Cambia la prospettiva Home Raccomandata

31 Mar, 2009

Rassegna programmi elettorali

Inserito da: PpF In: Politica

facebook technorati okno segnalo

Dragotto
dragottoLa cosa non può essere assolutamente rimandata. Il sito di Dragotto apre scenari inediti dagli aspetti imprevisti, per i quali occorre un minimo di preparazione: gli sci ai piedi sono una categoria morale? No, fermi tutti! Che nessuno esca! Eh, che cavolo! Non siamo mica al bar, qui. Ne va del futuro della città… Tornate indietro…

Verdi
verdiAvendo capito che le politiche keynesiane sono in crisi irreversibile, si accontentano della raggiunta consapevolezza, crogiolandosi in autocompiacimenti e autostime (utili presso i concessionari nel caso vadano male le elezioni). Sarà per questo che la sostanza della la bozza di programma dei Verdi è così striminzita. Non accennano neanche di straforo al catalogo IKEA 2009. Poi, per darsi un po’ di tono mondano menzionano i G.A.S, filiere corte, co-housing (però è bellina questa, la concorrenza non ci ha pensato), e altre chiacchiere di donna alla pompa, fra cui la reinvenzione degli orti di guerra (orti sociali, orti terapeutici). Mancano i lavori forzati ma questa è una bozza, può darsi che riescano ad infilare il co-working (forced) appena trovata qualche dritta dall’america.
Deludono le aspettative non dicendo assolutamente nulla delle Strutture Dissipative, né dell’Ipotesi di Riemann. Insomma, il programma è appena un pelino più vivace dell’elenco telefonico di Rovigo.

Tagliani

tagliani

Il programma di Tagliani non è logorroico come quello dei verdi (forse è meglio dire delle verdi), però si propone di diventarlo ad elezioni vinte. Il primo punto, infatti, è “Dedicare uno spazio durante la settimana all’ascolto dei cittadini”. Gatta ci cova, sembra una trappola da avvocato Azzeccagarbugli: perché dedicare “uno spazio” e non “un tempo”? Il “dove” è irrilevante. Che il parlatorio sia la panchina sotto al monumento a Garibaldi o un confessionale in Comune, ciò che importa è quanti sia disposto ad ascoltarne e per quanto tempo: facciamo dieci minuti lordi l’uno? 6 all’ora, 48 al giorno. Senza saltare nessuno dei 365 giorni, coadiuvato da un vigile che allo scadere dei 10 minuti sbatta fuori il cittadino che si dilunga, in un anno al parlatorio Tagliani riuscirebbe ad ascoltare appena il 13% della scocciatissima popolazione ferrarese. E nel frattempo il sindaco lo farebbe fare a sua moglie? Bisognerebbe che Tagliani fosse meno evasivo. Faccia uno sforzo. Intanto noi ci candideremmo volentieri per l’appalto di fornitura dei numerini salvacoda.

Savini

saviniAspettiamo a pronunciarci. Siamo lettori sufficientemente esperti per riconoscere a colpo d’occhio la tipica tipologia descrittiva da “Prefazione” di autobiografia, ottenuta gratis da luminare amico e compiacente, il quale a sua volta la pretende da uno dei suoi studenti più vulnerabili. Riprenderemo l’esame quando il programma sarà davvero redatto.

Barbieri

barbieriAnche qui il Programma è in divenire. Una dichiarazione d’intenti comprende 13 “vogliamo impegnarci”. Non si può dire che manchi la buona volontà. Poi ci sono le Linee Programmatiche con la freccetta in fondo. La Semplicità è il pregio di questo programma a 5 punti S (sicurezza, salute, sviluppo, sociale, servizi). Solo 2 su 5 sono compilati, il che, a due mesi dalle elezioni e con appelli ad ogni pagina (“aiutaci a redigere…”), può apparire come un drammatico vuoto di idee.  Ma probabilmente si tratta solo di una scelta scientifica di discontinuità radicale all’interno della ricerca, in linea col pensiero di Gaston Bachelard e della sua rottura epistemologica, come pure del suo allievo Althusser che sottolineava come anche Marx opera una rottura epistemologica nei confronti della dialettica di Hegel. E’ da questo dettaglio che Barbieri viene smascherato: è l’ultimo marxista-hegeliano rimasto a Ferrara. In giugno travolgerà PRC e PdCI.

Paolo Giardini

Progetto per Ferrara

  • Valerio

    Allora, Paolo, ricapitolando,
    Dragotto incomincia a credere (con calma) di poter riaccendere la città,
    Barbieri ama Ferrara e infatti si nota abbastanza,
    Savini ha un sogno nel cassetto ma non ce lo vuole dire e
    Tagliani semplicemente ci sta (da un sacco di tempo e lo sappiamo),

    ma i Verdi cos’è che fanno?

  • Paolo Giardini

    Cosa FANNO i verdi? Perché questa domanda indiscreta?

    La risposta dipende dalla categoria di persone che formula la domanda. Bisogna distinguere fra chi non ha letto la loro Bozza di Programma, e chi invece si è sciroppato tutte le farisaiche 58 pagine dell’ostentazione di Alta Cultura Verde.

    Per la prima categoria rimane il velato invito di sopra a leggersi l’elenco telefonico di Rovigo invece di programmi-truffa scritti da verdi che FANNO il tentativo, contro la morale, di circonvenzione di elettori incapaci.

    La seconda categoria – chiaramente arrivo tardi – ha già scoperto da sola che i verdi FANNO gli ipocriti sostenendo ancora turbogas, inceneritore e tacendo che di fatto, concretamente, hanno tenuto bordone al Comune fino ad ora in tutte le sue nefandenze dilapidatorie e Castaiole. Le saccenti 58 pagine presentano argomentazioni forti, molte delle quali sagge, possono purtroppo risultare suadenti.
    Per fortuna la lettura non è lo sport nazionale.

  • Dragotto – Nerone? Lui vuole accendere noi vogliamo spengere l’inceneritore…..

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese