Cambia la prospettiva Home Raccomandata

29 Mag, 2010

Spuntano appartamenti, negozi, clinica privata al Sant’Anna

Inserito da: PpF In: Sanità|Urbanistica

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

Avevano dichiarato che nulla era stato deciso dell’area Sant’Anna. Tagliani, l’assessora all’urbanistica Fusari e la collega alla sanità Sapigni avevano ribadito più volte in consiglio, nelle commissioni ed in circoscrizione, che tutto era da definire, aperto alla partecipazione dei cittadini. Diversi consiglieri Pd avevano negato l’ipotesi che sorgessero abitazioni, tanto meno villette, dentro al Sant’Anna. Solo Tagliani, in campagna elettorale, aveva accennato alla possibilità di una residenza per anziani o di una clinica privata. Ebbene la verità è un’altra. Le idee sul destino dei 15 ettari dell’area Sant’Anna sono tutt’altro che indefinite e la maggioranza ha già fissato i paletti.

 

Oltre ai servizi socio-sanitari nel vecchio anello e le superfici destinate all’università, saranno realizzati circa 24 mila mq di abitazioni, 4 mila di negozi, uffici e benessere, 27 mila in hotel e clinica privata.

Lo ha proposto il gruppo di lavoro (Comune, Aziende sanitarie, Università, oltre al consulente Pregher, ex sindaco di Cesena) fin dal 2007. A metà 2008 le idee si sono fatte più precise, grazie al tavolo tecnico (Regione, Soprintendenze, Comune, Aziende). Su 101 mila metri quadri di patrimonio edilizio esistente, si è deciso di recuperarne 72 mila, demolirne 29 mila, costruirne ex novo 30 mila, a totale quasi inalterato. I 30 mila mq di nuove costruzioni saranno abitazioni, negozi e uffici. E la giunta dice di non saperne nulla.

Poi arriva l’articolo 11 dell’accordo di programma tra Comune, Provincia e Regione, firmato da Sateriale a fine 2008, pochi mesi prima delle elezioni, che assegna all’area Sant’Anna, oggetto di riconversione, la destinazione residenziale, commerciale e terziaria, rinviando al nuovo piano particolareggiato (costo 200 mila euro) la modifica dell’attuale utilizzo sanitario. Occorre dunque variare il Prg, senza che la giunta non ne sappia nulla!

Su tutta l’area, però, insiste un vincolo del Ministero della Pubblica Istruzione che nel 1952 stabiliva il “divieto di nuova costruzione e modifica di quelle esistenti”. Il Comune si è subito attivato per rimuovere l’ostacolo, naturalmente a sua insaputa, come nel caso Scaiola. Non conosciamo l’esito dell’ inconsapevole iniziativa. Ma nel 2006 è arrivato lo sblocco del Padiglione Oftalmico del 1950, che potrà dunque essere demolito, insieme ai magazzini, alla farmacia ed altri fabbricati. L’obbiettivo monetario è chiaramente dichiarato nel rapporto finale del tavolo tecnico: recuperare 31 milioni di euro per Cona.

Gli appartamenti sorgeranno a ridosso di via Mortara, Corso Giovecca e in nuovi edifici che si affacciano su “corti verdi di ampia dimensione”. Ma non sono villette! Ci saranno un nido interaziendale, chiesto dall’Università, e negozi in via Mortara. Spunterà poi un hotel, mentre le cliniche chirurgiche (12350 mq) si trasformeranno in una bella clinica privata. E Tagliani non ne sa nulla. L’operazione è stimata 157 milioni di euro (utile pari a 34,6 milioni), di cui 64 in appartamenti, 27 in negozi, 16 in uffici-terziario, 30 la clinica, 15 l’albergo e 5 i parcheggi. Ma nessuno sa niente.

Ora è chiaro perché il Sant’Anna chiuderà, unitamente al pronto soccorso, al day hospital e ad altri servizi primari. E la famosa “storta” delle 19.00 dovremo curarla a Cona o nella comoda clinica privata in Giovecca (a pagamento).

 Valentino Tavolazzi,  Consigliere comunale

Progetto per Ferrara, MoVimento 5 Stelle

Cambia la prospettiva   

  • Armando Zanetti

    certo mi sa che forse bisognerà andare a Cona..
    20 anni dopo l’inizio dei lavori e a pochi mesi(speriamo bene)dall’apertiura del nuovo ospedale ormai sembra che tutti se ne siano fatti una ragione ormai..
    Una volta demoliti i brutti padiglioni sanitari anni70,veri casermoni in stile sovietico del vecchio s.annal’ideale sarebbe avere solamente villette con parecchio verde…
    meno densità abitativa,meno cemento e quindi meno smog con il sollievo di tutti i (fortunati)cittadini che abitano all’interno o a ridosso delle mura..

  • Sergio Peretti

    personalmente i padiglioni anni ’70 me li terrei stretti, non sò se sono meglio di quelli di 20 anni fà di Cona. Non abbiamo bisogno di villette ……. il verde poi in centro è un buon motivo per distruggerlo (vedi parcheggio di via Palestro) ………. una considerevole quantità di appartamenti invenduti o non affittati giustifica l’errata scelta a fronte di colate di cemento negli ultimi anni nell’immediata periferia (zona via Bologna, via Pomposa, via Comacchio, via Canapa, ecc…) …….. e lo smog purtroppo aumenterà vertiginosamente per il continuo spostamento di migliaia di persone sopratutto nel tratto Ferrara-Cona.

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Fausto Cellini: i ( passi a raso o varchi a raso) senza taglio di marciapiede non è dovuto il contributo o Tassa Comunale. Sig. Si faccia seguire da una associazion
  • Comitato via Prinella: gentile Diabolik, avrei bisogno URGENTEMENTE di mettermi in contatto con Lei, è possibile? scriva a comitatoviaprinella@gmail.com grazie!
  • Giorgio Montolli: Segnalo questa intervista con il prof. Franco Berrino: http://www.verona-in.it/2015/03/27/franco-berrino-per-il-cibo-la-spesa-fatela-con-la-bisnonna-

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese