Cambia la prospettiva Home Raccomandata

27 Gen, 2010

Restauro e fiera di Ferrara

Inserito da: PpF In: Economia, sviluppo, lavoro|Turismo

facebook technorati okno segnalo
Share

di Roberto Zambelli

Nel 2003-2004, in occasione della trasformazione di un padiglione della fiera di Ferrara in Sala Congressi a grandezza variabile, contestai la scelta per quelli che allora erano ovvi motivi ritornati amaramente pressanti oggi che ci stiamo giocando la credibilità sulla permanenza o meno del Salone del Restauro a Ferrara. Allora, se non ricordo male ci fu qualcuno che si permise di suggerire che se le cose sarebbero poi andate male forse poteva dipendere anche dalle mie, peraltro argomentate e propositive, lamentele.

Allora rendevo evidente il fatto che, per una fiera piccola, ma ben strutturata come quella di Ferrara portare via spazio espositivo e/o dedicato alla ristorazione per fare congressi quando si poteva integrare il quartiere fieristico con quello congressuale antistante su via Bologna si sarebbe potuto rivelare disastroso. Allora contestavo anche che rinunciare all’accesso da Via Bologna era stata una scelta scellerata proprio da un punto di vista del puro e semplice marketing spicciolo. La questione è purtroppo riemersa sulla proposta per un nuovo palazzo dello sport fatta in occasione della promozione del Basket Club in serie A1; anche in quel caso ho manifestato la mia contrarietà sulla base di quanto si potrebbe e si dovrebbe fare ancora oggi se si vuole davvero dare a Ferrara una sede fieristico-congressuale degna di questo nome e in grado di mantenere e valorizzare le fiere attuali e di attrarne di nuove.

Perché le scrivo oggi? Le scrivo oggi poiché negli ultimi tempi, prima sul Il Resto del Carlino e oggi su La Nuova Ferrara si riaffronta l’argomento, purtroppo ancora una volta in modo dissonante e premonitore di disastri (ovviamente dal mio punto di vista). Mario Resca ferrarese e ora Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale presso il Ministero ha parlato della questione in relazione al finanziamento stanziato per l’Ermitage Italia e ci ha preavvisato che c’è bagarre tra i saloni del restauro di Ferrara, il primo in assoluto, nato nel 1994 e giunto oggi alla 17a edizione, e quelli di Venezia (2006) e Firenze(2009) e che dei tre, non si sa per quale motivo, ne resterà solo uno. Oggi ritornano sull’argomento, ognuno parlando pro domo sua e con una visione delle cose per me preoccupante, tre persone non esattamente al di sopra di ogni sospetto se non altro per le cariche ricoperte: Nicola Zanardi, presidente di Ferrara Fiere, che ora (chissà se è già troppo tardi) afferma che “…siamo di fronte ad una prova impegnativa. Per mantenere la manifestazione confrontandosi con due città del calibro di Firenze e Venezia, occorre che la proposta che darà la città sia importante. Firenze sta già copiando il nostro modulo E Ferrara dovrà quantomeno vestirsi a festa e dare segnali importanti di vitalità per poter continuare sulla sua strada. Serve insomma, un impegno collettivo, perché il ministero non andrà solo dove c’è la maggior tradizione (e Ferrara è stata la prima a dare vita al Salone del Restauro) ma anche dove troverà risposte concrete.”; Sauro Baraldi, ex dirigente Cisl, chiedendo la massima attenzione, con molta ovvietà (troppa per me), evidenzia che “…il Salone del Restauro deve essere il momento per lo sviluppo della città e della provincia e serve un’azione unitaria per definire scelte concrete.”. Massimo Misto ora vicesindaco del comune di Ferrara con delega alla cultura ci dice: “…a breve insieme a Ferrara Fiere definiremo un programma collaterale di iniziative che si svolgeranno in città per rafforzare la visibilità, l’autorevolezza, e la capacità di aggregare che ha il Salone del Restauro. Iniziative che saranno in centro e nella Fiera, perché con il Salone del Restauro si spazia a 360 gradi nella cultura.”.

Zanardi, credo che il suo tempo sia scaduto e chiede un impegno collettivo a tutta la città per fare le cose concrete che doveva fare e che lei non ha fatto avendone il mandato o sbaglio? Doveva evitare di togliere spazio espositivo ai saloni e ai servizi, ad esempio, di ristorazione e doveva impegnarsi per l’integrazione del centro congressi con il quartiere fieristico. Doveva cercare di premiare le varie imprese che negli anni hanno dato fiducia Ferrara e alla nostra Fiera ad esempio pretendendo che fosse riattivato l’ingresso di Via Bologna semmai rimodellando la viabilità in una zona in cui tuttora è possibile farlo. Faccio notare che non usare come marketing naturale e pubblicitario via Bologna con il relativo ingresso principale equivale, per molti imprenditori ed organizzatori fieristici e per molte delle fiere che ancora si tengono a Ferrara, alla differenza che c’è tra il vivere e il morire, tra la qualità e lo squallore. Perché? Semplicemente perché ancora oggi in via Bologna passano circa 1200 auto al giorno che, se tradotto in solo possibile aumento di ingressi, equivarrebbe a risultati economici incredibili sia per le piccole e piccolissime fiere sia per i grandi eventi e soprattutto si tradurrebbe in un reale legame con una Ferrara, che ormai non sa neppure più di avere ancora la Fiera. In merito alla mia domanda se non valesse la pena riattivare questo ingresso la risposta che mi fu data allora da una dirigente della Fiera stessa è emblematica: “la gente si abituerà al nuovo ingresso e si dimenticherà dell’ingresso di Via Bologna” La gente, in effetti, si è dimenticata della Fiera e neppure percepisce quando ci sia un evento fino a far trarre l’errata, ma sbrigativa e fuorviante conclusione che il cittadino Ferrarese sia, come il solito, disinteressato a quanto avviene in Fiera come del resto di tutte le cose che lo circondano. Quale sviluppo e quale indotto Baraldi se nessuno sa neppure che la Fiera esista? I Sindacati dove sono quando ci sarebbe da fermare i cosiddetti buoi prima che escano dalla stalla? Come mai non leggo mai nulla sull’argomento se non a posteriori?

L’assessore e vicesindaco Massimo Maisto, dalle parole che leggo, sembra voler fare un tutt’uno di questo problema del Salone del Restauro e quelli strutturali della Fiera con la mancata realizzazione di Ferrara Città Territorio: unire le due cose sarebbe un errore madornale e gli chiedo di mantenerle separate almeno fino a ché non si siano risolti i rispettivi colli di bottiglia.

Cosa propongo in conclusione? Partendo dal presupposto che, in un mercato libero, trovo abbastanza assurda l’ipotesi, salvo che la cosa non sia già stata decisa per altri motivi ancora non resi pubblici, che debba restare in vita uno solo dei tre saloni esistenti, credo che si debba, in breve tempo dimostrare, che c’è davvero la voglia di fare quello che finora non è stato fatto e che operativamente si tradurrebbe nei seguenti passi: 1) organizzare una serie di incontri in un forum aperto e trasparente su ogni aspetto (in cui io mi candiderei volentieri sia come rappresentante di Progetto per Ferrara sia come operatore professionale) per individuare gli interventi concreti che permettano di dare nuova vita al quartiere fieristico; 2) valutare e mettere in atto tutti i passi necessari per integrare il palazzo congressi di Via Bologna con il quartiere Fieristico restituendo così i padiglioni e le aree servizio alle loro funzioni originali; 3) riattivare l’ingresso su Via Bologna; 4) iniziare un’immediata valutazione per portare a termine la riprogettazione e la modifica della viabilità di Via Bologna nella zona antistante il palazzo congressi rendendola funzionale, oltre che al traffico ordinario, alla fruizione dei servizi che la zona Fiera-Congressi potrebbe offrire; 5) integrare la viabilità con ciclabili, servizi pubblici e di collegamento con la città, la stazione ferroviarie e l’aeroporto Marconi di Bologna situato, non dimentichiamolo, a 30 minuti dal quartiere fieristico 6) dotare il quartiere fieristico-congressuale delle migliori infrastrutture relative alla Information Technology; 7) Avviare operazioni di marketing pubblicitario integrando e coinvolgendo gli operatori turistici e ogni altra struttura che a Ferrara si occupi di accoglienza e promozione del territorio.

Se si vuole davvero che il quartiere fieristico diventi parte della città e motore di sviluppo e se si vuole mantenere il Salone del Restauro come fiore all’occhiello dandogli anche nuovi stimoli per un suo sviluppo autonomo a Ferrara non c’è più tempo da perdere e soprattutto è ora di smetterla di mischiare le carte confondendo cose diverse tra loro.

Roberto Zambelli – Progetto per Ferrara

Cambia la Prospettiva

  • Come cercare di evitare che anche il Salone del Restauro di Ferrara tra-passi altrove

    Appare sempre più evidente che negli anni futuri il successo di un evento fieristico non potrà più prescindere sia da un radicamento, che da un coinvolgimento del territorio nel quale viene ospitato.
    L’esempio più recente, che meglio di qualunque considerazione teorica, esemplifica tale assunto è quanto è avvenuto durante l’ultima edizione di “Arte Fiera” che ha avuto luogo al Quartiere Fieristico di Bologna da venerdì 29 a domenica 31 gennaio 2010 come raccontato dal comunicato stampa qui di seguito linkato (http://www.artefiera.bolognafiere.it/files/documenti/2010/artfirst_gennaio.pdf%3Cbr%3E).
    Riepilogando: si è trattato di tre iniziative Bologna Art First – Arte Fiera Off – Art White Night che hanno affiancato l’aspetto espositivo degli stands all’interno del Quartiere Fieristico; iniziative tutte visibili nella pagina programma degli “Eventi 2010” (http://www.artefiera.bolognafiere.it/eventi2010/) che qui riepiloghiamo:
    a) Bologna Art First (durata 30 giorni) dal 29 gennaio al 28 febbraio 2010
    Un itinerario esclusivo nella città, diventa per il primo anno un progetto curatoriale affidato a Julia Draganovic. Il progetto nato dalla collaborazione tra la città di Bologna e Arte Fiera Art First, presenta dal 29 Gennaio a fine Febbraio 2010 una serie di installazioni di artisti che lavorano con le gallerie partecipanti. Un’unica grande mostra collettiva per creare un dialogo tra l’arte contemporanea e location inusuali del centro storico della città e dei suoi dintorni
    b) Arte Fiera Off
    Mostre, film, festival di arti, performance d’artista che coinvolgeranno una molteplicità di luoghi a Bologna e in Emilia Romagna .
    c) Art White Night

    La notte di Sabato 30 gennaio 2010 il Centro Storico di Bologna è diventato una grande vetrina dell’arte contemporanea con apertura serale straordinaria di musei, gallerie, palazzi, concerti e mostre.

    Art Fiera Night si è svolto in 48 luoghi della città di Bologna.
    Questo coinvolgimento di un così alto numero di spazi pubblici e privati nel Centro Storico della città sta a dimostrare quanto la manifestazione sia diventata, con il tempo, un incontro collettivo sull’arte moderna che coinvolge tutta la cittadinanza e non una partita esclusiva giocata da 200 importanti galleristi chiusi dentro i padiglioni del Quartiere Fieristico di via Stalingrado ed i loro potenziali clienti; i visitatori di quei padiglioni.
    Perché gli organizzatori hanno sentito la necessità di organizzare tutto ciò?
    Per non far rimanere “Arte Fiera” un incontro di soli specialisti (per soli specialisti), numericamente pochi per ottenere quel ritorno mediatico oggi indispensabile all’affermazione di ogni manifestazione rispetto a tutte le altre possibili manifestazioni concorrenti pronte a nascere in altre località.
    Un analogo suggerimento ci sentiamo di darlo anche agli organizzatori delle Mostre di’Arte che ogni anno hanno luogo al “Palazzo dei Diamanti” con una formula e con modalità di comunicazione identiche da quasi vent’anni e quindi ovviamente diventate obsolete rispetto ad una concorrenza “(in Regione) che vede anche una città d’Arte come Forlì recapitare nei bar di Ferrara dei contenitori di Cartoline per promuovere una mostra di pittura avente per tema “Fiori” (http://www.mostrafiori.com/).
    L’esigenza di coinvolgere tutta la Città di Ferrara per un periodo di diverse settimane, su di un tema ampio come quello dell’Arte Moderna, in concomitanza con le future mostre, diventerà anche sempre più inderogabile.
    Mi sembra che il paragone sia calzante anche quando si volessero esaminare le prospettive di crescita del “Salone del Restauro di Ferrara” nel caso si voglia in futuro cercare di coinvolgere (in modo analogo a quanto avvenuto a Bologna) tutto il Centro Storico di Ferrara “Città del Rinascimento” dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e patria del primo Salone del Restauro”: sede privilegiata di approfondimento dei temi della Conservazione dell’immenso patrimonio edilizio e di opere d’arte che la Storia ha lasciato non solo a Ferrara, ma ovunque nel nostro paese.
    Allora perché non aprire ai visitatori del Salone del Restauro (sia in modo virtuale, in fiera, che nella realtà del Centro Storico) tutti i luoghi in cui tali interventi – nel bene e nel male – sono già avvenuti?
    Ciò consentirebbe ai visitatori del Salone luoghi già restaurati: penso alla Chiesa di San Cristoforo (http://www.artecultura.fe.it/index.phtml?id=297)
    ed a Casa Cini (http://casacini.altervista.org/),
    come a quelli ancora da restaurare come l’Oratorio dell’Annunziata (http://www.artecultura.fe.it/index.phtml?id=560),
    oltre al Castello Estense (http://www.castelloestense.it/ita/castello/monumento/) e a palazzi meno importanti per gli apparati decorativi sopravvissuti nel tempo, ma per questo non meno importanti per la loro architettura e la loro storia.
    Ferrara inoltre è stata il laboratorio in cui è stata verificata (in qualche caso per la propria volta) anche la compatibilità di corretti restauri con l’inserimento di nuove funzioni legate all’ospitalità.
    Palazzo Beccari Freguglia (dal 1980 sede dell’Hotel Ripagrande) è stato forse uno dei primi casi di trasformazione di un edificio storico vincolato in Albergo nel centro di un capoluogo di Provincia. Analogamente a distanza di 40 anni, forse Casa Cini è uno dei primi esempi di recupero di un’abitazione nobiliare del ’400 (anch’essa vincolata) destinata a svolgere le funzioni di Centro Congressi, sia pure di ridotte dimensioni.
    Entrambi due esempi interessanti, e comunque da conoscere, potrebbero costituire il preambilo di cui parlare in un incontro pubblico, presentando anche altri casi di strutture ricettive di diverse regioni italiane, da alcuni anni riunite in una associazione denominata “C’era una Volta” (www.onceuponatime.it) .
    Riteniamo infatti che possa essere utile ed interessante una tavola rotonda nell’ambito del “Salone del Restauro” di Ferrara sul possibile riutilizzo degli oltre 10.000 Edifici Storici che in Italia attendono di essere riportati a nuova vita, non solo per essere adibiti ad abitazioni private (a causa delle loro caratteristiche distributive interne), o a spazi museali o ad uffici pubblici, come è avvenuto fino ad ora in molti casi.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese