribuito un compendio in cui, alla faccia della chiarezza, i punti non sono i 10 iniziali ma 14 avendo numerato anche i paragrafi del manifesto etico). Il vostro documento completo è disponibile al link: http://files.meetup.com/210108/Primarie-dei-Ferraresi.pdf ed è a quello cui faccio riferimento quando parlo di programma elettorale di una mancata lista (o partito) e tale per me rimane.

    Cordialmente
    Roberto Zambelli

  • Ezechiele

    Mi avevano detto di una rissa interessante in questo blog, con uno contro tutti, ma non credevo che fosse vero.
    Bene, “Baldis s’è rotto” mi stai simpatico! Vuol dire che hai ragione tu e gli altri torto marcio. Parola di Ezechiele!

    Mi sa che sei un pretoriano di Tiziano. Forte, il Tiziano! Sa scegliere bene i suoi fidi fra la gente tosta. Dacci dentro, Baldi’s Broken, che questi fanno solo chiasso!

    Ma, non ho capito bene, gliel’hai fatta firmare al Tavolazzi l’antifona prima di farlo entrare?

  • roberto baldisserotto

    x fazio : Intanto mi chiamo baldisserotto

    la sala era pubblica , non abbiamo mandato inviti a nessun amministratore , per cui se son venuti la cosa
    non è una colpa , spesso li si colpevolizza perchè mancano agli avvenimenti .
    Poi mi sembra giusto che la pensi come meglio ritieni .

    Rispondo subito a Storari , dicendo che aderire a ZERO WASTE va oltre lo spegnimento dell’inceneritore ,
    perchè oltre a spegnerlo risolve il problema
    delle discariche che nel programma zero waste non sono ammesse dal momento che i rifiuti vengono recuperati ., c’è di più , nel punto relativo ai rifiuti c’è un forte richiamo a rivedere la tia e il metodo di formazione delle tariffe dal momento che ato ha avvallato aumenti ingiustificati .
    QUANTO ALLE RETI GAS
    è vero mancano nei punti delle primarie ,
    purtroppo è sfuggito questo particolare importantissimo perchè vendere le reti gas significa
    aprire la porta a un monopolio di fatto per hera ,
    e saranno i cittadini a dover pagare l’aquisto delle reti di cui sono proprietari .
    Una dimenticanza non scusabile anche se sono intervenuto pubblicamente sulla stampa locale per
    attaccare quelle forze politiche che vorrebbero alienare
    le reti gas del comune .

  • Leonardo

    Salve, ho saputo della vs lista dal blog di Beppe Grillo, finalmente ora a Ferrara c’è un’alternativa civica alla Casta.
    Volevo anche informarvi, che sul meetup dei grillini estensi c’è un grillino che si fa chiamare Raffa che sta facendo propaganda politica a suo favore chiedendo ai grillini il voto disgiunto, in pratica, consiglia di votare il nome del candidato sindaco PpF ( e non il simbolo), e dare invece la preferenza al suo nome, ma votando così il voto ai fini della spartizione dei seggi va alla lista IdV e penalizza la vs. lista che è certificata da Beppe Grillo, e invece rafforza la coalizione PD-IdV-Verdi-Liste civetta che CASTA è .
    Comunque il mio voto è assicurato, speriamo che sia la volta buona, forza PpF.

  • PpF

    Grazie Leonardo. Si sappiamo di Raffa (alias Raffaele Colavecchi, candidato per IdV al consiglio). A breve pubblicheremo le istruzioni per un voto consapevole, affinché i cittadini sappiano quali conseguenze comporterebbe un voto piuttosto che un altro. Seguici. Ne vedrai delle belle.

  • Fazio

    Caro Baldisarotto, il fatto che tutti questi politici siano accorsi c’è qualcosa che non mi torna.
    Anche il grande Beppe tiene i suoi interventi in sale pubbliche ma i politici stanno alla larga perchè i vaff…..c sono tutti per loro.
    Aprite gli occhi ferraresi.
    Saluti

  • roberto baldisserotto

    molto poco caro, fazio somigli a emiglio fede , quando uno gli sta sulle palle gli storpia il nome , ad ogni modo
    girala come ti pare .

  • Fazio

    Ti chiedo scusa Roberto avevo fatto un copia-incolla. Però uno tosto come te, che al minimo dubbio non esita a contattare la Casta ( Tagliani,Zappaterra,ecc.) che ha triplicato l’inceneritore, costruito la turbogas a 2 km dal centro e il nuovo ospedale a 10 km nella valle della morte ( così fanno prima ad incenerirci), che ha svenduto i beni comunali ( Agea,Acosea,teleriscaldamento,Acft,ecc.ecc) e che continueranno la loro opera vendendo farmacie, reti gas, non può sempre cavarsela con dei ” girala come ti pare”, “pensala come vuoi ” poi invece predendi dagli altri risposte:
    Ti ripropongo alcune domande che meritano delle risposte:
    1) Perchè uno iscritto al meetup dei grilli estensi ha una tessera di partito in tasca (IdV) e si candida alle elezioni comunali sostenendo un Tagliani che è responsabile di aver fatto quanto descritto sopra, ( non tirarmi fuori

  • Fazio

    Segue:
    la storia descritta dall’interessato nel meetup, del grillo talpa infiltrato nel consiglio comunale, non regge ed è vergognosa.
    2) Perchè uno iscritto ad un partito usa il vs. meetup per fare propaganda politica personale, invitando gli iscritti a far uso del voto disgiunto quando tu sai che è una presa per i fondelli ( i grillini sicuramente non si faranno fregare perchè ragionano con la loro testa), come tu ben sai conta il voto alla lista che si acquisisce votando il candidato al consiglio comunale ( distribuzione dei seggi) e non al candidato sindaco.
    3) Perchè all’interno del meetup uno tesserato ad un partito sponsorizza la Casta tanto combattuta da Beppe Grillo
    4) Perchè la Casta da Grillo si prende dei Vaff….. e da te invece non sono “colpevolizzabili” , ma la vuoi combattere questa casta o vuoi scendere a compromessi?
    Resto in attesa fiducioso.

  • roberto baldisserotto

    perchè dentro il meet up abbiamo anche i membri della lista civica di Valentino ,

    perchè abbiamo iscritti di tutti i colori politici da sempre ,

    perchè il nostro non è un partito o una lista che obbliga
    gli iscritti a pensare come vuole il vertice

    come ho criticato duramente la cacciata di Valentino
    dai circoli arci , non mi metto a fare la stessa cosa
    che facevano i circoli a Valentino, ci mancherebbe altro ,
    intanto sarebbe vergognoso veramente vergognoso ,

    abbiamo avuto un episodio del genere , di un iscritto
    che forte della sua posizione di assistente aveva minacciato di cacciare tutti i membri del meet up
    se non facevano come lui voleva …
    questo membro è stato severamente ripreso anche perchè per cacciare delle persone dal nostro gruppo
    ci vuole una riunione di gruppo nella quale i membri
    ne parlano e poi decidono cosa fare .

    quanto al 4 punto , ho sempre riportato le responsabilità dei partiti e degli amministratori ,
    tente ma tante di quelle volte che quando mi vedono
    arrivare cambiano espressione in volto ,
    per cui respingo fermamente queste speudo accuse
    di faziosità da un Fazio che farebbe bene a rimboccarsi le maniche e stare a dietro a altre cose che a rompermi i coglioni continuamente ,
    ma se è questa la tua missione accomodati , hai trovato
    proprio quello giusto .

  • Fazio

    Caro Roberto, vedo che continui a non rispondere e svincoli su altre questioni che non ti sono state poste, capisco che sei in difficoltà ma devi stare calmo, senza innervosirti, nessuno per ora ti accusa di niente, ma se rispondi ci aiuterai a capire certi comportamenti all’interno del meetup dei grillini estensi:
    1) Nessuno ti ha chiesto di cacciare degli aderenti, però devi spiegare perchè all’interno del meetup qualcuno sponsorizza la Casta.
    2) I civici all’interno del meetup sono civici espressione della base ( democrazia partecipata), non puoi paragonarli con chi ha una tessera di Partito in tasca, che essendo Casta non possono condividere i principi profusi da Beppe Grillo.
    3) I civici da quanto leggo non stanno facendo propaganda politica, anche se protrebbero farlo perchè legittimati in quanto lista civica certificata Beppe Grillo, ti ricordo che Beppe Grillo sta sponsorizzando sul suo sito tutte le liste civiche a cinque stelle.
    4) Al vs interno c’è qualcuno che utilizza il vs. meetup ( non legittimato perchè Casta) per fare propaganda e dare indicazioni di voto ( molto grave), nessuno degli aderenti interviene, pertanto mi chiedo se è una posizione condivisa.
    5) Il fatto che ci siano tanti iscritti di qualsiasi colore politico mi preoccupa, ti ricordo che il tuo meetup è collegato al Blog di Beppe Grillo portabandiera della lotta alla Casta e se è vero quello che affermi c’è qualcosa di poco limpido.
    Come vedi i dubbi sono tanti e solo delle risposte chiare protrebbero portare un chiarimento ai tanti lettori di questo blog ( che sono tanti).
    Saluti
    P.S. Rinnovo l’invito a rispondere anche a tutti i quesiti sopra esposti, grazie

  • roberto baldisserotto

    no comment

    ps

    no comment

  • roberto baldisserotto

    ribadisco il no comment .

  • roberto baldisserotto

    ”5) Il fatto che ci siano tanti iscritti di qualsiasi colore politico mi preoccupa, ti ricordo che il tuo meetup è collegato al Blog di Beppe Grillo portabandiera della lotta alla Casta e se è vero quello che affermi c’è qualcosa di poco limpido.
    Come vedi i dubbi sono tanti e solo delle risposte chiare protrebbero portare un chiarimento ai tanti lettori di questo blog ( che sono tanti).
    Saluti
    P.S. Rinnovo l’invito a rispondere anche a tutti i quesiti sopra esposti, grazie”

    ti preoccupa un gruppo sia composta da persone che la pensano diversamente ?
    Ma preoccupati dei fatti tuoi , se non ti garba il nostro gruppo girati dall’altra parte , cercati un posto dove tutti la pensano come te ,

    se ti sembriamo indegni di esser amici di Beppe Grillo madagli una mail , io gli è l’ho già mandata .

  • roberto baldisserotto

    Fazio voglio sapere il tuo nome e cognome

    visto che tu fai giustamente tante osservazioni e domande adesso voglio sapere chi sei

    voglio sapere anche il nome e cognome di chi si firma
    pecheronza .

  • Fazio

    Caro Roberto i tuoi non comment rafforzano i miei ( e non solo) dubbi, maggiormente confermati quando affermi ” io la mail l’ho già mandata”
    Stai confermando che all’interno del meetup dei Grillini estensi ci sono aderenti con tessera di partito in tasca e quindi referenti ed esponenti della Casta, che tra l’altro, hanno funzioni di responsabilità e/o coordinamento del meetup stesso.
    A questo punto trovano conferma anche le tante critiche sollevate alla serata organizzata Democrazia Partecipata che ti ricordo:
    1) Troppa Casta in sala ( suppoter dei candidati sindaco catastali )
    2) Punti del programma elaborati ad hoc per essere accettati dai candidati della Casta
    3) Vanificato strumentalmente il lavoro delle primarie fatto in buona fede dai grilli con tanto sacrificio.
    4) Ostruzionismo verso l’unica lista civica che fa propri i principi della Carta di Firenze e certificata da Beppe Grillo
    5) Non si è volutamente fatto risaltare le differenze tra i candidati Sindaco.
    Ora i cittadini hanno gli elementi per valutare con la loro testa.

  • Fazio

    Mi chiamo Carlo Fazio, sono un cittadino e un lavoratore che tutte le mattine (per guadagnare la pagnotta) prende alle 5.30 il treno per andare a lavorare fuori Ferrara, quindi sono molto inc…….. con la Casta, inoltre voglio capire perchè i Grillini ferraresi non appoggiano pubblicamente l’unica lista a 5 stelle certificata Beppe Grillo, ma ora dalle tue non risposte credo di aver capito tutto.
    Saluti

  • roberto baldisserotto

    … i tuoi dubbi sono solo tuoi , e suonano come insulti alle mie orecchie ,

    sospetto che dietro questa operazione di attacco ai grilli a al loro lavoro ci sia la regia di Valentino

    che invece di spiegare agli elettori COME intende realizzare il programma apre dei forum polemici
    che hanno solo il compito di fare da cortina fumogena
    al vero tema ,

    come offrire ai ferraresi una governance seria affidabile e competente .

    Non posso appoggiare una lista civica solo perchè
    avanza buone intenzioni .
    Se Valentino fosse stato concreto sui punti dei ferraresi , allora si poteva valutare l’appoggio alla sua lista ,
    anche gli altri candidati non hanno fatto di meglio
    per cui perchè devo appoggiare una cosa che non ha soddisfatto ?
    Sei incazzato con la casta ? Bravo! Vuoi far eleggere una nuova casta al posto di quella vecchia ? Certo che no , e allora se non vuoi esser di nuovo fregato cosa devi chiedere ai nuovi pretendenti al potere ?

    Lo sai che quella che chiami casta è arrivata al potere con stupendi programmi di benessere per tutti ,
    lavoro prosperità , poi traditi regolarmente ,
    chi mi garantisce e dimostra che ppf sia veramente in grado di traghettare Ferrara fuori dalle sabbie mobili dei debiti e della disoccupazione ?
    Beppe Grillo? Ma se Grillo ha chieso a noi di Valentino per farsi un’idea .
    La carta di Firenze ?
    ma nella carta di firenze non c’è scritto come faremo a
    mantenere investimenti e controllare i debiti del comune ,
    ci sono i principi sui quali dovrebbero riferirsi tutti i politici ,
    ma coi principi non impasti le frittelle ci vogliono soluzioni operative , i candidati devono dimostrare
    di avere delle soluzioni operative per realizzare quei principi contenuti nella carta di Firenze , o quei punti contenuti nelle primarie dei ferraresi !

    E adesso siamo in due a lavorare per tirare su il PIL
    tu ti alzi alle 5 del mattino io pure , domattina vado a
    falciare della medica affienata per cui stacco e ci risentiamo domani sera .

  • Caro Carlo,
    il problema come vedi è a monte.
    Senza voti non si fa nulla e nessuno ha lavorato per noi anzi, quindi il cambiamento sarà molto difficile.
    Certo di quel che riuscirò a fare non dovrò ringraziare nessuno, neanche quelli che reputavo amici.
    Smetti di fare l’infiltrato di Valentino (nei grilli no, li non ci sono infiltrati) e lascia perdere.
    con affetto

  • Fazio

    Caro Roberto, purtroppo quoto che oltre ad essere fazioso sei anche in malafede e con la coda di paglia. Io non ho bisogno di alcun regista per dire quello che penso e scrivo, sono uno della base (democrazia partecipata, ricordalo sempre), e constato che più intervieni più confermi che nel meetup dei grillini estensi oltre a registi infiltrati con la tessera di partito in tasca, ( CASTA) ci sono anche aiuto-registi senza tessera, ma pro casta. E mi spiego meglio;
    1) Nessuno attacca i Grilli e il loro lavoro, anzi sono encomiabili, si critica gli infiltrati della Casta nel meetup con tessera di partito in tasca, che a mio avviso hanno strumentalizzato e adattato pro Casta il grande lavoro fatto dai grillini, basta con le insinuazioni strumentali.
    2) Io non conosco personalmente Tavolazzi, mi sono avvicinato a PpF perchè sponsorizzato nel sito di Grillo, ho letto attentamente il programma e lo trovo ottimo in molti punti ( ambiente e salute, occupazione e sviluppo sostenibile, servizi sociali, mobilità,sanità,ecc.) anche se migliorabile.
    3) Non contento. ho preso informazioni sulla persona prima su google, poi su questo sito, trovando in modo trasparente di tutto e di più ( molto,molto,meno in altri candidati della Casta).
    4) Credo che tu non abbia letto bene il programma, poni più pregiudizi sulla persona che questioni di merito
    5) Sei spesso in contradizione, affermi che Grillo ha chiesto informazioni a voi ( presumo positive visto che la lista ha ottenuto la Certificazione di lista a 5 stelle), ma poi hai dei dubbi sulla affidabilità e la competenza nella governance della cosa pubblica, delle due l’una, fatti aiutare da Mago Merlino e dalla sua sfera di cristallo.
    6) Affermi che non puoi appoggiare PpF solo per le buone intenzioni, evidentemente ti va bene come stanno le cose, tieniti la tua Casta, ma non contrastare una lista civica uitlizzando un meetup dove la maggioranza degli aderenti è anticasta.
    7) Ti lamenti perchè la Casta censura i commenti nei suoi blog, ( Tagliani, Dragotto ) ma non ti va bene neppure questo blog perchè lo ritieni polemico , caro Baldi’s Broken la vera democrazia partecipata vuole che ognuno dica quello che pensa senza condizionamenti senza registi, no ipotizzare sntrumentalmente responsabilità di qualcuno che non ci sono .
    Moralità e coerenza questo è il dilemma……
    Resto comunque in attesa di risposte sulle questioni di merito da me poste, perchè ricordati che chi tace acconsente e chi ci legge se ne farà una ragione.
    Saluti

  • paola baraldi

    Caro Fazio,
    rassegnati. La mentalità di una parte dei ferraresi non la cambi: si lamentano in continuazione, ma non trovano il coraggio di cambiare nulla. La filosofia di vita è: “meglio un uovo (sicuro aggiungo io) oggi, che una gallina “incerta” (aggiungo sempre io) domani. In questo modo chi ha degli interessi personali da difendere, vedi sottocaste della casta, sono garantiti e continuano a coltivare il loro orticello.
    A parer tuo per chi voterà Baldisserotto, che afferma “non mi va bene la CASTA” (uovo sicuro di oggi), “ma nemmeno un Tavolazzi” (gallina incerta di domani), perché potrebbe essere lui la NUOVA CASTA? Domanda volutamente retorica.
    Il peccato fondamentale, su cui il medesimo non può transigere, è che il Tavolazzi (bada bene solo lui, perché è lui il nuovo del panorama politico in queste elezioni, quello che si permette di contrastare la CASTA), non è riuscito in quei 7 (sic!) minuti, a rispondere a come “offrire ai ferraresi una governance seria affidabile e competente”. Meno male che Barbieri e altri 2 o 3 candidati non hanno aderito, altrimenti i 7 minuti che avevano a disposizione per rispondere ai 10 quesiti iniziali + 4 aggiunti dopo, si sarebbero ridotti a 3 o 4: roba da triplo salto mortale con tripla giravolta.
    Quindi, caro Fazio, lascia perdere, tanto è tutto tempo sprecato e non ne cavi un ragno dal buco. Devi solo prendere realisticamente atto che l’IDV è stato infiltrato dal PD e che gli organizzatori del meet-up sono stati cooptati dall’IDV. Fattene una ragione e mettiti il cuore in pace.
    L’unica cosa utile che puoi fare per questa lista, è convincere altri cittadini ad aderire al nostro progetto votandoci.
    Saluti.
    Paola Baraldi

  • roberto baldisserotto

    guarda che quelli che tu dici di esser infiltrati della casta
    sono ragazzi colpevoli di aver fatto una scelta politica ,

    l’espressione infiltrato devi provarla per usarla ,
    allora abbiamo anche infiltrati di ppf ,
    e se andiamo a guardare da vicino scopriremo di avere
    nel nostro gruppo ‘infiltrati’ del pdl !
    cosa penserà Grillo !

    Ho detto a Beppe che
    Tavolazzi è un ingeniere che si è battuto contro
    la turbogas , gli inceneritori e gli sprechi dell’amministrazione ,

    e chiedo a Tavolazzi di precisare le modalità di come
    raggiungerà gli obbiettivi del programma ,

    nessuna contraddizzione anzi , coerenza e responsabilità per cui vacci piano prima di spararle
    così grosse .

    Un blog polemico è solo un blog polemico , e non mi aiuta a capire se Valentino ha competenze operative
    di governo della città o se devo rimanere fermo alle competenze di governo che gli aveva attribuito la casta
    nominandolo city manager .

    Io in malafede ?
    Certissimo , sarò anche in malafede ma nei tuo polemizzare usi dei riferimenti e delle informazioni del nostro gruppo
    molto precise , non credo che sia farina del tuo sacco .

    Il programma di Valentino , letto riletto e studiato ,
    bellissimo , vuoi che ti dica una cosa ?
    Adesso che il candidato ha fatto il programma bellissimo ,
    come fa a realizzarlo?

    Guarda che un programma politico bellissimo riesco a
    fartelo anche io , che sono un contadino semi-analfabeta , la differenza la fa la capacità di realizzarlo ,

    il programma di Valentino è certamente il migliore
    su questo non si discute , si tratta solo di
    vedere COME FA A REALIZZARLO

    se io vado a un colloquio di lavoro per guidare il muletto , e gli dico a tipo che sono bravissimo e
    lui mi chiede , bene , allora se sei bravissimo a guidare
    il muletto quale procedura segui per impilare i bins di frutta ? e come ti muovi col muletto avendo un carico di bins sulle forche? Se sono bravo , gli rispondo ,
    se sono una schiappa non saprei cosa dire .

    Non rispondo sui membri del nostro gruppo ,
    posso essere fazioso, in malafede , corrotto , marcio ,
    vigliacco quanto ti pare ma non risponderò mai
    alle domande sui membri del gruppo ,
    se vuoi fare delle domande al gruppo non farle a me
    le fai a Silvia Mantovani che è l’organizer responsabile .

    Mentre tu fai le domande a un gruppo , questo gruppo
    ha messo il dito nella piaga facendo una domanda
    elementare , di buon senso,

    CARI CANDIDATI COME FARETE A REALIZZARE LE PROMESSE CONTENUTE NEI VOSTRI STUPENDI PROGRAMMI?

  • roberto baldisserotto

    a Paola dico semplicemente che i candidati invece di lamentarsi dei pochi min a dispo avuti in una occasione ,
    potrebbero sfruttare il tempo che manca alle elezioni
    per dirci come faranno a governare ,
    troppo facile dare la colpa a una serata e lamentarsi
    del tempo.

  • Fazio

    “se io vado a un colloquio di lavoro per guidare il muletto , e gli dico a tipo che sono bravissimo e…”
    Ti faccio fare un preriodo in prova, poi se non vai ti mando a casa finito il periodo.
    Paola. da questo momento seguirò il tuo consiglio, sicuramente da questo lungo dibattito molti ferraresi sfiduciati avranno capito.
    Attendiamo fiduciosi il 6/7 Giugno per CAMBIARE LA PROSPETTIVA.
    Saluti

  • Fazio

    Roberto dice;”ma nei tuo polemizzare usi dei riferimenti e delle informazioni del nostro gruppo
    molto precise , non credo che sia farina del tuo sacco”. Invito tutti ad andate sul blog di Grillo http://www.beppegrillo.it
    cliccate su meetup quindi selezionate
    Ferrara e vedrete dove sono le informazioni segrete che mi sono state suggerite da qualcuno.
    Se questo non è pregiudizio, malafede e menzogna a protezione della CASTA giudicate voi.
    Roberto dice ;”se io vado a un colloquio di lavoro per guidare il muletto , e gli dico al tipo che sono bravissimo e………”
    Tutti i contratti prevedono un periodo di prova, se non vai dopo il periodo vai a casa, vale anche per i contratti fatti con i cittadini DEMOCRAZIA PARTECIPATA di cui qualcuno si riempie la bocca.
    Paola, da questo momento seguo il tuo consiglio, e attendo fiducioso il 6-7 Giugno per un vero cambiamento e per CAMBIARE LA PROSPETTIVA.

  • Roberto Zambelli

    Baldisserotto,

    vorresti essere così cortese da elencarci punto per punto come hanno risposto gli altri candidati alla tua domanda: “come realizzerai questo punto del tuo programma?” ammesso e non concesso che ci siano punti che vi sono graditi e, dico io, che abbiano almeno i fondamentali per essere accettati?

    E, intanto che ci sei, ci dici anche come hanno risposto l’altra sera i candidati presenti su come realizzeranno i punti del vostro documento?

    Siccome immagino che il risultato possa essere un file abbastanza lungo puoi inviarlo come allegato ad una mail e stai sicuro che da qualche parte lo pubblicheremo con la possibilità di postare commenti.

    Sappi che credo di interpretare in toto tutti i componenti di PpF dicendoti che faremo di tutto affinché esista sempre la possibilità per gruppi nuovi e vecchi di esercitare “IL FIATO SUL COLLO” sui politici e sull’amministrazione. La regola fondamentale per esercitare questa funzione è quella della assoluta indipendenza sia morale che formale dal palazzo, della assoluta mancanza di cointeressenza anche in questioni che possono sembrare marginali e dall’avere ben chiaro che non vi può essere commistione alcuna tra tra il controllore e il controllato. Onde evitare una domanda inopportuna è ovvio che non ci arrogheremo mai il diritto di decidere se tale regola sarà rispettata.

    Per quanto mi riguarda, i tuoi commenti su questo blog, in aggiunta al giudizio che ho sulla vostra serata, stanno minando dalla base l’idea che avevo sull’autorevolezza dei grilli estensi che è molto figlia della vostra capacità di indipendenza. Vi sto offrendo la possibilità di recuperarla!

    Un’altra cosa: ho visto che nel vostro sito.meetup in qualche modo sponsorizzate la lista civica di Bologna. E’ ed era ad un esempio come questo cui aspiravate? Chi, che cosa o quali considerazioni vi hanno impedito di fare la vostra lista civica? Perché ora sembrate (forse il plurale è sbagliato) così vogliosi di appoggiare qualcuno purché, se non capisco male, non sia PpF, che pure è tra le liste certificate da Grillo?

    Cordialmente

    Roberto Zambelli

  • carissimi Paola e Fazio, vi invito a venire a trovarci come tutti e parlando sinceramente, cosa che spero chi mi ama come chi mi odia, mi riconosca, mi piacerebbe molto che:
    il modo nuovo di fare politica (questo si mutuato dalla mia anima grillesca, mi si passi il termine) non fosse limitarsi a fare una croce il 6 o 7 giugno, ma anche 5 minuti ogni tanto, partecipasse o anche solo venisse a darci suggerimenti. sappiamo che tutti siamo oberati, ma un pizzico di verità all’amico Baldi’s Broken la devo riconoscere: la fiducia è una cosa seria, va data a dosi omeopatiche.
    pensare che siamo, credo unica realtà politica, a tenere i direttivi dell’associazione aperti a tutti! là dove vengono maturate le decisioni, le strategie (ovviamente su mandato dell’assemblea), i cospiratori fanno entrare tutti.
    Vi ringrazio comunque della fiducia accordataci. Penso che siamo un lumicino, l’ultimo treno. Portiamo un pò di luce e questa fiamma va protetta e alimentata fino a quando sarà un potente fuoco che si autoalimenta.
    Grazie

  • roberto baldisserotto

    vorrei che Zambelli fosse così cortese nel guardarsi il video della serata .

    spstare le polemiche sulla serata e sui grilli ,

    nasconde solo una cosa ,

    evita di rispondere alla vera domanda posta anche al candidato a sindaco di ppf .

  • roberto baldisserotto

    lista civica di Bologna ? Nessun sponsor , il link che vedi a sinistra appare in automatico per il fatto che è un meet up vicino .

    Il gruppo ha scelto di non fare la lista civica , c’è perfino Paolino che ha tentato chiedendo a tutti gli iscritti
    (280) se qualcuno voleva fare la lista civica, nessuno ha aderito alla proposta , per cui Paolino , giustamente , ha trovato in PPF un naturale accoglimento alle proprie
    legittime istanze , e penso che vi darà man forte
    perchè è molto attivo .

  • Roberto Zambelli

    Baldisserotto,
    credo che non continuerò la polemica su questo argomento in quanto mi sembra abbastanza sterile e, per quanto ti riguarda, abbastanza strumentale e non supportata da altri grilli. Inoltre sto considerando che nella lettera inviata ieri a estense.com hai fatto virare la richiesta di risposte al vostro “programma” alla carenza di risposte su come i candidati attueranno il loro. Ti sei confuso? Non lo so, ma in ogni caso prima di fare la tua scelta di consiglio di mettere a confronto tutti i programmi e di fare molta attenzione alla presenza o meno dei fondamentali per un vero cambiamento. Il vostro documento su questo era abbastanza carente e ho cercato di fartelo rianalizzare. Vedremo se dopo le elezioni saprete essere una vera spina nel fianco dell’amministrazione. Per quanto riguarda l’evento mettere on-line solo i candidati non da l’idea dell’andamento complessivo della serata in cui a sbagliare non sono stati solo loro. Aspetto che pubblichiate anche gli interventi dei relatori e la lista dei punti sottoscritti dai vari candidati.

    Cordialmente
    Roberto Zambelli

  • Piero

    Ho guardato e riguardato i video, non ho capito niente.
    Ma a cosa servono?

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese