Cambia la prospettiva Home Raccomandata

01 Ago, 2010

Pronto soccorso, la soluzione e il suo contrario

Inserito da: PpF In: Sanità

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

L‘unica soluzione ai problemi generati dalla chiusura del Sant’Anna e del pronto soccorso, è il suo esatto contrario: mantenere in città un piccolo ospedale universitario, specializzato nella cura e nella ricerca per pazienti anziani (un centinaio di posti letto), con annessi reparti di ortopedia, urologia e cardiologia di eccellenza, pilastri per il funzionamento anche di un pronto soccorso in centro. Una variazione sul “tema Cona”, che non mina alla base, bensì rafforza il ruolo di hub prospettato per il nuovo ospedale. Le iniziative di comunicazione del Pd sull’operazione “Cona”, invece di dissipare dubbi e preoccupazioni sull’efficacia del ventennale progetto sanitario, li aumentano.

La complessa operazione imperniata sul nuovo ospedale non è stata solo malamente gestita (dopo vent’anni siamo a questo punto), ma risente di un carente approfondimento progettuale (vedasi l’organizzazione sanitaria). Ogni giorno spunta una nuova tessera nel variopinto mosaico  (l’ultima é l’ambulanza in via Copparo) e trovano conferma le perplessità sulle attuali carenze del sistema emergenza, per esempio in merito a infarto, ictus cerebrale, gravi emorragie e politraumi. Per queste situazioni è strategico il tempo di arrivo dell’ambulanza al luogo di soccorso, ma anche e soprattutto il tempo di trasporto del paziente all’ospedale per le cure d’urgenza, contrariamente a quanto finora sostenuto dai consiglieri comunali medici del Pd. Se si allontana l’ospedale dai quartieri più popolati del Comune (centro storico, nord, nord-ovest, ovest ) è evidente che si allungheranno i tempi di trasporto dal punto di soccorso al luogo di cura. Oltretutto, né sul luogo di soccorso, né in ambulanza, possono essere praticate l’angioplastica (per cardiopatie) o la trasfusione (per gravi emorragie), spesso estreme speranze per la vita del paziente. A questo proposito, giovedì a Rosso di Sera in casa Pd, gli stessi consiglieri medici relatori hanno confermato carenze nei tempi di risposta del sistema emergenza.

Inoltre preoccupa molto il futuro delle prestazioni erogate dal Pronto Soccorso in città. Gli esponenti medici del Pd propongono come alternativa la fantomatica Casa della Salute, affidata a medici di base, il cui apporto e consenso non sono ancora certi. Una struttura che non funzionerà di notte. Attualmente al Pronto Soccorso giungono oltre 77 mila pazienti l’anno, di cui 62 mila (81%) non vengono ricoverati. Dunque 8 accessi su 10 sono codici bianchi (non critico, pazienti non urgenti, 16 mila) e verdi (poco critico, assenza di rischi evolutivi, prestazioni differibili, 43 mila), per un totale di accessi non gravi pari a 59 mila casi. I pazienti trasportati al pronto soccorso dal 118 sono solamente 14 mila su 77 mila (18%).

Pertanto il Pronto Soccorso svolge un servizio importante, soprattutto di notte e per gli anziani, che trovano in corso Giovecca un’assistenza medico-chirugica per patologie non gravi (storte, tagli, cateteri da cambiare, coliche, ustioni, ansia, ecc..). Esso eroga le prestazioni necessarie in giornata ad 8 cittadini su 10 che vi ricorrono, i quali, quando troveranno i battenti chiusi in Giovecca, non potranno richiederlo alla Casa della Salute, chiusa di notte, né alla guardia medica, palesemente insufficiente e non supportata da servizi diagnostici e di laboratorio. L’amara realtà è che tutti (62 mila pazienti non ricoverati, spesso anziani) dovranno recarsi a Cona. Con quali mezzi di notte? Chiameranno tutti il 118? Quesiti angoscianti rimasti ancora senza risposta.

Nessun capoluogo di provincia, nella nostra regione, si è mai privato dell’ospedale e del pronto soccorso in centro storico, anche quando se ne è costruito un secondo fuori città. Ferrara sarebbe il primo e unico caso, esattamente come per l’assenza di una circonvallazione, per l’immane presenza a due passi dalla cattedrale di una turbogas da 800 MWe, per un ospedale in costruzione da vent’anni.

Valentino Tavolazzi, consigliere comunale Ppf/M5S

  • Roberto

    Nel piccolo ospedale universitario oltre ai 100 posti proposti per gli anziani , una bella geriatria , per una equa tutela dell’opposta eta’ , aggiungerei , perchè no , una cinquantina di posti anche per i bambini, una pediatria, con annessi reparti di gastroenterologia, fisiopatologia respiratoria, otorinolaringoiatria Si sa che i bambini si ammalano per lo piu’ alla pancia, bronchi ,orecchoi naso gola Non vorrei pero’ che avessero qualcosa da ridire gli adulti che stanno tra le due fascie anagrafiche di prima tutela quindi vai con un centinaio di posti di medicina generale con annessi reparti di dermatologia e veneorologia , oculistica, malattie infettive , oncologia Manterrei la chirurgia d’ urgenza e la radiologia interventista con annesse tutte le diagnostiche strumentali RX , RMN ,TC propedeutiche alla stesse e ovviamente il laboratorio analisi interno Da ultimo , un buon bar e una cappella per riti multireligiosi

  • Nano

    Che dire! Per Roberto mantenere una struttura sanitaria pubblica con degenza e Pronto Soccorso al Sant’Anna è una proposta di destra, fare invece una struttura sanitaria privata a cui possa accedere chi ha possibilità economiche per una prestazione d’urgenza, magari con multisala a disposizione, tre o quattro palazzi di contorno con vista sulle mura estensi tipo Darsena City, è una proposta di sinistra. Benchè la sua frequentazione con i Verdi sia breve, ha imparato la lezione in fretta. Complimenti.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese