Cambia la prospettiva Home Raccomandata

15 Lug, 2010

Rai Uno a Cona

Inserito da: PpF In: Iniziative e organizzazione|Sanità

facebook technorati okno segnalo
Share

Video del servizio

I

Mercoledì alle 20 il TG1 ha mandato in onda il servizio sul nuovo ospedale di Cona, nell’ambito di un’inchiesta sugli sprechi nelle regioni. La giornalista Marina Nalesso ha intervistato alcuni consiglieri emiliano romagnoli sulle spese del bilancio regionale e Valentino Tavolazzi di Progetto per Ferrara sull’annosa vicenda di Cona. Anche il presidente della regione Vasco Errani, visibilmente corrucciato, ha espresso il proprio rammarico per l’eccessiva dilatazione dei tempi di realizzazione del nuovo ospedale. Lo ha fatto come un normale cittadino, lui che guida la regione da undici anni, dopo essere stato dirigente presso la presidenza della Giunta nel 1993, consigliere regionale nel 1995, consigliere alla presidenza fino al 1996 e assessore al Turismo fino al 1999. Ppf/M5S si augura che riesca ad aprire l’ospedale prima della fine del suo ultimo mandato.

Progetto per Ferrara/Movimento 5 Stelle

  • matteo

    ho lasciato il commento su estense.com, ma lo ripropongo pure qua, forse ha attinenza con la riorganizzazione sanitaria generale e con l’incapacità di gestire la cosa pubblica da una pluralità di detentori del potere.
    Non so se voi ne eravate al corrente.

    http://www.corrieredicomo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=17832:non-e-uno-scherzo-ma-la-triste-realta&catid=14:prima-pagina
    http://www.corrieredicomo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=17850&catid=7&Itemid=107

  • Roberto

    Il TG 1 di Minzolini che onore …
    Ma il Tavolazzi intervistato è lo stesso che era stato nominato city manager con uno stipendio da nababbo alla faccia di chi si rompeva la schiena in fabbrica e nei cantieri dalla stessa cricca politica- partitica dello scandalo di Cona ?

  • Valerio

    E tu sei lo stesso Roberto eletto nel direttivo di PpF nonostante fossi a conoscenza di tutte quelle osservazioni intelligenti?

  • Fazio

    Si si è lui, quello che adesso viaggia in coppia con i Verdi nell’ammucchiata dell’acqua pubblica, che sono quelli che gli hanno triplicato l’inceneritore, fatto la turbogas, costruito un asilo su un latamaio di veleni, privatizzato l’acqua, tutte cose che lui contestava con i comitati, però, quelle cose lì sono di sinistra e lui non è di destra, povera anima in pena.

  • matteo

    non so se avete ritenuto interessanti i primi 2 link, ma penso che sia possibile vi sia giunto l’errore 404.
    Visto che ho pure salvato le pagine degli aricoli ve li copio incollo. Almeno se capita, li potete leggere (li metto in 2 nuovi commenti):

  • matteo

    NON È UNO SCHERZO MA LA TRISTE REALTÀ
    Domenica 11 Luglio 2010
    di ANNA CAMPANIELLO
    Mezzi di soccorso imbottigliati nel traffico
    Il tempo per i litigi e le schermaglie politiche è ampiamente scaduto. All’ingresso dei primi malati nel nuovo Sant’Anna mancano poco più di due mesi. Escludendo agosto, tipicamente un periodo di inattività pressoché totale, restano una trentina di giorni.
    Oggettivamente, non c’è più spazio per le parole. Per dirla tutta, in realtà, i comaschi non hanno più nessuna voglia di sentire parole. Fatti. Ecco l’unica cosa che ora si chiede agli amministratori, siano essi dei Comuni interessati , della Provincia, della Regione, dell’azienda ospedaliera. Fatti.
    Espressione generica che è possibile però declinare nello specifico almeno in quattro modi: strade, autobus, anagrafe, parcheggi.
    Niente di nuovo sotto il sole? Verissimo, purtroppo. I problemi che affliggono il Sant’Anna sono ampiamente noti da tempo. E proprio questo rende la questione ancora più grave. Per passare dalle parole ai fatti gli amministratori hanno avuto infatti quasi sette anni di tempo, dal famoso 2003, anno della firma dell’accordo di programma per la costruzione del Sant’Anna bis.
    Le giustificazioni dell’ultimo minuto non sono accettate e tantomeno accettabili. Che ci sia il problema dei tagli alle Regioni, della crisi e della solita burocrazia sarà anche vero. Ma non sono scuse presentabili oggi, a due mesi dall’apertura del Sant’Anna bis. E, soprattutto, sette anni dopo la firma dell’accordo di programma.
    Eppure, proprio ora che sarebbe il momento di chiudere il cerchio e dare le ultime risposte, anziché vedere i fatti ecco spuntare nuove difficoltà, ostacoli imprevisti o sottovalutati.
    Il risultato è sotto gli occhi di tutti. La strada per permettere ai mezzi di soccorso di raggiungere senza intoppi il Sant’Anna non c’è. I bus neppure. I parcheggi, forse. L’anagrafe sì ma non si sa chi se ne debba occupare.
    In pochi giorni abbiamo sentito i vari amministratori invocare l’intervento del prefetto, del comitato di vigilanza, della Regione, persino del ministero dell’Interno. Si spulciano leggi e leggine alla ricerca di cavilli, escamotage, soluzioni last second. Intanto, i giorni passano. Il tempo scorre inesorabilmente e l’ingresso dei primi pazienti si avvicina rapidamente.
    Sicuramente in modo più veloce degli autobus, ancora un miraggio lontano. E delle ambulanze che già immaginiamo (con orrore) bloccate nel traffico dell’ora di punta in via Varesina.
    Non è uno scherzo, è la triste realtà.

  • matteo

    Nessuna corsia di emergenza per il nuovo S. Anna
    Domenica 11 Luglio 2010
    A due mesi dall’apertura manca l’accordo per realizzare la strada riservata alle ambulanze
    Il Sant’Anna bis partirà senza la corsia per i mezzi di emergenza. A due mesi dall’ingresso dei primi pazienti, Comune di Como e Provincia non hanno ancora raggiunto un’intesa per l’allargamento della Varesina, intervento indispensabile per garantire l’accesso rapido al presidio delle ambulanze. La presentazione del progetto era attesa per i primi giorni di luglio, ma ad oggi non c’è alcuna certezza sull’intervento. Il tratto della Varesina che porta al nuovo ospedale è un punto in cui il traffico è abitualmente molto intenso. Per evitare il rischio che i mezzi di soccorso restino imbottigliati, nell’accordo di programma firmato nel 2003 è stato previsto l’allargamento della strada dal sottopassaggio in corrispondenza di Villa Giulini alla rotonda del centro commerciale di Montano Lucino. Dei lavori, come previsto nello stesso accordo di programma, deve occuparsi il Comune di Como.
    Nelle scorse settimane, Palazzo Cernezzi ha raggiunto un accordo con la Provincia perché sia Villa Saporiti – nell’ambito degli interventi viabilistici già in fase di realizzazione per migliorare l’accesso al nuovo ospedale – ad occuparsi anche dell’allargamento della Varesina. I finanziamenti però dovrebbero essere stanziati dal capoluogo. La presentazione del progetto era attesa nei giorni scorsi e i lavori sarebbero dovuti partire subito. In realtà, la procedura è bloccata per uno scontro in atto tra i due enti locali.
    «Si continua a discutere e perdere tempo e non si passa ai fatti – attacca senza mezzi termini Pietro Cinquesanti, assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Como – L’accordo sembrava cosa fatta. Dal Comune invece abbiamo ricevuto una lettera incomprensibile. Anziché parlarci andiamo avanti a lettere, è assurdo».
    Il nodo della questione è economico. «Abbiamo presentato un’ipotesi di intervento realizzabile in tempi brevi tramite una perizia di completamento dei lavori viabilistici già in corso – dice Cinquesanti – Il preventivo di spesa è di circa 250mila euro. Dal Comune però, sempre tramite lettera, ci hanno fatto sapere che la disponibilità è di 135mila euro. Con questa somma non possiamo realizzare nulla. Se non si trova un’intesa per quanto ci riguarda restituiamo la palla al Comune».
    Respinge gli attacchi al mittente Stefano Molinari, assessore alla Viabilità del Comune di Como. «Stiamo lavorando – dice l’esponente della giunta di Palazzo Cernezzi – I nostri tecnici hanno messo a punto due ipotesi di intervento per allargare la strada, una che non prevede interventi strutturali, l’altra più completa. Per quanto riguarda i fondi, dovremo approvare una variazione di bilancio, ma ci sono già gli accordi necessari a garantire le risorse».
    «Per quanto mi riguarda non c’è alcun problema particolare e i lavori stanno procedendo – prosegue Molinari – Non avevo idea che ci fossero malumori in Provincia. Prendo atto di quanto riferito da Cinquesanti. Ne parlerò anche con il sindaco. Per quanto riguarda le risorse economiche, lo stanziamento previsto è ritenuto congruo dal nostro dirigente. Faremo le opportune valutazioni nei prossimi giorni».
    Polemiche a parte, a due mesi dall’avvio della fase di trasferimento dal vecchio al nuovo Sant’Anna è ormai certo che l’ospedale aprirà senza la corsia per i mezzi di soccorso. «Escludo nel modo più assoluto che la nuova corsia possa essere realizzata entro settembre – sentenzia Cinquesanti – Si sono persi due mesi in discussioni e ancora non c’è un’intesa. Non si può pensare che tra due mesi ci sia la strada».

    Anna Campaniello

  • Valerio

    Roba da non credere! Grazie Matteo!

  • matteo

    Prego.
    Nonostante tutti gli sforzi anche andando al TG1 (servizio che devo ancora vedere e guarderò quando silverlight non romperà) penso che ci sia qualche cosa di grosso che non riguarda solo l’emilia romagna. Infatti mi è balenata la data 2003 più volte.
    Vedremo cosa salterà fuori.

  • matteo

    come dicevo su estense.com c’è qualche cosa di grosso sotto.

    http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/143824_sotto_il_nuovo_santanna_sepolti_rifiuti_proibiti/
    http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/143824_sotto_il_nuovo_santanna_sepolti_rifiuti_proibiti/

    Spero che le analogie non valgano in toto per il sant’anna bis di ferrara

    Ho pure trovato una cosa interessante sul sito del PD provinciale comasco di 2 argomenti:
    il primo riferito alla svendita del sant’anna 1 di como titolato “soncerto per la vendita sant’anna”

    il secondo off topic, per quanto riguarda la linea politica sui contratti derivati, dove il PD comasco chiede da tempo di venderli prima di fare ulteriore buco.
    “I CONTRATTI DI FINANZA DERIVATA E LA LEGGEREZZA”

    entrambi sono a questo link:
    http://www.pdcomo-provincia.it/

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese