Cambia la prospettiva Home Raccomandata

28 Gen, 2010

Pd, dalla Puglia a Bologna è un disastro dopo l’altro…

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

Pubblicata dalla Nuova Ferrara

di Fiorenzo Baratelli

Non infierisco sull’ex sindaco di Bologna Flavio Delbono. Ha dato le dimissioni e questo mi basta. Sulla portata di ciò che è successo valgano le parole di Guido Fanti: «Siamo di fronte ad un disastro. Si rischia di buttare a mare un patrimonio accumulato in anni di lavoro e sacrifici». Ma chi sono i responsabili? E’ la classe dirigente del Pd che ha portato in un vicolo cieco il maggior partito di opposizione. Dalle dichiarazioni sul dopo dimissioni e sulle primarie in Puglia esce una sconfortante coazione a ripetere che fa presagire che il fondo non si è ancora toccato.


La differenza tra la destra e la sinistra non dovrebbe limitarsi alle dimissioni, ma alla qualità del personale politico (comprensiva di competenza ed etica).
Per la sensibilità morale che ancora fa la diversità tra l’elettorato di sinistra e quello di destra è durato anche troppo il balletto giustificativo della grave posizione del sindaco di Bologna.
Ricordo fra tutte la dichiarazione berlusconiana del segretario Pd di Bologna: «Delbono è stato scelto dai cittadini quindi…»
Nessuno l’ha smentito.
Oppure Prodi che afferma: ma in fondo si tratta di una manciata di euro. Che cosa vuol dire?
Che l’etica non si basa sui principi (per esempio la commistione fra pubblico e privato), ma sulla consistenza del conto spese?
Insomma si propone un ragioniere al posto di Kant!
Se consideriamo poi la vicenda pugliese, la distanza fra la casta ed il popolo di sinistra si fa scandalosa.
Eppure c’è chi continua a difendere D’Alema; di più: lo eleggono all’unanimità presidente del Copasir!
Si potrebbe continuare a lungo con una tristissima casistica che tutti conosciamo; preferisco indicare la causa strutturale di questa deriva.
Il Pd è un partito privo di criteri e valori che consentano una selezione seria del suo personale politico.
Mi riferisco non ad articoli scritti nello statuto, ma al clima etico reale che si fa pratica quotidiana.
Prevalgono i capi bastone che scelgono i giovani sulla base della fedeltà e del conformismo, promettendo in cambio carriere e posti (e soldi) nelle istituzioni e nei tanti enti inventati ed inutili. Ma chi volete che emerga in questo contesto inquinato?
Non certo un Berlinguer, un Pertini, un Dossetti, un La Malfa, ma solo i gregari idonei ad entrare nel listino, con elezione garantita senza perdere tempo con quisquilie come l’esperienza, la cultura, la rappresentatività. Ma durerà un pezzo il silenzio degli iscritti, degli elettori del Pd?
Per quanto tempo ancora si accontenteranno del protagonismo di un giorno (le primarie) e della delega per il resto dell’anno ad un gruppo dirigente che li sta privando di tutto: voti, opposizione, orgoglio, appartenenza, progetto alternativo.
L’ultimo scippo riguarda il significato delle parole: giovani, donne, etica, solidarietà, unità.
Usate da persone inaffidabili diventano grimaldelli retorici e manipolatori: una presa in giro.
Un grande italiano, Norberto Bobbio, dedicò tutta la sua vita a contrapporre un’Italia civile ad un’Italia barbara. L’Italia dei Gobetti, Calamandrei, Capitini, Rosselli, Gramsci e l’Italia della prepotenza in alto e del servilismo in basso, dell’astuzia come suprema arte di governo e della furberia come povera arte di sopravvivenza: il grande intrigo e il piccolo sotterfugio. Se il Partito democratico non rappresenterà l’Italia civile non sapremo che farcene

  • Roberto Zambelli

    Tutta l’Emilia Romagna sta ancora aspettando di capire per quale motivo in Puglia le primarie sì e qui da noi le primarie no. Solo la Puglia sarà responsabile se Berlusconi sarà sconfitto o meno, ma in là nel tempo come ama dire D’Alema?
    Eppure qui da noi c’è un Vasco Errani che sarà candidato per la terza volta a governatore e sarà supportato, ad esempio a Ferrara, da un certo Roberto Soffriitti. Il PD, se va avanti così è destinato ad auto estinguersi. E poi c’è qualcuno che si stupisce se dico che Giovanni Favia 28eenne di belle speranze è il nostro futuro? http://www.emiliaromagna5stelle.it

  • paolo giardini

    Bella, condivisibile e sottoscrivibile la lettera di Baratelli!
    Però, francamente, stupisce che la disamina venga solo dopo alcuni fatti eclatanti riportati dalla stampa nazionale.

    E su Ferrara niente da dire, Baratelli? Abbiamo dei consiglieri comunali che difendono pubblicamente scelte contrarie all’interesse pubblico e, se non bastasse, stupide, come chiudere il laboratorio analisi di Ponte.
    Se hera doveva chiudere un laboratorio, doveva chiudere Sasso Marconi, che quello di Ferrara è più importante! Cos’hanno a Sasso Marconi di più di noi? Il Danubio?
    E la difesa delle turbogas che non alzano di un grammo la produzione del petrolchimico ma emettono fumi come se il petrolchimico consumasse non per i 30 MW attuali ma per 950 MW?

    Subappaltano i servizi comunali ma conservando il personale di prima! Dov’è il risparmio per la collettività?

    Abbiamo un consumo di territorio esagerato, però ad un costruttore che non ha voglia d’impegnarsi a bonificare il terreno inquinato gli concedeno in altro luogo il doppio di terreno adibito a verde pubblico (assassini del verde i PD, veri serial killer) in cambio di cosa? Del piacere di un “cuneo verde” (che è rettangolare per suo colpevole difetto di forma, nonostante sappia che il PD abbia deciso che è un cuneo) fra via Darsena e via Rampari di S. Paolo e dell’ancor più sommo piacere di seguire in proprio una bonifichina superficiale!

    Nessun commento, Baratelli, sugli sciagurati allo sbaraglio di casa nostra? Bisogna che prima ne faccia un servizio La Repubblica?

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese