Cambia la prospettiva Home Raccomandata

19 Mag, 2010

Turobogas di Ferrara: “Quante promesse disattese”

Inserito da: PpF In: Ambiente e salute

facebook technorati okno segnalo
Share

Scritto da Alessandro Kostis   

Nella nostra gita fuori porta di qualche settimana fa al petrolchimico di Ferrara, avevamo voluto andare a vedere in prima persona cosa succede dentro uno stabilimento del genere. In verità, eravamo rimasti sorpresi dalla grande ospitalità che i nostri accompagnatori ci avevano riservato. Tutto, in quell’occasione, ci è apparso molto trasparente e degno di fiducia; cosa che, infatti, abbiamo anche sottolineato in un articolo apparso un paio di settimane fa.Tuttavia qualche dubbio c’è rimasto. La nuova centrale turbogas, ad esempio. Nella nostra visita sul posto, l’argomento è stato solo sfiorato.

Si è accennato a questo nuovo impianto che avrebbe dovuto abbassare i costi energetici del polo chimico, ma qualcosa, anche parlando con gli addetti al lavoro, ci era parso non tornasse. Ora, dopo aver sentito la voce di chi quello stabilimento lo gestisce, abbiamo deciso di ascoltare anche chi, invece, vede nella nuova centrale più elementi critici che benefici. Soprattutto per la comunità dei cittadini.

Per questo, ci siamo rivolti al consigliere comunale Valentino Tavolazzi (esponente della lista civica Progetto per Ferrara), uno dei più attivi, in campo politico, quando si parla di salute e di ambiente.

Dott. Tavolazzi, chi trarrà i maggiori benefici dall’attivazione della nuova centrale turbogas?

Io, sinceramente, non vedo nessun vantaggio. La centrale è stata spacciata come un traino di recupero, in realtà aiuterà solo la rete energetica nazionale. Per il polo chimico non ci sarà nessun vantaggio, basti pensare che la linea interna di distribuzione non è nemmeno completa. In più c’è un problema di voltaggio: i macchinari del petrolchimico richiedono un voltaggio differente da quello fornito dalla centrale. Direi che ci sono state numerose menzogne riguardo la effettiva possibilità di traino, in verità è chiaro che la centrale andrà a servire solo la rete nazionale. È evidente che l’unico soggetto che trarrà dei benefici da questo impianto è il suo proprietario, cioè EniPower. Per loro sì che rappresenterà una miniera d’oro, soprattutto visto il fatto che l’energia prodotta da un impianto turbogas è assimilata alle fonti rinnovabili (e gode quindi di lauti incentivi).

Passando ora ai possibili problemi ambientali che una centrale del genere può causare, cosa ci dice riguardo alle future emissioni?

Se la prima promessa mancata era che la turbogas avrebbe rilanciato i destini del polo industriale, favorendo anche l’insediamento di nuove aziende (come la vicenda dell’Estelux, ndr), la seconda era quella inerente alla riduzione delle emissioni. La V.I.A. (la valutazione di impatto ambientale), nel suo calcolo, si è tuttavia basata su studi fasulli, in cui si comparavano le emissioni della nuova centrale con quelle delle due centrali preesistenti, che tuttavia sono state considerate come alimentate a gasolio. In verità, una, la CTE1, era completamente a gas, mentre la seconda, la CTE2, per il 60% alimentata a metano. Se avessero fatto una comparazione esatta, sarebbero venuti alla luce ben altri valori, soprattutto per quel che riguarda i Nox (ossidi di azoto). Proprio attraverso processi fotochimici che ruotano attorno a questi NOx, inoltre, si formano le micropolveri, un elemento nemmeno preso in considerazione al momento di fare la V.I.A. E, sempre per rimanere sul tema ambiente, un’ulteriore promessa che era stata fatta nel periodo della valutazione, era quella di procedere alla bonifica del sito. In realtà, ad oggi, è stato fatto poco o nulla. Hanno bonificato giusto laddove sarebbe sorta la turbogas, ma non hanno iniziato a fare niente per bonificare le falde acquifere sotterranee.

Ma la gente è stata coinvolta nel processo decisionale che ha portato alla nascita della nuova centrale?

No. Fino al 2003 è stato un dramma, solo silenzio. Poi c’è stata un po’ di mobilitazione, soprattutto da parte dei comitati. Nel 2007 è stata la volta del referendum, autogestito in quanto non autorizzato dal Comune: in due giorni si è arrivati a 11.500 voti contrari. Nessuno ne ha tenuto conto. Tuttavia la mobilitazione dei comitati in qualche modo ha pagato: la V.I.A imponeva che gli offgas (le cosiddette torce che fuoriescono dai camini) fossero trattati. La Sef (la società realizzatrice, ndr) ha tentato di portarli direttamente dentro la turbogas, trattandoli (bruciandoli) lì. A quel punto noi abbiamo presentato due esposti al ministero e convinto la commissione V.I.A a far realizzare due impianti di trattamento a parte.

  • elena

    bravo

Tags:

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese