Cambia la prospettiva Home Raccomandata

17 Set, 2010

Portaluppi conferma gli insulti del PD

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo
Share

Il consigliere del Pd Portaluppi conferma gli insulti del Pd. Egli non smentisce alcuna delle affermazioni sue e dei propri colleghi di partito e di consiglio comunale, da me portati all’attenzione dei cittadini quali esempi di come il Pd porti rispetto all’avversario politico Ppf ed alle persone che lo rappresentano nelle istituzioni. Egli conferma pertanto gli insulti di cui tali affermazioni sono infarciti, offrendo agli elettori un ulteriore elemento di giudizio.  Poi il consigliere medico del Pd, per compensare il non smentito e pessimo comportamento suo e dei suoi colleghi, sciorina una lunga litania di affermazioni attribuite a Ppf di cui non cita autore, né data. Una vera e propria pesca nel torbido.

 Egli applica, come sempre, il metodo dell’allargamento del cerchio: se non dispongo di insulti proferiti da Tavolazzi, ne cerco altri riconducibili in qualche modo all’area politica gravitante attorno a Ppf! Lo aveva già fatto questo giochino allargando il bacino sanitario di utenti, per dimostrare che il nuovo ospedale di Cona ne era il baricentro. E’ un modo come un altro di arrampicarsi sul ghiaccio per tentare di dimostrare una menzogna, cioè che Tavolazzi insulti! Se seguissi il suo esempio, dovrei fare la rassegna di tutti gli insulti riconducibili a iscritti, simpatizzanti, votanti del Pd, anonimi e non, disseminati nei forum o proferiti nelle feste dell’unità e nei bar. Mi sottraggo a questa polemica sterile ed infantile poiché il focus della discussione è se i consiglieri del Pd insultino o no. Ed è confermato che lo fanno!

 Del lungo elenco riportato da Portaluppi, le uniche affermazioni riconducibili al sottoscritto e/o a rappresentanti istituzionali di Ppf sono le seguenti: “senza l’avallo di Hera un ex democristiano non avrebbe mai potuto fare il sindaco a Ferrara” “il dubbio che il consigliere medico Portaluppi del PD copiasse i compiti anche a scuola e non lo facesse bene””consigliere medico, leader scientifico internazionale, aspirante portavoce di Hera, aspirante bagnino, Portaluppi del PD”. Affermazioni che non ho alcun problema a ribadire tuttora. Di tutto il resto non rispondo.

 Valentino Tavolazzi

Consigliere comunale Ppf/M5S

Intervento di Portaluppi su CronacaComune

In riferimento all’intervento ‘Il rispetto’

di Francesco Portaluppi *

Il rappresentante di PpF in Consiglio comunale elenca una serie di accuse a lui rivolte anche dal sottoscritto (irresponsabilità istituzionale, falsi allarmismi, demagogia, strumentalizzazioni e speculazioni elettorali, suggestione di sciocche superstizioni legate al nome di una località), per giustificare il fatto che PpF da più di un anno insulta e irride su stampa e blog vari i rappresentanti del PD, quando non addirittura l’intera cittadinanza ferrarese “impossibilitata a scrollarsi la soma di dosso perché obnubilata da povertà di pensiero”. Dagli insulti di PpF non si è salvato nessuno: il segretario del PD, da “sostituire se rincoglionisce troppo, ammesso che sia possibile notare la differenza”; Marcella Zappaterra, “pezza grossa” e “disastro di cui possiamo ringraziare la scuola pubblica”; Tiziano Tagliani, descritto come facilmente soggetto a meningiti da sforzi di comprensione, “deplorevole per costituzione, anticivico per incultura, attraente come la fame”, “affetto da raptus”, esortato a uscire dalla sua “tana” e accusato perché “senza l’avallo di Hera un ex democristiano non avrebbe mai potuto fare il sindaco a Ferrara”; i consiglieri di maggioranza ed in particolare quelli del PD, definiti “gonziglieri”, “incoscienti”, “banda bassotti”, “esperti da bar”, “pochi individui presi da raptus e non curati”, “incompetenti naturali che il fato cinico e baro ha posto nella maggioranza consigliare del Comune di Ferrara”, “i seduti sull’orlo del proprio abisso mentale”, “che, bravini loro, riescono a stare immobili per quattro ore e più senza mai manifestare un moto mentale ed esprimendo il proprio voto come automi radiocomandati”, “uno stupido più stupido di quanto ci si immagina”, “il dubbio che il consigliere medico Portaluppi del PD copiasse i compiti anche a scuola, e non lo facesse bene”, “consigliere medico, leader scientifico internazionale, aspirante portavoce di Hera, aspirante bagnino, Portaluppi del PD”. Sono solo alcuni esempi, perché compilare una lista completa sarebbe un lunghissimo e tedioso spreco di tempo.
Doveroso invece è confutare la tesi sostenuta da PpF (enunciata in più occasioni), secondo la quale agli amministratori del PD non è dovuto alcun rispetto, avendo essi compiuto scelte che PpF non condivide e giudica le peggiori possibili. Eppure ogni scelta politica è per definizione opinabile e la democrazia prevede appunto che le decisioni vengano prese a maggioranza, spesso contro il parere diverso della minoranza, senza che questo però legittimi nessuno all’insulto o all’aggressione.
Tanto per fare un esempio, sostenere che non era opportuno vendere la rete del gas è legittimo per PpF quanto lo è per il PD scegliere l’esatto contrario (oltre tutto, dopo aver fatto di quella vendita uno dei punti del proprio programma sottoposto con successo all’approvazione degli elettori). A Ferrara nessuno “domina da decenni la città”, che invece è governata da maggioranze liberamente elette dai ferraresi stessi. In democrazia tutte le opinioni hanno pari dignità ed è quindi del tutto ingiustificato (sintomo appunto di grave incultura democratica) spacciare le scelte di una parte politica come “oltraggio ai cittadini”.
I lettori giudicheranno liberamente anche quali espressioni, fra quelle usate dai rappresentanti di PpF o del PD, siano più irrispettose, aggressive e/o offensive. Non credo però sia questo il vero problema.
Le intemperanze verbali possono a volte risultare comprensibili in un appassionato confronto dialettico, pur restando inopportune e censurabili. Invece, teorizzare un impossibile monopolio della verità che possa così essere addirittura “oltraggiato” dalle idee altrui, è sempre inaccettabile e non può mai legittimare la negazione del rispetto delle persone, perché mina alla base i principi stessi di democrazia e libertà. La storia anche contemporanea è prodiga di esempi tristemente illuminanti in tal senso.

* – consigliere comunale PD

  • Matteo Benetti

    Ma questo dottor Portaluppi è stato eletto?
    Alla fine le parole sono solo parole, quello che davvero conta sono i fatti. Basta guardarsi attorno…certo, se ancora qualcuno ha occhi per vedere!

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese