Cambia la prospettiva Home Raccomandata

27 Giu, 2012

L’inceneritore HERA di Cassana va spento

Inserito da: PpF In: Ambiente e salute|Economia, sviluppo, lavoro|Iniziative e organizzazione|Politica|Sanità

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

Mercoledì alle ore 15.30, presso la sala del Consiglio del Castello Estense, si riunirà la Commissione Consigliare Congiunta Provincia e Comune, per valutare l’impatto dell’inceneritore Hera nei primi due anni di funzionamento. L’autorizzazione integrata ambientale (AIA) per la triplicazione dell’inceneritore di Cassana, rilasciata dalla Provincia a Hera nel 2008, stabilisce il principio dell’invarianza immissiva. In altri termini impone che la situazione ambientale determinata dal nuovo impianto, non possa essere peggiorativa, rispetto a quella preesistente (una sola linea), in termini di immissioni inquinanti nell’aria, nell’acqua, nel suolo. L’AIA recita: “La ditta dovrà eseguire una stima modellistica delle ricadute, basata sulle misurazioni effettuate con cadenza quindicinale, nei primi 24 mesi di esercizio…sulla base dei risultati effettivi dopo il primo anno di gestione, verranno eseguite nuove valutazioni sulla situazione immissiva reale, anche ai fini di un eventuale adeguamento dei limiti emissivi, nel caso in cui tale situazione risultasse peggiorativa di quella presa a riferimento per il rilascio dell’AIA.”

Sono passati quattro anni, ma l’approccio culturalmente arretrato del Pd e la sua subalternità politica nei confronti di Hera, hanno finora impedito la corretta informazione dei cittadini. Inoltre sull’AIA pende un ricorso al Consiglio di Stato, presentato da Medicina Democratica e sostenuto dal M5S regionale, sulla legittimità del provvedimento. Nel frattempo, solo nei primi otto mesi del 2011, Hera ha smaltito 83.300 tonnellate di rifiuti indifferenziati, di cui 51.000 bruciate nell’inceneritore di Cassana e 32.300 tonnellate trattate ad Ostellato. Di queste, 18.100 (sovvalli) sarebbero state bruciate in via Diana, insieme ad ulteriori 19.500 tonnellate di rifiuti speciali. Non sappiamo se nei sovvalli o negli scarti di processo, in qualunque modo prodotti ad Ostellato ed avviati all’inceneritore, vi siano rifiuti campani.

Ma il tema oggi non è più se l’inceneritore peggiori o no le condizioni ambientali del nostro territorio, bensì il fatto che questi impianti causano danni alla salute e dunque vi è la necessità di ricorrere a soluzioni alternative. Il Pd ed i partiti che governano il territorio devono elaborare un piano per la dismissione dell’inceneritore di Cassana.  Il progetto Moniter ha verificato gli inceneritori in Emilia Romagna, evidenziando cause dirette e situazioni di dubbio sulle popolazioni analizzate. Nel sesto libro dei “Quaderni di Moniter” i risultati epidemiologici relativi alla popolazione in Emilia Romagna evidenziano la correlazione tra popolazione esposta e parti prematuri, malformazioni ed aborti spontanei (pag. 104), ed incidenza di linfomi non Hodgkin nella coorte di Modena (pag. 23). Stranamente si apprende che non è stato completato lo studio sugli addetti agli impianti di incenerimento, a causa della difficoltà riscontrata (?) nell’individuare i soggetti (pag. 104-105). Inoltre la ricerca degli inquinanti ha escluso le matrici biologiche (prelievi di sangue, uova, animali, etc). Come è noto la Federazione dei Medici dell’Emilia-Romagna invita da tempo ad “un approccio di precauzione”, mentre l’allora ministro Bersani nel 2007 invocava l’intervento del Ministro della giustizia contro quei medici. Infine il voto del Parlamento Europeo del 20 aprile 2012 “divieto di combustione del materiale riciclabile e compostabile entro il 2020″ punta sulle alternative di riduzione e raccolta differenziata porta a porta e sul“divieto rigoroso di smaltimento in discarica dei rifiuti raccolti separatamente”.

Per questo a Ferrara va aperta subito la discussione per superare il sistema d’incenerimento e lo smaltimento in discarica puntando sulle alternative. Lo avevano chiesto nel 2007 gli 11539 cittadini che parteciparono allo storico referendum autogestito. Allo stato attuale le tecniche di riciclo, selezione, trattamento meccanico e biologico, estrusione, compostaggio consentono riciclo e compostaggio di quasi tutti i rifiuti urbani, rendendo lo smaltimento in discarica minimale e progressivamente decrescente, e l’incenerimento superfluo ed anti-economico. Il voto del Parlamento Europeo chiarisce come il futuro della corretta gestione dei rifiuti non possa essere rappresentato dall’incenerimento dei rifiuti anche con recupero di energia. In assenza di contributi pubblici gli inceneritori sono anti economici e fuori mercato. Sono macchine da soldi per i soci privati delle multiutility come Hera, prelevati dalle tasche dei cittadini sotto forma di Tia e di tassazione generale (incentivi statali). A conferma di tali indicazioni c’è la scelta della multiutility tedesco-olandese E.ON di vendere i propri diciotto inceneritori, i cui costi di gestione aumentano sempre di più a fronte della riduzione dei rifiuti e dell’aumento esponenziale della raccolta differenziata in Germania e Paesi Bassi. La E.ON tuttavia non ha ancora trovato acquirenti sul mercato a cui vendere i propri inceneritori. Dal punto di vista della produzione energetica in Germania solo l’1% dell’energia è prodotta tramite combustione dei rifiuti, confermando la marginalità di tale opzione rispetto ad altre fonti.

Il Pd ed i partiti che governano il territorio ferrarese hanno il dovere di riorganizzare la gestione dei rifiuti ed il sistema di aziende pubbliche, di cui nominano gli amministratori, superandone da un lato la frammentazione e puntando dall’altro al rapido spegnimento dell’inceneritore, nel rispetto della gerarchia d’intervento fissata dall’Unione Europea.

Smettiamola di pagare i debiti delle multiutility pubbliche con i profitti drogati degli inceneritori, prodotti a scapito della salute delle popolazioni interessate!

Valentino Tavolazzi

  • Bigmartin

    Ma come si può chiedere all’oste se il proprio vino è buono? Ci vuole un ente terzo che certifichi eventuali peggioramenti ambientali. Lo dimostra in maniera palese l’episodio dell’interruzione dell’acqua potabile in tutta ferrara, avvenuta nei giorni scorsi. L’Hera ha volontariamente omesso le manutenzioni periodiche ai gruppi elettrogeni che avrebbero dovuto sopperire alla momentanea interruzione di energia elettrica, causando non pochi disagi a tutta la cittadinanza. Nessuno si chiede perchè non hanno funzionato? Nessuno verifica se le manutenzioni siano state certificate ma mai eseguite? Dovrebbe essere materia di indagine delle autorità di polizia.

  • Pingback: www.blog-news.it()

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese