Cambia la prospettiva Home Raccomandata

08 Mar, 2010

Vogliamo sapere quanto PFOA c’è nell’acqua potabile

Inserito da: PpF In: Ambiente e salute|Servizi pubblici

facebook technorati okno segnalo
Share

di Valentino Tavolazzi

Secondo Medicina Democratica di Alessandria l’acqua del Po conterrebbe concentrazioni enormi di PFOA: fino a 1.500 ng/l, quando gli altri fiumi italiani ed europei non superano mai 1-20 ng/l. Il PFOA, acido perfluorottanoico,  è tossico, mutageno, cancerogeno, teratogeno, se respirato o bevuto o mangiato col pesce e nella catena alimentare. Il PFOA non si vede, è trasparente ma micidiale. Il CNR Consiglio Nazionale della Ricerca l’ha trovato perfino alla foce del Po, dopo che ha percorso 600 chilometri. E’ indegradabile nell’acqua (però bioaccumulabile nei tessuti viventi). E’ scaricato a Spinetta Marengo (Alessandria) dalla Solvay, società già sotto processo per lo scandalo del cromo esavalente, cancerogeno.

Dalla Bormida finisce in Tanaro e infine nel Po.

In Italia mancano limiti di legge per il PFOA (colpevolmente, come era per l’amianto). E’ utilizzato per il Teflon delle padelle antiaderenti e per il GoreTex dei tessuti. Negli USA è stato messo al bando dopo che la Du Pont ha sborsato 101,5 milioni di dollari per risarcimenti alla popolazione.

L’EPA (Environmental Protection Agency) l’aveva trovato nel sangue umano e nei cordoni ombelicali, dopo aver accertato nelle cavie tumori, soprattutto al fegato, interferenze al sistema endocrino, con l’asse ipotalamo-ipofisi,  alterazioni degli ormoni tiroidei, cancro alla tiroide, danni allo sviluppo e alla riproduzione, riduzione del peso alla nascita, inversione sessuale nei pesci.

In Italia tali effetti sono confermati dal Comitato nazionale per la biosicurezza e le biotecnologie e dall’Istituto superiore della Sanità.  Il Codacons ha chiesto di sequestrare 150 milioni di pentole di Teflon. Il Ministero dell’Ambiente, invece,  non ha saputo fare altro che commissionare un altro studio al CNR, peraltro senza finanziarlo. Nessuna legge è stata approvata.

A Pontelagoscuro e alla foce del Po il PFOA pare sia sempre attorno ai 200 ng/l.

I cittadini hanno diritto ad essere informati dettagliatamente al riguardo da Hera, Asl, Arpa, Comune, Provincia.

 Valentino Tavolazzi, Consigliere comunale Ppf

Cambia la Prospettiva  MoVimento 5 stelle

  • Carla

    Inserisco risposta avuta in merito ai PFOA l’11 settembre 2009 da Stefano Polesello del CNR .
    A parte vi allego il testo pdf che mi ha mandato.

    Gentile dott.ssa,

    L’azienda Hera preleva acqua dal Po, la sottopone a trattamenti di
    purificazione e talvolta la miscela con acqua di falda per la
    potabilizzazione. La proporzione e’ variabile in funzione della portata del
    fiume e del cuneo salino di risalita della falda. E cio’ varia, credo, anche
    da zona a zona della città e della provincia

    Nel Po è presente questa sostanza, il PFOA, (mentre il PFOS è a livelli
    decisamente piu’ bassi) che deriva probabilmente da uno scarico industriale
    piemontese sul quale stiamo “indagando”. Chiaramente la concentrazione nel
    Po della sostanza dipende dalla portata del fiume stesso. Se il Po e’ in
    piena la concentrazione (cioè la quantità di sostanza per unita’ di volume)
    diventa piu’ piccola, spesso trascurabile.

    Dai dati raccolti finora la concentrazione massima nel fiume è comunque
    inferiore ai limiti di potabilità stabiliti in altri paesi.

    Abbiamo analizzato alcuni campioni di acqua potabile presi ai rubinetti in
    maniera sporadica e senza una validita’ statistica. In entrambi i casi in
    cui abbiamo fatto il prelievo la sostanza era presente a concentrazioni
    sicuramente 10-50 volte inferiori ai limiti di potabilità, però c’era.

    Quindi il rischio è basso, sicuramente inferiore all’utilizzo di padelle di
    teflon per frequenti fritture. Allo stato attuale delle conoscenze è
    impossibile valutare quanto l’esposizione a lungo termine a piccole quantità
    possa portare a disturbi. Per ora non ci sono dati evidenti in tal senso.

    Il nostro allarme non è quindi sul non bere l’acqua, ma e’ per l’azienda
    perche’ faccia controlli in tal senso specie quando preleva in regime di
    magra e adotti i sistemi di potabilizzazione adatti ad eliminarla.
    Quello che potete chiedere è di vedere se fanno le analisi di questo
    composto, ma bere l’acqua in se’ non è particolarmente rischioso.
    Eventualmente evitate di bere l’acqua del rubinetto in periodi di magra del
    fiume. Per tutti gli altri usi dell’acqua potabile non c’è nessun rischio.

    Aggiungo che lavoro nel settore acque, abito nell’hinterland milanese e ho
    sempre bevuto l’acqua del rubinetto e l’ho data da bere anche ai miei figli
    da quando erano neonati.

    Spero di essere stato esauriente e sufficientemente chiaro per un non
    tecnico (quale presumo sia lei, mi perdoni se sbaglio)
    In allegato trova un articolo un po’ piu’ scientifico che riporta i dati relativi alla sostanza

    cordiali saluti

    Stefano Polesello

Abbiamo fatto molta strada

PpF su Facebook

Salviamo il S. Anna

Operazione “fiato sul collo” – i nostri video

Guarda i nostri video. Fiato sul collo

Quorum Zero – Più Democrazia

http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/wp-content/uploads/2012/02/logo_QUORUM-ZERO.jpg

Democracy Day – 27 Novembre 2011 – Ferrara

http://www.paolomichelotto.it/blog/tag/democracy-day/

15 Ottobre

http://15october.net/it/

Linee programmatiche consiglio comunale

Consiglio comunale 09.07.09: Elezione del Presidente e Vicepresidente.

Scaricate e leggete le Linee programmatiche presentate dalla maggioranza.

Consigliere comunale

Il consigliere comunale della nostra lista civica è Valentino Tavolazzi.

Scaricate il curriculum ed il certificato penale.

Vai alla pagina riservata dal Comune di Ferrara.

Scaricate il contratto Tavolazzi - Comune di Ferrara.

Scaricate il reddito Tavolazzi prima di accettare l'incarico del comune.

Leggi la relazione che l'allora City Manager Valentino Tavolazzi ha scritto al Sindaco, nel 2002.
Scaricala.
Relazione del 2002 sulla piazza "sbrisulona": leggila.


  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • Valentino Tavolazzi: Ing. Savini, come le ho scritto sei anni fa, saremmo ben lieti di pubblicare un intero suo articolo nel nostro sito, con la sua completa versione dei
  • vittorio savini: ,,,aggiungo inoltre che vi è stata un' ORDINANZA del tribunale di Ferrara (artt. 676 C.P.P.) n. 250/2016 del 2 novembre 2016 a firma del giudice Pier

In sintesi

'Progetto per Ferrara' e' una iniziativa politica aperta, rivolta a tutti i ferraresi, elaborata e promossa insieme a compagni di viaggio, che in questi anni hanno condiviso con me intense battaglie in difesa della salute, dell'ambiente e per il cambiamento della politica.
Valentino Tavolazzi

Twitter

Cento: espulsi per aver chiesto spiegazioni

Categorie

Progetto per Ferrara, gruppo consiliare

Vieni a trovarci sul sito del comune di Ferrara.

Giorno specifico per il ricevimento al pubblico: mercoledì (mattino 9-13, pomeriggio 16-19)

Commenti

Il primo commento di un utente è moderato per evitare offese personali e/o altre parole che possano essere perseguite penalmente, a tutela del blog e degli utenti stessi. In seguito all'approvazione del primo commento di un utente, i successivi non saranno moderati, ma potranno essere rimossi, nei casi di cui sopra.

Contribuisci





Progetto per Ferrara

Via dei Calzolai 184, 44100 Francolino (FE) C.F. : 93074960381

info@progettoperferrara.org

Attività mese per mese