Cambia la prospettiva Home Raccomandata

09 Ago, 2011

RILANCIAMO IL VERO TURISMO

Inserito da: PpF In: Cultura|Turismo

facebook technorati okno segnalo
Share

di Lanfranco Viola

Uno dei pochi temi su cui vale la pena di insistere, in questo periodo di paure nazionali, per le conseguenze che potrebbe riservare al futuro economico e occupazionale della città, è la prospettiva della nostra Industria dell’Accoglienza. L’unica che potrebbe crescere nel giro di poco tempo, in quanto i suoi potenziali clienti sono in tutta Europa in notevole aumento, come dimostrano i dati recenti dei pernottamenti nelle altre città d’ arte del Nord Italia compresa Varese (sic! ). Ferrara è sicuramente un’importante città d’arte, per la sua storia e i suoi monumenti,ma non possiamo dirci una città turistica,in quanto non è mai stata pensata, progettata, concepita e gestita come tale dalla sua classe dirigente politica, amministrativa e imprenditoriale (salvo qualche lodevole eccezione).

Tralascio l’elenco dei monumenti, chiese e musei chiusi da tempo immemorabile nella totale indifferenza, per fare una affermazione lapallissiana: per potersi autodefinire città turistica è necessario ospitare turisti italiani e stranieri in quantità ragguardevole, non solo modeste percentuali poco significative per l’economia e l’occupazione.

I turisti ed i turismi in un capoluogo di provincia sono prevalentemente di cinque tipologie. A Ferrara, a spanne, sono il turismo businness (30- 35%, in diminuzione), il turismo fieristico-congressuale (8-10% stazionario), il turismo sanitario (4- 5% stazionario), il turismo scolastico (8-10% in leggera flessione) ed il turismo leisure, legato all’appeal e alla fama della città come destinazione culturale valida tutto l’anno, pari al 35-40% e in progressiva e preoccupante diminuzione. Precisiamo una volta per tutte che né i militari Nato né gli studenti universitari, possono più essere spacciati per turisti. Appare evidente che mentre sulle prime quattro tipologie ci sarebbe molto da fare, ma con scarse prospettive nel breve periodo, riguardo al vero turismo (pari a meno del 40% delle presenze totali), potrebbe raddoppiare nel giro di 16/18 mesi. Ancora oggi è costituito al 70-80% da italiani che non frequentano la nostra Capitale del Rinascimento nei mesi estivi, proprio quando la maggioranza di loro ha le ferie (senza parlare degli stranieri). Il tutto a fronte di una capacità di accoglienza delle strutture ricettive cittadine pari a tre volte il loro utilizzo attuale. Anche le mostre ai Diamanti sono da sempre state pensate, realizzate e comunicate solo per richiamarvi prevalentemente un’alta percentuale prevalente di escursionisti, spacciati per turisti con la complicità di troppi e per troppo tempo. Negli ultimi due anni, nei quali i nodi sono arrivati al pettine e le mistificazioni lessicali non sono più possibili, tutti i responsabili si sono fatti di nebbia. Da marzo del 2010 (ben 17 mesi ) non ci sono stati più incontri, convegni o dibattiti ufficiali e pubblici sullo stato dell’industria turistica della città. Perché? Siamo autorizzati a sperare che finalmente abbiano preso coscienza che colpevolmente hanno la coda di paglia? Non lo credo: anzi ritengo che qualcuno speri solo di evitare pubbliche brutte figure.

 Lanfranco Viola

  • Lanfranco Viola

    Dalla data di questa comunicazione ad oggi, sono trascorse le tre settimane di Ferragosto,ed io ho continuato ad insistere, con una serie di Lettere al Direttore di http://www.estense.com ,le quali finalmente,sembrano essere riuscite a far comprendere la Centralità del tema Turismo Culturale per questa città.
    Tra le tante, quella che ha avuto più visite e più commenti è stata quella dal titolo “Mi sembrava di essere in un’altra città.”che ha collezionato una settantina di post e quasi 1500 commenti;mai accaduto prima.
    Non so si ttratti di un fuoco di paglia o,se sono riuscito finalmente dopo anni di pseudo comunicati stampa, in realtà di veline (tipo Mini Cul Pop ) a suscitare qualche interesse per un tema fino ad oggi sempre poco trattato.
    Essendo io stato tirato in ballo quasi sempre a sproposito,neanche mi fossi reso colpevole del delitto di Lesa Maestà, ho potuto replicare più volte riportando sempre , in modo sintetico, dati di confronto interessanti,che invito a leggere.e magari anche a commentare da parte di coloro che fossero interessati a conoscere perchè l’industria turistica non è mai decollata a Ferrara,se confrontata a quanto avvenuto in altri Centri Storici di analighe dimensioni.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese