Cambia la prospettiva Home Raccomandata

03 Ott, 2011

Parliamo alle nuove generazioni cui è stato rubato il futuro

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

Caro Beppe e cari Grillini, come ci chiamano tutti (io ne vado fiero), il nostro movimento è L’UNICA VERA NOVITA’ POLITICA degli ultimi 20 anni. Un giorno, se continueremo a lavorare così, il paese sarà grato a te Beppe che l’hai creato e guidato, e a noi Grillini che abbiamo accettato la sfida e lottato. Due anni fa abbiamo deciso di fare la “rivoluzione”, in un modo che ci distingue dai popoli viola, pirati, indignati, più o meno direttamente teleguidati o strumentalizzati dai partiti, dai sindacati et similia. Noi abbiamo deciso di metterci la faccia, di ENTRARE NELLE ISTITUZIONI, abbiamo partecipato alle elezioni e con i nostri eletti STIAMO FACENDO BUONA POLITICA per i cittadini, nei Comuni e nelle Regioni. Noi non ci accontentiamo di mandare a casa Berlusconi, magari solo per prendere il suo posto, come fanno i partiti e parte dei movimenti.

Noi VOGLIAMO CAMBIARE IL PAESE e le regole della democrazia. Noi vogliamo L’AUTODETERMINAZIONE DEI CITTADINI, perchè lo stato siamo noi, non i partiti che lo occupano. In questa fase la rabbia è alta, tutti si mobilitano e vanno in piazza più o meno strumentalizzati, da chi magari vuole solo cambiare la legge elettorale PER ESCLUDERE PROPRIO NOI. Il M5S, mai come ora, deve CHIAMARE ALLA RIBELLIONE CIVILE soprattutto LE NUOVE GENERAZIONI , QUELLA PARTE DI SOCIETA’ CHE NON HA FUTURO, non ha un lavoro dignitoso, è sfruttata da contratti vergognosi (stage, cocopro,..), che solo l’Italia ha e che legalizzano lo SFRUTTAMENTO PIU’ BIECO dei giovani. Dobbiamo aggregare studenti, diplomati e laureati disoccupati, sottoccupati, LE NUOVE VITTIME DI UN CAPORALATO LEGALIZZATO, quelli che hanno “merito” ma non amicizie, non possono o non vogliono contare su rapporti clientelari che garantiscano loro un “lavoro vero” e la possibilità di farsi una famiglia, mettere al mondo dei figli. Sono milioni i giovani italiani AI QUALI E’ STATO RUBATO IL FUTURO, che vivono di espedienti e con l’aiuto delle famiglie. Sono milioni i genitori che NON VEDONO UNA PROSPETTIVA per i loro figli, dopo che si sono sacrificati per farli studiare. Oggi gli ascensori sociali CI SONO SOLO PER I PARACULATI. Noi DOBBIAMO RISVEGLIARE LE LORO COSCIENZE E CHIAMARLI ALLA LOTTA, dobbiamo diventare il riferimento della parte migliore del paese, certamente DIMENTICATA, SFRUTTATA, ABBRUTTITA DALLA MANCANZA DI SPERANZA NEL FUTURO. Sono moltissimi i giovani italiani costretti ad emigrare in Spagna, Francia, Nord Europa. Stiamo cacciando dal paese RISORSE PREZIOSE E NECESSARIE PER COSTRUIRE UN FUTURO PIU’ GIUSTO. Dobbiamo CONCENTRARCI ED IMPEGNARCI DI PIU’ su questi temi, che oggi rischiano di diventare il CANTO DELLE SIRENE in mano a chi usa “viola e indignati” per non abbandonare il fortino conquistato. I giovani che in buona fede partecipano a quelle manifestazioni oggi NON HANNO UN VERO RIFERIMENTO “POLITICO” che esprima quelle aspirazioni, che sia capace di battersi per esse, anche nelle istituzioni, che possa perseguirle localmente e a livello nazionale. NOI SIAMO QUEL RIFERIMENTO! DOBBIAMO PROPORRE E SOSTENERE A TUTTI I LIVELLI UNA GRANDE RIFORMA DEL LAVORO IN ITALIA. Dobbiamo DEMOLIRE sfruttamento, gestione clientelare dei posti di lavoro e mercificazione del DIRITTO AL LAVORO. Le chances di vita NON SONO MERCE DI SCAMBIO per avere consenso, SONO DOVUTE ALLE NUOVE GENERAZIONI. NE HANNO DIRITTO! Oggi ciascuno cerca di risolvere il problema dell’occupazione in modo individuale, facendosi sfruttare per anni, mettendosi nelle liste d’attesa paraculate dei partiti, cercando raccomandazioni, facendosi mantenere dalle famiglie. DOBBIAMO DIRE BASTA A QUESTO SCHIFO! IL FUTURI AI GIOVANI E’ UN LORO DIRITTO! Un paese che non garantisce futuro alle nuove generazioni E’ UN PAESE DI MERDA! DARE FIDUCIA E OTTIMISMO AI GIOVANI è un dovere collettivo, che una società giusta deve garantire. Troppe aziende oggi risparmiano legalmente e non, sulla pelle dei giovani, facendoli lavorare gratis, sfruttandoli, approfittando del soggetto più debole. Accade solo in Italia, non in Spagna, in Francia, in GB, nel Nord Europa. In questo, ma non solo, SIAMO UN PAESE DA TERZO MONDO! I sindacati hanno fallito e portano gravi responsabilità di questo mercato selvaggio del lavoro. Destra e sinistra con Treu e Biagi sono ugualmente colpevoli di questa situazione. DOBBIAMO FAR SAPERE ALLE NUOVE GENERAZIONI CHE NOI VOGLIAMO LIBERARLE DALLA MORSA DELLO SFRUTTAMENTO, DELLA DISOCCUPAZIONE, DELL’EMIGRAZIONE COATTA ALL’ESTERO. Dobbiamo rimettere al centro delle nostre politiche e dei nostri messaggi IL MERITO, LE CAPACITA’, LA CULTURA, LA FORMAZIONE ED IL DIRITTO AL LAVORO DIGNITOSO. Dobbiamo lavorare per una società giusta CHE CREDA NEI SUOI GIOVANI e li metta al centro delle proprie strategie.

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2011/10/parliamo-alle-nuove-generazioni-cui-e-stato-rubato-il-futuro.html

  • Matteo Benetti

    Ieri sera a Presa Diretta una interessante puntata sul precariato, con un reportage da Barcellona da far impallidire…
    Tasse al 23%, burocrazia completamente digitale, meritocrazia e sviluppo (nonostante la crisi).
    Sto aprendo un’azienda che si occupa di energy management e tutti gli aspetti di investimento per far si che un’azienda possa contare su un futuro al riparo dalle speculazioni sui prezzi dell’energia e il mondo possa ridurre sensibilmente le emissioni di CO2… All’Ascom mi sono sentito dire che non rientro nella categoria dei giovani imprenditori perchè ”troppo vecchio” (ho 36 anni, sforo di 1 anno) così dovrò sorbirmi tutta la fiscalità a pieno regime e se anche avevo intenzione di assumere collaboratori non lo farò, perchè il 47% di quello che guadagnerò andrà in tasse e contributi versati per una pensione a cui non arriverò mai, ma avrò la fortuna di pagarla a quelli che sono andati a 39 anni con 15 di versamenti… Hai tutto l’entusiasmo di guardare al futuro ma poi vieni scoraggiato da queste cose! Se l’Italia non si darà una mossa IN TEMPI BREVI, molto probabilmente me la darò io.
    La mia esperienza, il mio merito e il mio know-how non sono perennemente in affitto della gerontocrazia italiana.
    Il Movimento 5 Stelle, assieme a pochi altri partiti (a cui secondo me dovrebbe tendere una mano in un momento simile invece che rifiutare tutto a prescindere, sentendosi più puro, o più narciso…) è l’unica speranza che mi è rimasta…
    Speriamo non sia l’ennesima delusione di questo Paese, in cui nonostante tutto credo ancora molto!

  • Il problema del lavoro per i giovani è reale. Avendo due figli sono preoccupato per il loro futuro. Devo dire che da quando hanno finito gli studi (premiati, decorati come si fa normalmente in quelle belle feste al Teatro Nuovo, alla presenza di Autorità, Camera di Commercio, Istituzioni varie, ecc …) hanno più o meno sempre lavorato (contratti a termine). Non so se farli partecipare al Guinness dei primati, perché in 7 anni hanno lavorato per dieci aziende e ditte diverse. E’ vero che ho sempre detto a miei figli di accettare anche lavori umili indipendentemente dal titolo di studio, ma qual’é ora il risultato. Alla soglia dei trent’anni non hanno maturato nessuna esperienza, avendo praticato lavori , per intenderci “quelli che passa il convento”e tra qualche hanno saranno “vecchi” per il mondo del lavoro. E’ la triste realtà che coinvolge la maggioranza dei giovani che non possono contare su raccomandazioni o conoscenze altolocate. Avendo fatto tanti sacrifici per farli studiare, cerco di rincuorali di continuo, ma vedo nei loro occhi solo delusione. Occhi che poi diventano lucidi quando, rientrando a casa, raccontano: “sai ho rivisto XY, sai quello che ha smesso di studiare … lavora in ….” E qualcuno, oggi, ha ancora il coraggio di parlare di meritocrazia? Questa vuole essere solo una testimonianza condividendo il testo dell’articolo.

  • valentino tavolazzi

    Caro Giovanni, sento le stesse cose che hai descritto nel tuo commento e sono al tempo stesso profondamente addolorato ed arrabbiato. Dobbiamo fare qualcosa per ridare fiducia ai nostri giovani, noi e loro insieme. Dobbiamo ristabilire un dialogo tra le due generazioni, la nostra, che oggettivamente ha avuto opportunità, e la loro, che invece è stata derubata del futuro. Di giovani in gamba come Matteo, i tuoi figli, i miei figli, ce ne sono milioni nel paese. Dobbiamo unirci alla loro protesta ed incoraggiarli a combattere per riappropriarsi del loro paese. Sono loro il futuro dell’Italia ed hanno il diritto di determinarlo.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese