Cambia la prospettiva Home Raccomandata

16 Ott, 2009

Prime risposte alla crisi economica

Inserito da: PpF In: Economia, sviluppo, lavoro

facebook technorati okno segnalo
Share

di Antonio Tafuro*

2412532465_c0dec8e54e_mLa crisi economica è nella sua fase più dura: le imprese piccole e medie, che hanno ormai esaurito le commesse acquisite prima della crisi, si trovano a gestire un periodo di vuoto per la mancanza di commesse pervenute fra la fine del 2008 e il 2009.
Bene hanno fatto il Sindaco e la Presidente Zappaterra, a sincerarsi sullo stato di salute delle maggiori aziende del petrolchimico. Se queste riprenderanno la produzione tutto l’indotto ne beneficerà;dai rispettivi direttori abbiamo ottenuto le seguenti informazioni:

 


Polimeri Europa: ha rimandato la manutenzione annuale dell’impianto di elastomeri, che prevedeva la fermata della produzione di 1 mese, perché ha acquisito nuovi ordini da nuovi clienti.
Yara: ha ripreso la produzione dopo 4 mesi di fermo impianto, durante i quali ha svolto formazione, investendo sulla “fedeltà reciproca” del personale,così non è ricorsa alla cassa integrazione.
LyondellBasell: è in forte crisi finanziaria, ma l’assetto industriale Europeo è sano. Il centro ricerche ferarrese rappresenta una punta di eccellenza mondiale, frutto si scelte lungimiranti effettuate 25 anni fa: a fronte di una devastante crisi della chimica, i lavoratori e le organizzazioni sindacali scelsero di accordarsi con l’azienda per non sospendere gli investimenti sulla ricerca, che sarebbe stata la prima attività a soccombere durante la forte crisi di allora. Grazie a questa scelta, gli impianti ferarresi della LyondellBasell subiranno un impatto inferiore rispetto agli altri siti italiani derivante dalla ristrutturazione della società. Il segretario provinciale dei chimici della GCIL fu la persona che allora si spese più di tutti per la riuscita del progetto: il suo nome è Gaetano Sateriale.
Dieci anni fa al petrolchimico di Ferrara si iniziava a parlare di un accordo che mettesse insieme le parti sociali, le amministrazioni comunali e provinciali, le aziende gli enti pubblici, con l’obiettivo di consolidare i posti di lavoro, mantenere gli impianti tecnologicamente aggiornati e creando nel contempo l’opportunità di nuove attività produttive.
La situazione delle altre imprese non sono incoraggianti, a partire da Nylco e P-group: il Sindaco si è mosso con rapidità e il 16 ottobre ha convocato i dirigenti di queste aziende per spingerli a fornire un piano industriale realistico .
Chi lavora nel petrolchimico sente la necessità di essere parte attiva nella dialettica politica, poiché è stata più volte presentata una lettura distorta della nostra coscienza di lavoratori e di cittadini. Temiamo inoltre che posizioni demagogiche di minoranze politiche facciano perdere opportunità importanti per lo sviluppo economico della città e per la difesa dei nostri posti di lavoro.

* consigliere comunale PD

  • Danilo

    Leggendo questo post sono rimasto esterefatto, accusano altri di demagogia, quando propaganda-demagogica spruzza da tutte le parti in questo intervento. Si enfatizza l’operato del nulla, fatto da T e Z, nonchè si santifica S senza portare fatti e dati concreti, ma solo parole, parole,parole.
    Nessuna critica alle promesse mediatiche di sviluppo del petrolchimico grazie ai famosi accordi di programma e a alla turbogas concessa in cambio di lavoro. Dove sono finite tutte le aziende che si dovevano insediare, in primis Eletrolux con i suoi 300 posti di lavoro ? Ma quel che è peggio, queste promesse propagandistiche sono state divulgate con convegni sfarzosi, riviste e cd multimediali tutti pagati dai contribuenti.
    Alla fine come risultato degli impegni presi, chi ha fatto le promesse sono stati premiati con altri incarichi nella pubblica amministrazione, mentre ai lavoratori è rimasta la cassa integrazione.
    Cari signori, è di questo che dovete parlare e risponderne, siamo stanchi del vostro politichese non più credibile.

  • Paolo

    Danilo,
    “siamo stanchi” chi? Questa gente non è mica salita al potere sulla punta delle baionette! E’ stata eletta (direttamente dagli idealisti ancora al mondo o dai numerosi “clientes”e indirettamente dai tanti non-votanti). Si può dire che la maggioranza relativa è d’accordo con loro, e la maggioranza assoluta non si accorge nemmeno di quello che fanno. I giornali locali tengono bordone perché tengono familia (basta vedere come accolgono da mesi TUTTE le chilometriche elucubrazioni sulle primarie PD di tutti i nomi e nomini PD, per fortuna dobbiamo cuccarci ancora una sola settimana di sopportazione).
    E’ notizia fresca la decisione Hera di sopprimere la Sot Hera Ferrara

  • Paolo

    proseguo.. che prima m’è scappato un enter prematuro.

    … di sopprimere la Sot spostando 400 dipendenti in altri posti. Il sindacato che se n’è accorto suppone che il Comune non sia nemmeno stato informato della decisione di Hera. Giustamente. Chi ha gli ha venduto tutto l’ambaradan? Il Comune stesso! E il contratto di vendita senza nessuna clausola a tutela dei ferraresi chi l’ha redatto? L’attuale sindaco. Allora cosa pretendiamo? I miracoli?
    Di davvero stanchi di politichese, Danilo, ce ne sono molto pochi.

  • Danilo

    Io credo che una parte di ferraresi ( pochi ancora è vero) si stiano svegliando dal torpore, lo dimostrano i risultati elettorali locali dove chi governava con maggioranze bulgare, ora governa con percentuali che non arrivano al 50% degli aventi diritto al voto, passando addirittura per il ballottaggio. Il problema vero, è portare a votare il partito degli astensionisti, e sinceramente non so come.
    A riguardo del Sindacato intervernuto sulla questione della Sot è tutta commedia, sarebbe bene che facesse mea culpa perchè anche loro sono stati attori attivi di tutte le porcherie fatte localmente.

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese